Brooks Genesys, la prima scarpa da corsa ad alte prestazioni personalizzata

Man mano che le tecnologie continuano a progredire, spesso si concentrano sull’esperienza umana e nel mantenimento e miglioramento dell’agilità  . In particolare, le calzature beneficiano delle tendenze non solo della personalizzazione, ma alla personalizzazione, poiché ogni passo e ogni andatura sono unici. Supportare il modo di camminare di ogni individuo consente una migliore esperienza complessiva, e aziende come Brooks stanno prendendo nota significativa.

Brooks, che ha lavorato con FitStation con HP , ha presentato Genesys, la sua prima scarpa da corsa ad alte prestazioni personalizzata, nell’ultimo Summit HP dell’innovazione globale . Il panel sull’immersive computing ha riunito i partner di FitStation HP, Brooks e Superfeet in una discussione riguardante un futuro personalizzato per le calzature tratto da una piattaforma di soluzioni basata sui dati. Dopo la conversazione del panel, ho apprezzato l’opportunità di sedermi con Tricia Dugan, VP e Head of Global GTM, Immersive Computing, HP; Pete Humphrey, VP di R & D, Brooks; e Patrick Pons de Vier, SVP, Global Footwear, Brooks.

Quando la giornalista Tanya Weaver e io abbiamo parlato con il trio, ho dovuto confessare che mentre conosco Brooks attraverso il loro lavoro con FitStation e la dedizione nel portare tecnologie avanzate nelle scarpe da corsa, personalmente non sono affatto un corridore. Brooks mantiene l’idea di ” Run Happy ” dietro a tutto ciò che fanno, però, e forse se tutto sull’esperienza della corsa fosse migliorato, potrei essere incline a cambiare idea.

“La personalizzazione è fantastica, ma la personalizzazione è fantastica”, ha detto Pons de Vier di un’esperienza di corsa potenziata.

“Riteniamo che non sia abbastanza. Si tratta di affrontare ciò di cui hai bisogno, ciò di cui il tuo corpo ha bisogno, ciò che desideri come esperienza. L’utilizzo di questa nuova piattaforma, potenziata da HP, offre nuove soluzioni per una vestibilità personale. La sensazione che vuoi, più morbida o più elastica, il giusto sostegno dove ne hai bisogno, tutto per la forma dei tuoi piedi – questa è la vera personalizzazione. Alla fine della giornata hai una migliore esperienza. Quello che Brooks ha in mente da più di 20 anni è che è la scarpa per te. Guardiamo all’adattabilità, all’ingegneria. Non è lo stesso gioco, per adattarsi o davvero proporre qualcosa di veramente personalizzato. HP e FitStation ci spingono al successo nella personalizzazione. Cambierà totalmente la relazione con la scarpa, con la tua esperienza di corsa. ”
Dugan, Pons de Vier e Humphrey con la scarpa Genesys
Mentre molti di noi sono abituati ad andare al negozio (o a navigare online) e a tirare un paio di scarpe da ginnastica attraenti in base alle dimensioni sulla scatola, c’è un modo migliore – o ci sarà. È molto comune che i piedi di un individuo siano di dimensioni o forme leggermente diverse, con un arco forse più alto (il mio arco destro è più alto ) o un piede un po ‘più lungo, con un impatto superiore. Questo è se i numeri sulla scatola significano molto, comunque. Durante la sessione del panel, Pons de Vier ha proclamato: “La taglia delle scarpe è morta. È la tua taglia. ”

Oltre il dimensionamento arriva un’altra importante metrica per calzature appropriate; le scarpe da ginnastica non sono pensate per stare seduti in casa, ma per un movimento dinamico. Ogni individuo si muove in modo diverso. So che il mio passo è lungo, per esempio, ma non proprio quello che significa per come il mio piede cade a terra ad ogni passo. Mettere più peso all’interno o all’esterno, o palla o tallone, del piede influisce sull’andatura e sul potenziale di lesioni da stress. Costruire una scarpa in risposta al passo individuale rappresenta un’attenzione di livello superiore per il cliente, per il corridore.

“Quando guardiamo a ciò che stiamo costruendo, guardiamo la tua andatura, il tuo dolore”, mi ha detto Humphrey. “Scopriamo attraverso il nostro sistema perché ciò avvenga. All’inizio non sarà perfetto, ma arriverà lì. Quindi pensiamo a come applicare quelle cose per personalizzare un prodotto per te. ”
Iniziando con la scansione 3D a piedi, il sistema potrebbe evolversi in una soluzione più ampia per comprendere la modellazione di tutto il corpo. Con una migliore comprensione dell’intero corpo, è possibile costruire una simulazione più completa per rispondere a esigenze più specifiche. FitStation è stato progettato tenendo conto dell’analisi dinamica e il team di Brooks desidera approfondire l’impatto di un servizio più personalizzato.


“Più informazioni abbiamo su di te, come si muove il tuo corpo, possiamo inserirci in un modello e creare un prodotto migliore”, ha continuato Humphrey.
Questo aumento nella raccolta dei dati consente, naturalmente, una migliore esperienza dei singoli clienti nella creazione di prodotti personalizzati, e consente inoltre all’azienda di raccogliere tali dati per accrescere la comprensione della varietà dei corpi umani, le dinamiche con cui avviene il movimento.

“Mentre questi dati rendono la scarpa migliore per te, creano più dati per il sistema, più dati biometrici. Questo rende anche la tua produzione di massa migliore. Con questi dati volumetrici in quantità di massa, possiamo sollevare l’industria anche in uno spazio di massa. Stiamo iniziando con la scansione del piede e pensando al futuro con la scansione del corpo. Guarda la misurazione dell’abbigliamento; con più dati sui corpi delle persone, calzature e abbigliamento sarebbe meglio “, ha spiegato Dugan.

“FitStation è una piattaforma che incorpora molti prodotti, lavorando con molti partner. Una cosa unica che abbiamo fatto con FitStation è la sicurezza, l’aumento della fiducia all’interno della piattaforma, l’elaborazione dell’elaborazione, l’acquisizione 3D, tutto ciò che sviluppiamo da anni in HP: abbiamo integrato tutti questi pezzi insieme, fino in fondo produttore. Abbiamo integrato tutti questi elementi in un hub centrale e i dati possono essere distribuiti all’interno di questo hub, ma in ogni contenitore. Brooks ha il suo contenitore, altri marchi hanno i loro contenitori. La visione nella piattaforma è quella dell’intero processo unito, comprese tutte quelle cose che HP offre al meglio da una prospettiva tecnologica. Siamo in una posizione unica. ”
Avere la tecnologia HP al centro della piattaforma consente ai partner di costruire su tecnologie affidabili, portando la propria esperienza al centro nel promuovere gli obiettivi di collaborazione e quelli per i loro dati demografici target. Per Brooks, i corridori sono assolutamente a fuoco e l’azienda ha lavorato per anni per migliorare l’esperienza.

“Siamo stati in questa missione per un po ‘”, ha osservato Humphrey. “Abbiamo lavorato con singoli partner, cercando di mettere insieme tutto questo da soli. È difficile da fare, combinare tutti questi mondi. Ciò che HP sta portando con la piattaforma FitStation ha reso la vita molto più semplice. ”

Pons de Vier ha aggiunto che un paio di stili specifici devono passare attraverso FitStation, offrendo la possibilità di testare aspetti diversi e ottenere un feedback che si rivelerà “molto importante a lungo termine”.

“Il punto principale per noi è che è un processo di apprendimento; stiamo chiedendo alla nostra comunità di imparare con noi e creare un prodotto “, ha continuato Humphrey. “Il lato dei test è piuttosto complesso; dobbiamo passare attraverso ogni fase, collegare ogni individuo e lavorare con loro, ottenere il feedback di quella persona “.
L’approccio pratico con ciascun cliente sta creando una preziosa cache di feedback da cui attingere in uno sviluppo continuo poiché la personalizzazione alla fine funziona verso una soluzione scalabile.

“Questa soluzione guida un approccio guidato dai dati dal ciabattino, lontano da quella misurazione manuale”, ha affermato Dugan.
Come abbiamo esaminato la scarpa Genesys, Pons de Vier ha osservato che “Le persone smettono di correre a causa di un infortunio, il che è un peccato” e che Brooks sta lavorando per personalizzare, per personalizzare queste scarpe al fine di evitare proattivamente lesioni. La tecnologia utilizzata per creare Genesys e abilitare scarpe da corsa ad alte prestazioni personalizzate sta portando Brooks a portare a termine la sua missione, per un’esperienza senza problemi che consente ai clienti di “correre felici”.

Per parte mia, non sono ancora un corridore. Se mi stesse inseguendo, però, Genesys sarebbe stata la scarpa che avrei voluto indossare così da poter uscire felicemente da quella situazione ipotetica.

Be the first to comment on "Brooks Genesys, la prima scarpa da corsa ad alte prestazioni personalizzata"

Leave a comment