CELLINK sbarca in Francia

CELLINK in Francia: ampliare il proprio portafoglio nel 2020

Nel tentativo di rafforzare la loro presenza in Europa, 3D fornitore bioprinter e bioink pioniere società Cellink , ha aperto loro nuovi uffici a Lione, Francia, lo scorso ottobre. Iniziare nuove partnership e collaborazioni con università, ospedali, aziende farmaceutiche e altro, è una parte importante della missione principale di CELLINK, poiché combinano la loro tecnologia con l’innovazione della ricerca ovunque . La città di Lione offre una scena in forte espansione per la bioprinting, con aziende che si concentrano fortemente sui microtumori e sfruttano una rete consolidata che ha raccolto più di 2000 tumori da pazienti in collaborazione con 11 importanti ospedali oncologici nel paese tramite l’ IMODI iniziativa – un consorzio francese per sviluppare nuovi modelli sperimentali di cancro – che preserva e archivia tutti i campioni di tessuti e cellule sviluppati dai partner del consorzio durante il progetto.

Abbiamo parlato con il direttore delle vendite di CELLINK per la Francia e l’Europa meridionale, Edouard Zorn, che prevede una maggiore espansione quest’anno, nuove partnership e collaborazioni di ricerca: “Speriamo di espandere davvero il nostro portafoglio quest’anno in Francia”.

“ Cellink è straordinario nel costruire ponti tra un prodotto e ricercatori di diversa provenienza e cultura. La società ha un orientamento orientato al team, che cerca di lavorare con persone di diverse nazionalità “, triste Zorn, un ingegnere di biotecnologia con una vasta esperienza nella gestione scientifica delle vendite.

Zorn e il suo team di lavoro composto da cinque persone negli uffici di Lione hanno pieno l’ordine del giorno, con 30 clienti in Francia, installazioni di bioprinter e sessioni di formazione per i nuovi utenti di CELLINK, Zorn non può fare a meno di evidenziare la velocità con cui si sta muovendo il campo della bioprinting Europa.

“Ci sono molti ricercatori che si concentrano sulla pelle e sul cancro, che è davvero grande qui, ma ultimamente sono stato anche in contatto con aziende che lavorano su biopharma, vaccini e alcuni hanno persino cercato di sostituire i test sugli animali”, ha affermato.

Da gennaio 2018, CELLINK sta lavorando con un altro dei principali attori a Lione, CTI Biotech, usando la bioprinting per sviluppare microtumori . CTI Biotech utilizza la tecnologia CELLINK esclusivamente per il proprio lavoro e ora ha tre bioprinter nel proprio laboratorio, anch’esso situato a Lione. CELLINK e CTI Biotech hanno persino firmato un accordo per la stampa 3D di cellule tumorali personalizzate, con CELLINK che assiste CTI nella produzione di repliche tumorali specifiche per il paziente, che saranno stampate in 3D combinando il bioink di CTI con un campione di cellule tumorali dei pazienti, promettente di offrire trattamenti personalizzati per il cancro su base personalizzata, paziente per paziente.

“L’obiettivo della nostra collaborazione è offrire ai ricercatori un vantaggio nel trattamento di specifici tipi di cancro e, a lungo termine, fare un serio passo avanti nella lotta per curare il cancro. CTI si sta muovendo molto velocemente per sviluppare modelli e commercializzarli e scelgono le nostre macchine per la loro versatilità, intuitività e parametri facilmente modificabili. CTI Biotech è uno dei clienti con cui cresciamo di più e credo che sia stata un’ottima decisione per entrambe le aziende lavorare insieme ”, ha spiegato Zorn.

Finora, hanno già commercializzato la pelle CELLINK per test farmacologici e cosmetici, che hanno anche lavorato per migliorare, e Zorn pensa che presto lavoreranno per introdurre alcune cellule umane sulla pelle, e forse per vascolarizzare il tessuto.

L’ufficio CELLINK di Lione sta vendendo le proprie macchine nell’Europa centrale, lavorando lungo la parte francofona della Svizzera e del Belgio, nonché nei mercati spagnolo e portoghese.

“Lavoriamo con molte università in Francia. Ad esempio, presso l’ Università di Medicina di Montpellier , Xavier Garric, utilizza la INKREDIBLE + bioprinter per insegnare agli studenti master come progettare e stampare dispositivi medici impiantabili e scaffold per l’ingegneria dei tessuti; e Alexandra Fuchs dell’Hôpital St Louis impiega un BIO X per l’ingegneria dei tessuti “.

All’università di Grenoble , Vincent Haguet sta generando organoidi cutanei, corneali e del pancreas per la modellizzazione di organogenesi (formazione di organi) e patogenesi (sviluppo di malattie), con un BIO X. Tra queste applicazioni, gli organoidi vengono utilizzati per lo screening e il test di nuovi farmaci . A esercitare il potere del BIO X c’è anche Anthony Treizèbre, dell’Università di Lille , per la bioprinting di Tumor-On-Chip e Blood-Vessels-on-Chip per lo sviluppo di dispositivi multicellulari microfluidici basati sulla biomimetica per lo studio delle metastasi . La loro idea è quella di riprodurre i vasi sanguigni usando le cellule endoteliali delle vene ombelicali umane (HUVEC) e modulando la matrice extracellulare circostante.

L’ Università di Nantes ‘Pierre Weiss funziona anche con BIO X per stampare dispositivi basati su fosfato di calcio personalizzati medici per la rigenerazione ossea maxillo-facciale, così come a base di enzimi formulazione idrogel per i sistemi complessi in rigenerazione ossea.

Zorn ritiene che “vi sia una forte domanda da parte dei pazienti che si aspettano che il campo medico e di bioingegneria adattino i trattamenti ai pazienti. Ci sono molte aspettative per la medicina personalizzata, in particolare per quanto riguarda i microtumori per i test antidroga. Inoltre, ultimamente, abbiamo visto ricercatori concentrarsi pesantemente sull’immunoterapia, quindi vedo un grande futuro al riguardo e ritengo che CTI Biotech stia cercando di posizionarsi in quel campo. “

Fortunatamente, suggerisce che ci sia collaborazione in Europa. L’ Unione europea (UE) sta finanziando progetti di collaborazione congiunti con l’obiettivo di sviluppare dispositivi e applicazioni medici con soluzioni terapeutiche e CELLINK vuole farne parte. Zorn ha sottolineato l’importanza del Progetto Silk Fusion , che unisce gli scienziati allo sviluppo di una tecnologia che utilizza la seta, un materiale naturale biocompatibile e sostenibile, per produrre una strumentazione per la produzione di piastrine per bioink e stampa 3D, cercando di risolvere l’offerta limitata di piastrine umane . Altri progetti che hanno CELLINK come collaboratore cercano di risolvere problemi di articolazione articolare, ossa e persino parti di bioprinting del tendine e della cartilagine.

“Abbiamo bisogno di persone che comprendano la biologia cellulare, la chimica, l’hardware, l’elettronica e il software, nonché una buona comprensione e comprensione dei bisogni inerenti alla cultura di ciascun paese, ovvero il modo in cui espandiamo”, ha concluso Zorn.

La filiale francese dell’azienda si unisce agli altri sei uffici in tutto il mondo di CELLINK, a Boston, Göteborg, Friburgo, Blacksburg, Kyoto e Stoccarda. Zorn spera che la forza vendita insieme all’esperienza della rete di professionisti di tutto il mondo che lavorano per CELLINK porterà a una presenza più forte dell’azienda nell’Europa centrale e a maggiori sforzi congiunti che potrebbero avvicinare il futuro della tecnologia di bioprinting al nostro presente.

Be the first to comment on "CELLINK sbarca in Francia"

Leave a comment