Biostampanti AxolotlBiosystems

La ditta turca AxolotlBiosystems produce biostampanti 3D per le università di tutto il mondo

Il bioprinting 3D è il massimo della stampa 3D poiché unisce materiali ingegnerizzati e tessuti viventi in forme complesse. Molte università sono società di ricerca private che stanno attualmente esplorando percorsi per la stampa 3D di ossa, muscoli e organi. Alcune di queste organizzazioni costruiscono i propri bioprinters da zero o modificando una stampante 3D FDM (fusion deposition modeling), ma i ricercatori che si occupano di bioprinting in 3D sono di solito una qualche forma di biologo, il che significa che devono lavorare con un dipartimento / azienda di ingegneria per costruire le loro stampanti 3D. Questo può spesso ritardare i progetti e produrre bioprinters che sono abbastanza buoni per dimostrare un concetto, ma lottano con compiti più impegnativi. Azienda turca AxolotlBiosystems fornisce una soluzione a quei ricercatori offrendo un bioprinter 3D altamente sensibile specificamente progettato per la ricerca.

Le loro biostampanti 3D sono stati adottati da diverse università fino ad oggi, tra cui la Stanford University, la Penn State University, Hacettepe, Marmara, Acıbadem e le università İstinye. Il partner fondatore Onur Samet Yıldırım mette in relazione un importante ostacolo del bioprinting 3D: “Il problema principale della tecnologia è la morte del tessuto durante il processo di stampa”.

Gli ingegneri di AxolotlBiosystems hanno risolto questo problema riducendo il calore e la pressione. “La particolarità di AxolotlBio è la sensibilità”, ha detto Yıldırım. “Normalmente, il materiale biologico nelle siringhe viene iniettato manualmente. Tuttavia, il sistema di siringhe che abbiamo sviluppato è stato progettato in particolare per le stampanti 3D. “Il sistema pneumatico nel loro bioprinter ha un campo di pressione da 0 a 145 psi e una risoluzione di pressione di 0,1 psi, che consente di stampare con materiali a bassa viscosità. Le testine di stampa possono essere riscaldate a 250 ° C e il piano di stampa può raggiungere i 60 ° C, espandendo ulteriormente il suo catalogo materiali. E i valori di lunghezza d’onda e potenza di un sistema di polimerizzazione UV-LED possono essere sintonizzati sui materiali specifici in uso, rispettivamente da 365nm a 405nm e da 3W a 10W. Con un volume di costruzione di 100 x 100 x 50 mm,

Queste caratteristiche si sommano per formare un bioprinter 3D in grado di gestire accuratamente una vasta gamma di biomateriali e cellule viventi. Per abilitare veramente i ricercatori, hanno progettato l’AxoDual con due testine di stampa. “La duplice bioprinting consente la costruzione di tessuti complessi che richiedono la stampa 3D simultanea di materiali e tessuti vivi”, afferma la società. “AxoDual è un bioprinter 3D dotato di due testine di stampa che consentono ai ricercatori di bioprintare due diversi materiali in un unico modello. Ciò consente la biostampa di tessuti complessi con facilità. “

I loro bioprotettori funzionano anche con piastre Petri standard e piastre di coltura cellulare. Per i ricercatori che cercano di stampare le orecchie in 3D e simili, un AxoDual sarebbe lo strumento ideale.

Be the first to comment on "Biostampanti AxolotlBiosystems"

Leave a comment