BotFactory SV2

Quattro anni fa, la startup  di Brooklyn, BotFactory, ha avuto  successo con la sua campagna di crownfunding per la sua PCB factory, l’interessante Squink , che consente agli utenti di stampare in 3D circuiti stampati con inchiostri conduttivi e persino di creare tracce di circuiti su una varietà di materiali di substrato. Dopo aver ricevuto un piccolo aiuto dal servizio di stampa 3D di Shapeways nello sviluppo della testata stampata in 3D, la startup ha chiuso un round di finanziamento da  1 milione   nel 2016 – nel secondo anniversario della sua campagna Kickstarter da  100.000,

Questo finanziamento, almeno in parte, è andato ad aiutare BotFactory a sviluppare la sua seconda stampante PCB 3D, la SV2 , che offre una tolleranza più fine, velocità più elevate e un’area di costruzione più ampia rispetto a Squink.

Alcune aziende, come BotFactory, amano mettere alla prova le loro nuove stampanti 3D con progetti interessanti. La startup ha deciso di utilizzare la sua ultima stampante PCB 3D per creare connettori edge, che sono, come scritto da BotFactory in un post sul blog , “un modo economico e semplice per evitare l’uso di connettori standard e dover aprire e praticare fori o utilizzare connettori SMT “.

Un connettore di bordo, per chi non lo sapesse, è la parte di un PCB che consiste in tracce che portano al bordo della scheda e che verranno inserite in una presa corrispondente. Vengono in una selezione variata e solitamente richiedono un connettore femmina specializzato. Un PCI è un tipo di connettore tipicamente utilizzato all’interno dei computer desktop come slot di espansione della scheda madre.

Secondo il post del blog, “l’obiettivo era creare un connettore semplice che potessimo collegare e rimuovere molto rapidamente in una normale presa A USB, ripetendo fino a 1000 volte o fino al fallimento”.
Dal momento che nessuno in ufficio aveva un vero e proprio computer desktop, i partecipanti al progetto hanno deciso di avviare connettori 3D per la stampa che avrebbero funzionato con una USB. L’obiettivo non era quello di mantenere la fedeltà dei dati dopo un numero elevato di cicli, ma piuttosto di vedere per quanto tempo sarebbe stato inserito e rimosso. Diverse persone hanno predetto che non si sarebbe nemmeno bloccato per più di 50 cicli prima di fallire.


Innanzitutto, hanno creato un design semplice per un set di chiavi USB, utilizzando il sistema EDA Upverter , che includeva un resistore e un LED di dimensioni 1206, che era molto facile da selezionare e posizionare.

“Abbiamo pensato di progettare qualcosa di complesso, ma il vero obiettivo era determinare se ci sarebbe stato un rischio immediato di fallimento”, hanno osservato.
Una volta che i file Gerber per il design della chiave USB sono stati caricati nell’SV2, sono stati necessari meno di cinque minuti per stamparli in 3D e circa la stessa quantità di tempo per la loro cura. BotFactory ritiene che l’intero processo, a partire dalla progettazione e compresa l’installazione e l’uso di cesoie per PCB per tagliare le schede, abbia impiegato solo 15 minuti, come hanno notato:

“Uno dei grandi vantaggi di SV2 è la nostra nuova configurazione di heatbed / fan, che consente un riscaldamento e un ciclo di raffreddamento estremamente rapidi. Per gli utenti di Squink, potresti sentirti invidioso: lo adoriamo. Rende la prototipazione molto più veloce! ”
Ma la caratteristica preferita della squadra dell’SV2 è la sua nuova resina epossidica monocomponente, forte quanto una doppia parte, ma molto più sottile e curativa.

Dal momento che nessuno voleva volontariamente il proprio computer per scopi di test, la chiave USB è stata inserita in un alimentatore di riserva e ha funzionato immediatamente. La chiave è stata rapidamente inserita, rimossa, ripetutamente più e più volte nell’arco di alcuni minuti, e il team l’ha contrassegnato ogni 50 conteggi. I risultati sono stati sorprendenti: i durevoli pad USB non si sono ancora rotti dopo 500 cicli.

“Quando arrivarono 1000 cicli, non eravamo nemmeno arrabbiati”, i dettagli del blog. “Un ciclo di 1000 cicli è migliore dell’uso quotidiano in un anno – risultati eccellenti per i dispositivi di prototipazione che potrebbero essere utilizzati sul campo o nelle mani di un cliente per un breve periodo di tempo.”
Secondo GCT , la maggior parte dei connettori USB passa attraverso da 1.500 a 10.000 cicli di accoppiamento, quindi 1.000 era una quantità piuttosto “rispettabile”. Tuttavia, mentre la parte era completamente operativa, un’osservazione più approfondita ha mostrato che la connessione USB era piuttosto malconcia.

LR: connessione USB prima e dopo il test
“L’uso di connettori USB nella tua prototipazione quotidiana è un modo davvero semplice per ottenere una sorgente a 5 V senza connettori complicati o sprechi di spazio e tempo”, hanno affermato.
BotFactory ammette che non è andato troppo in profondità nella progettazione di USB per il trasferimento dei dati per questo esperimento di durata. Ma se qualcun altro vuole provare, è possibile contattare la start up per i dettagli su come ottenere l’accesso ai suoi file di progettazione.

Be the first to comment on "BotFactory SV2"

Leave a comment