Christopher Barnatt  al TCT Show 2017 di Birmingham il suo reportage video

La recensione di futurista Christopher Barnatt al TCT Show 2017 scritta per 3ders
Christopher Barnatt è un autore, YouTuber e futurista freelance. Il suo ultimo libro – Digital Genesis Genesi Digitale – è stato pubblicato nel settembre 2017.

” Dal 26 al 28 settembre 2017, il TCT Show si è tenuto a Birmingham in Inghilterra. Il più grande evento di questo tipo fino ad oggi, ha presentato i talenti e i prodotti  di oltre 250 organizzazioni che si occupano a vario titolo di stampa 3d e di produzione addizionale.

Come negli anni precedenti, il TCT ha presentato molte grandi innovazioni di stampa 3D. Abbiamo visto la scarpa sportiva Adidas Futurecraft 4D , che ha un intersuola stampata in 3D. Fabbricata con una stampante 3d Carbon con la sua ‘produzione continua ad interfaccia liquida’ o  tecnologia ‘CLIP’. La Futurecraft 4D ha inoltre ricevuto il premio per l’applicazione dei prodotti consumer al TCT 2017 per l’utilizzo della stampa 3D in un prodotto di consumo.

Un’altra innovazione che ha catturato la mia immaginazione è stata la stampante 3D di estrusione del materiale FFF da Vinci Color . Questa produce oggetti da un singolo filamento PLA, ma infonde la superficie della stampa con inchiostri CMYK. La stampante 3D dovrà essere lanciata nel novembre 2017 ed è stata presentata ad un prezzo di 3.200 sterline (circa 4.300 dollari), comprese le tasse. Anche la qualità delle stampe a colori della macchina è abbastanza buona – con un tono continuo eccellente. Quindi, mentre la tecnologia non in concorrenza con una stampante a colori a getto di materiale come la J750 di Stratasys, ma il prezzo potrebbe risultare altamente competitivo. Posso infatti immaginare che il colore della Da Vinci sarà molto apprezzato dai progettisti e dai reparti di marketing per la produzione interna dei modelli di prodotti.

Un’atra innovazione interessante era di colorFabb, che aveva un nuovo filamento chiamato nGen_LUX . Il  quale è dotato di additivi di diffusione che disperdono la luce, che provocano stampe che brillano con una grande qualità Sulla superficie. La parte ‘LUX’ del nome significa ‘lusso’ e non c’è dubbio che gli oggetti realizzati con questo nuovo filamento sembrano veramente lussuosi anche senza la post elaborazione . Mi aspetto quindi che nGen_LUX diventi molto popolare con una vasta gamma di utenti che lo utilizzeranno per realizzare gioielli e altri prodotti  di design unici.

L’estrusione di un tipo di materiale molto diverso era la Desktop Metal . Come suggerisce il nome della società, la loro innovazione è una stampante 3D desktop per la realizzazione di oggetti in metallo (anche se l’unità di decompressione e la fornace necessaria per la post-elaborazione sono hardware ). La loro tecnologia è chiamata deposizione metallica legata e utilizza una polvere metallica incapsulata in aste di plastica che vengono fornite alla stampante in cartucce. Le aste solide vengono riscaldate ed estruse per formare strati di oggetti, con il risultato di un oggetto verde che viene quindi post-trattato in una stazione di debug per creare una delicata parte marrone. Questo viene poi sinterizzato in forno a microonde e raffinato  a una temperatura di 1.400 gradi Celsius.

Altre innovazioni al TCT comprendono la versione beta della DragonFly 2020 di Nano Dimension, che utilizza un processo di deposizione inchiostrata e inchiostri dielettrici per la produzione additiva di prototipi di schede a circuito stampato . La DragonFly 2020 permetterà quindi ai progettisti di prodotti elettronici di sperimentare i vantaggi della prototipazione rapida che coloro che progettano beni fisici hanno goduto da molti anni.

Più ampiamente allo spettacolo, è stato interessante testimoniare come la linea tra prosumer e la stampa 3D industriale continua a sfocarsi. Ad esempio, allo stand Ultimaker, ho avuto una interessante chiacchierata con Siert Wijnia e altri su come l’azienda si rivolge ora al mercato B2B, oltre alla sua più consolidata base di utenti prosumer. Come  esempio di progressi in questo arena, Ultimaker mi ha mostrato  strumenti, jigs e fixtures prodotti su una Ultimaker 3 dalla Volkswagen . Questi hanno comportato una riduzione del 95% del tempo di sviluppo degli utensili, nonché il risparmio per Volkswagen di 150.000 euro l’anno.

Nel complesso, la mia visita al TCT è stata molto piacevole e altamente informativa. Lo spettacolo rimane un grande evento per misurare lo stato nell’industria manifatturiera addizionale, e quest’anno lo stato d’animo comune era di grande fiducia. Come sappiamo, la rivoluzione della stampa 3D è stata enormemente sovrastimata qualche anno fa, e l’industria ha avuto un rallentamento  di conseguenza. Ma al TCT 2017 era chiaro che l’industria ha recuperata e ora sta accelerando con forza. Ho lasciato quindi il TCT Show 2017 con la sensazione che la stampa 3D stia marciando con forza nell’arena della produzione principale,

 

Be the first to comment on "Christopher Barnatt  al TCT Show 2017 di Birmingham il suo reportage video"

Leave a comment