Come stamparsi in 3d un Digitalizzatore di pellicole LEX 35mm

Alexander Gee, fotografo e utente di Thingiverse dalla Nuova Zelanda, ha progettato un digitalizzatore di pellicola 35 mm stampabile in 3D che funziona con una fotocamera E-mount Sony per catturare i negativi del film in dettaglio. Lo strumento è essenzialmente un “ingranditore” 1: 1.

La fotografia cinematografica del 2018 sembra occupare molti mondi diversi. Da un lato, ci sono  montagne di negativi in possesso degli amatori – incontri di famiglia degli anni ’90, per esempio, nascosti in cassetti e armadi solitari e che aspettano solo di essere salvati da chiunque abbia ancora il tempo di guardare una fotografia fisica .

Ma ci sono anche un gran numero di fotografi professionisti che, pur usando le fotocamere digitali per molti progetti, si trovano ancora attratti dall’inconfondibile grana e bellezza della fotografia cinematografica. È stato, naturalmente, questo amore per la fotografia in stile cinematografico che ha generato il successo di Instagram, con i suoi innumerevoli filtri “vecchio stile”.

Infine, ci sono quelli – per lo più giovani che non hanno mai avuto la possibilità di utilizzare le macchine da presa al loro apice – che hanno semplicemente scoperto quanto può essere cool e divertente la fotografia cinematografica. Coloro che hanno trovato gioia in fotocamere analogiche grandi e grosse, così come macchine fotografiche istantanee come quelle fatte da Polaroid. (Una società che ora produce stampanti 3D , abbastanza stranamente.)

La fotografia cinematografica ha goduto di una rinascita negli ultimi anni

Ovunque ti adatti al mondo della fotografia cinematografica, ci sono buone possibilità di avere alcuni  negativi che giacciono da qualche parte che vogliono disperatamente essere digitalizzati, caricati su Facebook e condivisi con il mondo! E ora, con solo una stampante 3D e una fotocamera DSLR, puoi farlo.

Il fotografo Alexander Gee ha caricato su Thingiverse un semplice digitalizzatore di film stampabile in 3D che funziona con qualsiasi negativo da 35 mm, consentendo di recuperare quei video schiocchi potenzialmente iconici degli anni passati.

“Questo è essenzialmente un ingranditore 1: 1”, spiega Gee. “Utilizza un obiettivo ingranditore da 50mm (attacco M39) di vostra scelta per tenere perfettamente il vostro film per digitalizzarlo con una fotocamera E-mount Sony. Il design è semi-parametrico in modo da poter regolare le lunghezze dei tubi se è necessario remixare questo per un diverso innesto dell’obiettivo.

“I tubi filettati sono progettati con un filo contrafforte. Questo evita problemi quando si stampano i thread in quanto non ci sono sporgenze. I fili sono progettati sul lato libero. Per chiusure più strette, aggiungi del nastro di teflon dopo la stampa per accoccolarle. ”

Gee consiglia la stampa 3D dello scanner per pellicole in un materiale di stampa 3D opaco con una risoluzione di 0,3 mm e un riempimento del 25% e suggerisce di incollare il blocco girevole solo alla sezione di montaggio, consentendo all’unità di ruotare rispetto alla fotocamera senza regolare la messa a fuoco.

“Il porta-pellicola stesso è progettato per essere caricato a molla utilizzando viti a testa cilindrica da 3 mm e una molla di compressione tra il dado e il porta-pellicola”, aggiunge Gee. “Se non si dispone di un bullone da 3 mm, utilizzare una piccola sezione di filamento da 3 mm.”

L’indirizzo thingiverse è questo https:/ /www.thingiverse.com/thing:2789457

Be the first to comment on "Come stamparsi in 3d un Digitalizzatore di pellicole LEX 35mm"

Leave a comment