BQ Witbox 2 la stampante spagnola

Bq  presenta la stampante 3d open source Witbox 2

Dopo  la Witbox come una stampante 3D affidabile e conveniente, la società  spagnola  Bq presenta ora l’evoluzione: la Witbox 2. Come sempre, la stampante è completamente open source e il file di progetto sono disponibili su GitHub  aquesto indirizzo https://github.com/bq/witbox-2

Con la nuova stampante, l’azienda ha migliorato l’estrusore con un doppio sistema di trazione a ingranaggio di comando, che utilizza due ruote dentate che fanno  scivolare il filamento nell’estrusore  e permette alla Witbox 2 di gestire una serie di filamenti. Bq sostiene d’essere in grado di  gestire materiali difficili da maneggiare come il FilaFlex di Recreus. Un sensore induttore sull’estrusore permette anche di migliorare il livellamento del letto, come un campo magnetico generato dal sensore che innescherà l’accensione del LED quando si raggiunge la distanza ottimale dal letto. Questo consente alla stampante di rilevare l’inclinazione del letto e l’auto-level, regolando così l’angolo del letto.

Inoltre, la  Witbox 2 presenta un nuovo circuito, il CNC BQ, che porta un movimento più fluido e una migliore dissipazione del calore. Il display grafico LCD della stampante che, insieme con l’elettronica per controllare il display, è stato sviluppato in casa. Per  1.690 euro , la  Witbox 2 è in grado di raggiungere la velocità di stampa di 200 mm / s, per spessori di 50 micron, e ha un volume di costruzione di 297 x 210 x 200 mm.

Anche se manca un lettino riscaldato, tutto sommato, la Witbox 2 suona come un bel miglioramento rispetto alla prima versione . E, visto il successo dell’originale Witbox, possiamo immaginare che sarà anche questa una macchina piuttosto solida.

Be the first to comment on "BQ Witbox 2 la stampante spagnola"

Leave a comment