BumpMarker: un marker tangibile stampato in 3D per la codifica, il tracciamento e la misurazione del peso simultanei

In un documento intitolato ” BumpMarker: un marker tangibile stampato in 3D per la codifica, il tracciamento e la misurazione del peso simultanei “, una coppia di ricercatori introduce un dispositivo che ha inventato tag, tracce e pesa oggetti sui fogli dei sensori di pressione. Come sottolineano, c’è una grande richiesta di gestione dell’inventario in ambienti come magazzini e ospedali. Nei sistemi esistenti di gestione dell’inventario, è necessario controllare i nomi e le posizioni degli articoli, il che può essere facilitato collegando i codici a barre leggibili dalla macchina per il monitoraggio della quantità. Tuttavia, è necessario innanzitutto determinare le posizioni di stoccaggio per trovare gli articoli desiderati, quindi è possibile collegare etichette RFID (RFID) e lettori RFID per coprire l’intero spazio di archiviazione.

“Tuttavia, quando gestiamo contenitori che contengono oggetti relativamente piccoli (pellet o polveri) o liquidi, dobbiamo introdurre una procedura aggiuntiva per monitorare i cambiamenti nella quantità di oggetti nei contenitori”, affermano i ricercatori. “Ad esempio, se rimuoviamo una certa quantità di sostanza chimica liquida da un contenitore, per prima cosa identifichiamo l’etichetta del contenitore eseguendo la scansione del tag leggibile dalla macchina allegato. Dopo aver rimosso la quantità desiderata di liquido dal contenitore, la massa della sostanza chimica sottratta viene misurata con una bilancia. La quantità consumata viene quindi registrata a fini di gestione. Questa procedura non è auspicabile in quanto richiede un notevole lavoro manuale e dispositivi aggiuntivi. “

Pertanto, i ricercatori hanno sviluppato BumpMarker, un dispositivo stampato in 3D in grado di acquisire contemporaneamente informazioni, posizione e peso incorporati di un oggetto su fogli di sensore di pressione ad alta risoluzione. Il dispositivo è costituito da diversi pin su una piastra di base piatta.

“Modificando la disposizione dei pin, possiamo incorporare informazioni digitali che possono essere utilizzate come ID dell’oggetto”, spiegano i ricercatori. “Il marcatore stampato è quindi attaccato al fondo di un oggetto. Quando l’oggetto viene posizionato su un foglio del sensore di pressione, il foglio acquisisce la mappa della pressione e quindi la elabora per tracciare la posizione del marker, recuperare le informazioni e calcolare il peso dell’oggetto. Pertanto, BumpMarker ci consente di monitorare a distanza le quantità di prodotti in contenitori semplicemente posizionando i contenitori sul foglio del sensore di pressione senza richiedere una procedura aggiuntiva. “

I ricercatori hanno usato la stampa 3D per sviluppare il dispositivo perché consente la produzione rapida di prototipi e iterazioni. Hanno sperimentato con il BumpMarker per confermare che potevano “migliorare la sensibilità di rilevazione dei pin utilizzati diffondendoli adeguatamente nello spazio” e hanno dimostrato che il sistema può distinguere circa 100 g di differenza di peso. Propongono diverse applicazioni per il dispositivo; ad esempio, se un ospedale stava conservando vari medicinali liquidi sugli scaffali, il sistema può monitorare automaticamente e in remoto le posizioni precise dei farmaci e le loro quantità rimanenti. Può anche essere implementato sugli scaffali dei frigoriferi per monitorare quali scorte di cibo o bevande si stanno esaurendo. In ambienti con enormi quantità di inventario,

Gli autori del documento includono Changyo Han e Takeshi Naemura.

Be the first to comment on "BumpMarker: un marker tangibile stampato in 3D per la codifica, il tracciamento e la misurazione del peso simultanei"

Leave a comment