Blade Runner 2049 corsa all’Oscar grazie alla microtomografia e alle industria degli effetti visivi

Blade Runner 2049 , il seguito di Blade Runner  di Ridley Scott , ha ottenuto la nomination all’Oscar per i migliori effetti visivi. Dai colori singolari del film al paesaggio architettonico distopico, il film è una meraviglia cinematografica.

Anche i più piccoli dettagli, come uno scarafaggio in scena in una scena con la Dott.ssa Ana Stelline (interpretata da Carla Juri), si aggiungono all’arazzo visivo del film. A quanto pare, l’effetto di scarafaggio di cui sopra è in realtà il risultato di un vasto progetto di scansione 3D.

BUF, una delle società di effetti visivi che ha lavorato a  Blade Runner 2049 di Denis Villeneuve , ha ottenuto l’aiuto di  Javier Alba-Tercedor, un professore di zoologia all’Università di Granada, per ottenere lo straordinario effetto visivo.

Alba-Tercedor, specializzata in microtomografia computerizzata, una tecnica di scansione 3D in grado di catturare anche i più piccoli dettagli, ha fornito BUF con scansioni 3D di coleotteri estremamente accurate e ad alta risoluzione utilizzate nel film.

Ognuna delle scansioni 3D è composta  da circa 3.000 immagini ad altissima risoluzione (paragonabile a un’immagine ad ultrasuoni, apparentemente). I soggetti degli insetti delle scansioni provenivano principalmente dalla famiglia dei coleotteri tropicali longhorn (Cerambycidae) e furono inviati ad Alba-Tercedor a Granada dall’ufficio di Parigi della BUF.

Javier Pérez López, ricercatore presso il Museo delle scienze di Granada, ha anche fornito un coleottero morbo Zophobas (della famiglia Tenebrionidae), che ha subito il processo di scansione microtomografica su piccola scala.

Alba-Tercedor, la cui esperienza nella tecnologia di scansione lo ha portato in tutti i tipi di studi interessanti sugli animali, sugli insetti e sui materiali, è rimasto comprensibilmente sorpreso quando ha visto arrivarei produttori di un blockbuster.

“All’inizio, non sapevo che le scansioni di questi insetti sarebbero finite per diventare parte degli effetti visivi di Blade Runner 2049 “, ha detto. “Non avevo mai immaginato che le competenze acquisite durante la mia carriera di ricercatore sarebbero state utili per l’industria cinematografica”.

Con le scansioni 3D dei vari coleotteri, BUF è stato quindi in grado di animarle per il film. Lo studio degli effetti ha dichiarato: “Gli incredibili risultati che possono essere visti in  Blade Runner 2049 mostrano che la microtomografia rappresenta uno strumento molto prezioso e accurato per ricostruire e produrre animazioni generate dal computer di piccoli animali con dettagli strutturali microscopici, come le specie di insetti utilizzate in questo film.

“Questo progetto si basava su sinergie tra microtomografia e industria degli effetti visivi e, in definitiva, tra la sfera accademico-scientifica e l’industria dell’intrattenimento”.

Be the first to comment on "Blade Runner 2049 corsa all’Oscar grazie alla microtomografia e alle industria degli effetti visivi"

Leave a comment