Cazza Construction il robot X1

Il robot  stampato in 3d  X1  di Cazza Construction che potrebbe ricostruire le  case distrutte dagli uragani

La Cazza Construction, la start up della Silicon Valley che ha promesso di “rivoluzionare” la costruzione usando la produzione di additivi, ha offerto una primo presentazione del suo robot di stampa 3d Cazza X1  . L’azienda spiega che il robot potrebbe ricostruire le case nelle zone disastrate come le aree colpite dall’uranio Harvey.

Ci sono molte aziende che si sforzano di prendere il controllo del nuovo settore di stampa 3D nell’ambito delle costruzioni. Basta guardare alcuni dei bellissimi e meravigliosi palazzi 3D che sono stati eretti negli ultimi anni e controllare il lavoro di aziende come Apis Cor , MX3D e CyBe Construction per vedere la gamma di nuove tecnologie che sono offerte.

Alcuni specialisti della stampa 3D, tuttavia, sono eleganti come Cazza Construction . Con un giovane team di gestione (co-fondatori Chris Kelsey e Fernando De Los Rios hanno rispettivamente 20 e 27 anni), una base nella Silicon Valley e contratti per palazzi stampati in 3D a Dubai , Cazza sembra sempre più piacere come una Uber o un Facebook della stampa 3D delle costruzioni.

Quella è positiva, ma c’è chiaramente un punto interrogativo abbastanza grande appeso alla Cazza Construction: nessuno ha visto il robot presumibilmente  perché non esiste ancora.

Naturalmente, l’azienda ha ogni diritto di mantenere la sua tecnologia segreta. Dopo tutto, questa è una start up che mira a grandi investimenti, quindi non renderà suo robot per la  stampa 3d con le sorgenti open source sorgente in qualsiasi momento presto. Tuttavia, c’è una certa confusione circa la descrizione dell’azienda e del suo processo di compilazione. Le frasi come “Con il tocco di un pulsante, il robot di Cazza inizia a stampare il tuo progetto da sogno” sono enfatiche, ma non esattamente esplicative.

La pagina del prodotto per il robot di stampa 3D il Cazza X1 offre almeno alcune dimensioni e altre specifiche, affermando che il braccio robotico principale del robot può sollevare 90 kg con una portata massima di 3,9 metri. Questa portata può essere estesa a 4,7 metri con l’estensore del telescopio del robot, mentre un’estensione idraulica dell’altezza estende l’altezza massima del robot da 1,1 metri a 5,5 metri.

Questa settimana, le cose diventano  un po ‘più chiare – se non completamente trasparenti – con Cazza che pubblica un video YouTube del suo robot di stampa 3D Cazza X1 in azione.

È in realtà un rendering 3D di ciò che probabilmente il robot potrebbe fare, rivelando che il robot si muoverà su dei cingoli e impiegherà un braccio lungo come gru per spostare il suo ugello di stampa in posizione. Forse avremmo potuto immaginare entrambe queste caratteristiche, ma è bello avere almeno un’immagine di quello che Cazza sta facendo dietro le quinte.

Due giorni dopo aver pubblicato quel video, Cazza ha poi inviato un comunicato stampa che spiega come la X1 (la versione reale, non la rendering) possa essere utilizzata per ricostruire case distrutte da disastri naturali come uragani.

Data la recente distruzione causata dagli uragani Harvey e Irma, è comprensibile perché Cazza vuole sottolineare questa potenziale applicazione per la X1. Anche se il lavoro svolto a Dubai prevede la costruzione di strutture sperimentali, forse di lusso, il robot di stampa 3D in loco può utilizzare velocemente il proprio vantaggio per costruire rapidamente case per i cittadini sfollati in zone di disastro.

“Potrebbe sembrare  fantascienza, ma i robot di stampa 3D di Cazza sono qui oggi”, scrive Cazza nel comunicato stampa. “La Cazza X1 è un robot progettato per costruire” case, ville, rifugi, magazzini, moduli prefabbricati, edifici commerciali e strutture indipendenti “in soli sette giorni utilizzando la tecnica di stratificazione comune alla stampa 3D”.

Cazza presenta anche alcune statistiche sull’X1, dicendo che può offrire una riduzione dei costi del 40 per cento, un risparmio che potrebbe “raggiungere centinaia di milioni di dollari oltre un solo anno”. La società aggiunge che le sue strutture in calcestruzzo si asciugano in soli sette giorni, rispetto ai soliti 28, dopo di che la loro forza di sollecitazione concreta misura a 47 MPa.

Cazza sta accettando pre-ordini per la X1, che costa  480.000 dollari  . Il Cazza X1 Core, una macchina più avanzata, costa  620.000 dollari  .

Be the first to comment on "Cazza Construction il robot X1"

Leave a comment