Cédric Van Parys e l’architettura di Shanghai stampata in 3d in 25 modelli

L’artista belga Cédric Van Parys ripresenta  l’architettura di Shanghai in 25 modelli stampati in 3D

Poiché la stampa 3D offre agli artisti di tutto il mondo nuove opportunità di sperimentazione e innovazione, molti scoprono che la chiave è nei dettagli. Per il futuro artista e architetto belga Cédric Van Parys, questo principio si applica per tutto il suo processo, dalla sua ispirazione iniziale all’esecuzione .

Il progetto “Monumenti per il progresso” di Van Parys, esposto all’inizio di quest’anno alla Biennale di Venezia, rende omaggio alle splendide architetture che punteggiano lo skyline di Shanghai, portandole a nuove altezze sotto forma di 25 piccoli modelli stampati in 3D, tutti creati in scala.

“Shanghai è come un piatto di fusione”, dice Van Parys. “È l’unica città in cui sono passate tante culture diverse, dando vita a diversi stili architettonici. I tetti potrebbero essere templi, sculture moderne o strutture molto futuristiche. Quello mi ha incuriosito. ”

“Monumenti per il progresso” è il prodotto finale dei 10 mesi Van Parys passati nella massiccia cosmopoli cinese come artista Swatch in residenza. Nell’ambito del rinnovamento del marchio svizzero di The Swatch Art Peace Hotel nel centro di Shanghai, alcuni anni fa, è stato lanciato un programma unico di residenza artistica che offre 18 laboratori e appartamenti ad artisti provenienti da tutto il mondo. Overso da un comitato di selezione che comprende collezionisti d’arte e nomi di industria che vanno dal CEO di Kering François-Henri Pinault a George Clooney, il programma intende introdurre il mondo dell’arte migliore e più brillante nelle prosperose strade di Shanghai.

Un diplomato del Central Saint Martins e scenografo di Prada, Van Parys è stato invitato alla residenza di Swatch Art Peace Hotel nel 2016. Secondo l’artista belga, la maggior parte di quei dieci mesi sono stati spesi attraversando le strade di Shanghai sul suo scooter e fotografando grattacieli da ogni angolo.

“La prima cosa che ho notato veramente erano le strane sculture in cima ai grattacieli; tutte queste strutture veramente strane, ” dice Van Parys alla stampa locale. “Stavo pensando,” perché sono lì? “” Per un’idea più approfondita, l’artista spesso trascorreva i giorni a salire sui tetti con la sua macchina fotografica, documentando ogni punto di riferimento architettonico. Fortunatamente per Van Parys, la maggior parte delle costruzioni erano accessibili – molte guardie di sicurezza semplicemente non sapevano cosa fare con lui, ride. Altrimenti, l’artista belga sceglieva di scattare foto da una finestra, la più alta da lui trovata. In totale Van Parys dice di essere salito in oltre 300 edifici.

Di nuovo in studio, le foto sono tornate lentamente in vita, come Van Parys ha trasformato le immagini 2D in modelli stampati 3D utilizzando tecniche SLA leggermente curate. Secondo lui, la tecnologia di stampa 3D è stata l’unico mezzo appropriato per ottenere dettagli di dimensioni minori di 0,3 mm.

I “Monumenti per il progresso” emergenti sono poi stati posti poi messi in una serie di paesaggi fabbricati e dipinti in due toni: azzurro per il paesaggio e l’oro per i tetti stessi. “L’azzurro scuro è ispirato a quel momento della sera, prima che a Shanghai diventi veramente buio e l’oro è un colore che significa qualcosa di prezioso e reale, molto amato dai cinesi”, afferma Van Parys.

Per ciascuno dei 25 modelli, l’artista ha cercato di ritrarre un momento particolare nell’architettura distrettuale di Shanghai. Tutto sommato, l’effetto è abbagliante, sia come un microcosmo di una  vera e propria grande città, sia come una visione artistica.

Be the first to comment on "Cédric Van Parys e l’architettura di Shanghai stampata in 3d in 25 modelli"

Leave a comment