Boeing e Assembrix

Boeing protegge la sua proprietà intellettuale stampata in 3D con il software Assembrix

Boeing è fortemente coinvolta nella stampa 3D, utilizzando più fornitori di parti di stampa 3D per aerei come il Dreamliner . Ma con tale collaborazione arriva il rischio. Mentre i venditori stessi possono essere perfettamente affidabili, la comunicazione elettronica e il trasferimento di parti comporta il rischio che gli hacker intercettano le informazioni, rubando o alterando la proprietà intellettuale, il che potrebbe essere disastroso. Quindi Boeing ha firmato un Memorandum of Agreement (MoA) con Assembrix , una società specializzata in software che protegge e protegge i dati mentre vengono trasferiti tra le parti.

La piattaforma basata su cloud di Assembrix consentirà a Boeing di trasmettere informazioni progettuali additive di produzione utilizzando metodi di distribuzione sicuri che proteggono i dati dall’essere intercettati, corrotti o decrittografati durante la distribuzione e la produzione. La piattaforma supervisiona l’intera filiera di produzione additiva, dal modello di parte originale alla parte fisica verificata e oltre. Consente inoltre l’allocazione e il monitoraggio di stampanti 3D per più utenti interni o esterni, offrendo un processo completamente automatizzato e autocontrollato, con conseguente maggiore utilizzo della stampa e ROI.

“Questo accordo espande i legami di Boeing con l’industria israeliana aiutando le aziende come Assembrix ad espandere i loro affari”, ha dichiarato il presidente di Boeign Israel, David Ivry. “Boeing cerca fornitori in tutto il mondo che soddisfano rigorose qualità, pianificazione, costi e capitale intellettuale, e Assembrix fa tutto questo.”
Boeing sta attualmente utilizzando la produzione additiva in 20 dei suoi siti e ha fornitori in tutto il mondo, utilizzandoli per le parti stampate in 3D per le sue piattaforme commerciali, spaziali e di difesa. Oltre a utilizzare le parti stampate in 3D per il Dreamliner, Boeing ha anche recentemente commissionato loro i taxi spaziali , i satelliti e molto altro. La società ha grandi obiettivi, tra cui voli supersonici e trasporto su Marte , e la stampa 3D aiuterà a perseguire più efficacemente questi obiettivi, soprattutto ora che la tecnologia è protetta e protetta dal software di Assembrix.

“Siamo lieti di collaborare con Boeing e apprezzare la sua fiducia in noi e nelle nostre capacità”, ha dichiarato il CEO di Assembrix Lior Polak. “Questa collaborazione supporta la nostra visione di sviluppare e implementare soluzioni innovative che collegano il mondo e portano avanti il ​​processo di produzione digitale additiva”.
Assembrix ha sede in Israele ed è specializzata in soluzioni per l’industria aerospaziale, automobilistica e medica. Tali soluzioni comprendono Assembrix VMS, Assembrix Prepare, Assembrix Quote e Assembrix API. Boeing si unisce a una crescente lista di clienti che hanno utilizzato la piattaforma Assembrix per preventivi e comunicazioni sicuri, rapidi e semplici e per la gestione e la protezione della proprietà intellettuale.

“Un numero crescente di nostri clienti utilizza con successo l’esclusiva soluzione di stampanti 3D virtuali di Assembrix, che consente loro di inviarci facilmente stampe di qualsiasi dimensione”, ha affermato Lavi Lev del cliente UCT. “L’infrastruttura innovativa consente a UCT Singapore di allocare volumi di produzione virtuali nelle sue stampanti 3D e, per i nostri clienti, i produttori industriali, consente la condivisione dei loro progetti, in un ecosistema simile ad Airbnb. Complessivamente, il sistema consente di risparmiare tempo e denaro, facilita la comunicazione senza interruzioni con i clienti, ottimizza la pianificazione e automatizza le funzionalità di quotazione dei prezzi. ”

Be the first to comment on "Boeing e Assembrix"

Leave a comment