Con la tecnologia C-Fab di Branch Technology crea la più grande struttura stampata in 3D al mondo

Branch Technology costruisce ‘la più grande struttura stampata in 3D del mondo’ nel Tennessee

Chattanooga, azienda produttrice di architettura con sede a Tenn, Branch Technology ha presentato ufficialmente un padiglione di bandshell presso lo sviluppo oneC1TY di Nashville che è considerato la più grande struttura stampata in 3D al mondo . Realizzato in Acrylonitrile Butadiene Styrene rinforzato con fibra di carbonio e rifinito con una vernice metallizzata protettiva contro i raggi ultravioletti, il padiglione di 20 metri di altezza e 42 piedi di larghezza è stato presentato la scorsa settimana all’Associazione Internazionale per le Costruzioni Shell e Spaziali del 2018, un’architettura e ingegneria simposio al MIT, a Cambridge, Mass.

Il padiglione dei colli OneC1TY è stato commissionato da Cambridge per incorporare alcuni degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite che il sito sta cercando di dimostrare, ed è stato progettato e fabbricato da Branch Technology.

Il progetto originale è stato creato e analizzato digitalmente, ma ha rilevato che avrebbe bisogno di una sottostruttura in acciaio invadente per supportare le ampie campate che avrebbero triplicato il costo del progetto. Il team, guidato dai designer della Branch Technology Melody Rees e Jason Vereschak, ha collaborato con l’incubatore R & D CORE Studio di Thornton Tomasetti, società di ingegneria strutturale con sede a New York. Hanno riprogettato la bandhell ​​utilizzando programmi software interni ed aerospaziali e hanno creato una struttura ottimale che non necessitava di acciaio per realizzare le ampie campate del diametro di 42 ‘, tranne per l’ancoraggio delle piastre di base alle fondamenta. Usando la tecnologia di stampa 3D di Cellular Fabrication (C-Fab) dell’azienda, il team Branch ha stampato 40 pannelli fuori sede per un periodo di 10 settimane e li ha poi assemblati nel punto designato a Nashville.

La tecnologia C-Fab di Branch Technology utilizza un braccio robotico industriale personalizzato (il Kuka KR 90), che estrude un materiale plastico ABS rinforzato con fibre di carbonio in complesse strutture di grandi dimensioni fino a 8.772 piedi cubici. Ciò che distingue queste strutture da altri processi produttivi additivi concreti è che esse costituiscono solo la struttura interna della struttura dell’edificio. Cioè, una volta stampato, la struttura prodotta in modo additivo può essere spruzzata con materiali da costruzione tradizionali a basso costo come l’isolamento in schiuma e il calcestruzzo per creare una struttura edilizia forte e ibrida.

“C-Fab è distintivo in quanto prefabbrica il volume come matrici cellulari”, secondo l’azienda. “La natura a celle aperte consente costruzioni efficienti e forme geometriche infinite.Per l’applicazione architettonica, la matrice funge da cassaforma o scaffold per accettare materiali da costruzione tradizionali.I risultati offrono un prodotto tanto solido quanto rivoluzionario.”

Il padiglione OneC1TY pesa circa 3.200 sterline e può resistere a 1 pollice di ghiaccio, fino a 12 pollici di neve e 90 mph di vento.

Ovviamente, senza un Guinness World Records in attesa, è difficile verificare le affermazioni dello studio. Le registrazioni sono ovviamente destinate ad essere infranti e l’Oak Ridge National Laboratory (ORNL) detiene attualmente il Guinness World Record per il più grande oggetto stampato in 3D a pezzo unico : uno strumento da 17,5 piedi di lunghezza, 5,5 piedi di larghezza e 1,5 piedi di altezza che era personalizzato fatto per Boeing.

Be the first to comment on "Con la tecnologia C-Fab di Branch Technology crea la più grande struttura stampata in 3D al mondo"

Leave a comment