Columbia University e la stampante 3d alimentare che può anche cuocere

Scienziati della Columbia tanno sviluppando una stampante 3D cibo che in grado di cuocere il cibo. Insomma un Kenwood agli estrogeni.

Hod LipsonLe stampanti 3d alimentari sono ancora un fenomeno di nicchia. Un team di ricercatori e ingegneri della Columbia University di New York  spera di cambiare tutto questo, però, attraverso lo sviluppo di una stampante 3D alimentare elegante e funzionale in grado di produrre cibo fatto in casa.

Il team di ricerca, guidato dall’ingegnere meccanico professore Hod Lipson, che lavora nel campo dell’intelligenza artificiale e della produzione digitale presso la Columbia Engineering, è in procinto di sviluppare una stampante  3D alimentare in grado non solo di creare prodotti alimentari e commestibili, ma che sia anche capace di  cuocere degli ingredienti. Finora, la loro stampante 3D è in grado di estrudere alimenti, e ora il compito restante è quello di perfezionare il meccanismo di cottura, che sarà realizzato con l’integrazione di un elemento riscaldante a infrarossi.

Il design della macchina, che dovrebbe perfettamente adattarsi accanto a un frullatore o ad una macchina per il caffè, è stato concepito dal designer industriale Drim Stokhuijzen studente laureato  e dallo studente universitario Jerson Mezquita. All’interno del design moderno, un braccio robotico è dotato di otto slot che possono andare bene per delle cartucce con dei surgelati, e sarà presto anche dotato di un elemento di cottura. Dal punto di vista del design l’esterno trasparente della macchina permette agli utenti di visualizzare in modo chiaro la stampante cibo sul posto di lavoro.

Secondo Lipson, il cibo stampato in 3d  è solo il prossimo passo della nuova tecnologia .  Tocca qualcosa che è alla base della nostra vita. Se ci pensiamo bene la tecnologia ha fatto passi da gigante ma la cucina è rimasta a cuocere con una fiamma libera, come i nostri antenati millenni fa. Quindi questo è un settore in cui il software non è ancora penetrato. E quando il software tocca qualcosa, mette fuori il resto. ”

Naturalmente, la stampante 3D alimentare non è destinata a sostituire i metodi di cottura più tradizionali, ma potrebbe aprire delle porte a nuove tecniche di cottura e nuove possibilità nutrizionali. Per esplorare a fondo le potenzialità della tecnologia, il team di ingegneri ha lavorato con il Culinary Center (ICC) di New York e il suo direttore  chef Hervé Malivert. Insieme, hanno organizzato una serie di workshop per testare quali tipi di nuovi ingredienti possano essere utilizzati, quali nuove combinazioni possano essere proposte, e quali siano le potenzialità di progettazione .

La collaborazione reciprocamente vantaggiosa ha aiutato Malivert ad introdurre i suoi studenti a nuove direzioni della tecnologia alimentare e ha permesso a Lipson di sviluppare la stampante cibo 3D con il contributo culinario di un esperto.
Mentre Lipson spera che un giorno in ogni cucina ci sia una stampante 3D alimentare, Malivert pensa che le stampanti 3d alimentari potrebbero essere particolarmente utili in contesti come case di cura e ospedali. Questo perché con ingredienti personalizzabili e cotture controllabili, la stampante 3D alimentare potrebbe aprire le porte per la creazione di alimenti sani e nutrienti  specificamente pensati per i bisogni delle persone con una alimentazione su misura persona per persona.

Mentre il team di ingegneri continua a lavorare sul prototipo  siamo fiduciosi che una versione più veloce e più accurata del loro modello  sarà pronta entro la fine dell’anno anche con un sistema di cottura integrato.  Secondo Lipson, la stampante è in grado di cuocere ingredienti a temperature variabili e per diverse durate, rendendo il processo di cottura molto personalizzabile.

Se vi state chiedendo come farà, sappiate che un programma software speciale  sarà in grado di controllare questi vari aspetti, programma che è stato sviluppato da Eitan Grinspun, un professore di Computer Science. Un sistema del tutto nuovo è stato ideato e sarà in grado di spiegare i termini e le modalità, come la stratificazione, il rivestimento culinario, l’aspersione, la miscelazione, ecc . inoltre, il software  creato da Grinspun sarà anche in grado di prevedere a ciò che un prodotto  alimentare stampato in 3d sarà simile una volta cucinato ad una certa temperatura per un periodo di tempo specificato.

Il progetto della Columbia University g segna un avanzamento promettente nel campo del cibo stampato in 3d, un campo che offre vantaggi in termini di controllo esigenze dietetiche, e risparmio di costi di trasporto di cibo e di energia. Possiamo solo immaginare le potenzialità di una stampante 3D in grado sia di stampare che di cuocere i cibi a impostazioni controllate.

Be the first to comment on "Columbia University e la stampante 3d alimentare che può anche cuocere"

Leave a comment