BioPlotting un sistema per eliminare il poblema del rigetto nel trapianto di isole pancreatiche in pazienti affetti da diabete di tipo 1

Bioplotting stampati in 3d possono offrire conforto ai pazienti  affetti da diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 è una malattia di solito diagnosticata nei bambini e nei giovani adulti, un tempo conosciuto come diabete giovanile. Solo il cinque per cento delle persone affette da diabete hanno questa forma della malattia; nel diabete di tipo 1, il corpo non riesce a produrre insulina, un ormone che il corpo usa per convertire lo zucchero, l’amido, e altri alimenti in energia.

Con una combinazione di terapia insulinica e vari altri trattamenti, anche i più piccoli possono imparare a gestire la propria condizione e vivere una vita lunga, relativamente sani.

Uno dei modi in cui i pazienti possono compensare la loro mancanza di insulina è tramite una procedura non ancora sperimentale. Chiamato il trapianto di isole pancreatiche, è un processo in cui gruppi di cellule vengono trapiantate dal pancreas di un donatore sano.

Vi è un effetto collaterale in questo trattamento. Si richiede che un paziente assuma farmaci immunosoppressori per prevenire il rigetto , cioè che le cellule trapiantate esogene vengono attaccate dal sistema immunitario.

Ora un nuovo approccio offre una soluzione  utilizzando un  sistema di supporto stampato in 3d  come una tecnica di consegna per gestire la condizione.

Nel diabete di tipo 1, il sistema di un paziente è in grado di visualizzare i bassi livelli di glucosio nel sangue. La condizione è nota come ipoglicemia, ed i suoi effetti sono  spiacevoli e potenzialmente letali.

Ora i ricercatori presso l’Università di Twente nei Paesi Bassi hanno costruito degli scaffold dei sistemi di sostegno che  dicono miglioreranno il tasso di successo del trapianto delle isole pancreatiche incorporando le isole all’interno di una miscela di alginato e gelatina.

Hanno chiamato questo processo  il bioplotting,  si tratta di una struttura porosa  stampata in 3d che permette un ottimale scambio di glucosio e insulina.

In effetti, i risultati in laboratorio hanno dimostrato che questi isolotti  stampati in 3d e le impalcature ( scaffold strutture di sostegno ) sono altrettanto in grado di svolgere il ruolo di isole pancreatiche che sostituiscono e che forniscono la protezione necessaria contro la risposta del sistema immunitario del corpo.

Dr. Aart van Apeldoorn, un co-autore della ricerca, dice che questa “impalcatura immunoprotettiva” può essere sviluppata utilizzando un idrogel non degradabile. L’idrogel comprende una dimensione di maglia proprio, che può bloccare gli anticorpi e le cellule specifiche del sistema immunitario, mentre la rete rimane sufficientemente grande da consentire la diffusione dell’ insulina.

“Se vogliamo migliorare il successo di questo trattamento per il diabete di tipo 1, abbiamo bisogno di creare un impianto in cui le isole sono incorporate o incapsulate da un materiale che permette un apporto di sostanze nutritive, e un rapido scambio di glucosio e insulina, mantenendo le cellule ospiti fuori “, dice van Apeldoorn.

Secondo van Apeldoorn, questi “scaffold” macroporosi assicurano che le cellule delle isole   al loro interno non sarebbero in grado di migrare in maniera incontrollata per tutto il resto del corpo, una volta trapiantate nel sito donatore.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Biofabrication.

Be the first to comment on "BioPlotting un sistema per eliminare il poblema del rigetto nel trapianto di isole pancreatiche in pazienti affetti da diabete di tipo 1"

Leave a comment