Autodesk HP e GE “Design to Print”

Autodesk collabora con HP e GE per lo sviluppo di flussi di lavoro “Design to Print” end-to-end

Autodesk ha sviluppato un nuovo software di progettazione generativa che funziona direttamente con le stampanti HP Multi Jet Fusion 3D. Il flusso di lavoro design-to-print per la produzione additiva è stato progettato specificamente per le stampanti 3D HP, con l’obiettivo di semplificare la conversione del design digitale in una parte fisica.

“Le stampanti per fusione multigetto HP stanno cambiando l’equazione di valore quando si tratta di stampa 3D per la produzione. Le stampanti in plastica stanno diventando convenienti rispetto allo stampaggio a iniezione per il conteggio dei pezzi superiore a 10.000 parti “, ha dichiarato Robert Yancey, Direttore della Manufacturing Industry Strategy di Autodesk. “Le nuove stampanti in metallo promettono di avere vantaggi in termini di valore simili rispetto allo stampaggio a iniezione di metalli. HP sta aiutando a spostare il mercato della produzione additiva dalla prototipazione alle applicazioni di produzione.

“Le stampanti a getto multiplo HP promettono volumi elevati e maggiore personalizzazione rispetto alle stampanti in plastica presenti sul mercato da un po ‘di tempo. Per sfruttare appieno il valore delle stampanti HP MJF, è necessario un buon design, un buon materiale e un buon processo di stampa. Autodesk sviluppa gli strumenti di progettazione e la tecnologia, HP sviluppa il processo di stampa e HP con i suoi partner materiali sviluppa i materiali. Tutti gli aspetti sono necessari per ottenere la massima efficienza. “

Penumbra Engineering è una società di progettazione generativa che è cliente di Autodesk e HP. Non molto tempo fa, un cliente ha chiesto alla società di progettare e stampare in 3D un nuovo dispositivo di rilevamento a ultrasuoni con precisione e durata tali da resistere all’uso in ambienti estremi. Penumbra ha utilizzato il software di progettazione generativa Autodesk insieme alle stampanti HP Multi Jet Fusion 3D per creare un design leggero ed equilibrato che soddisfacesse rigidi requisiti prestazionali e garantisse stabilità e facilità d’uso sul campo.

“Il caso studio di Penumbra svela il valore di HP che lavora con la tecnologia di progettazione generativa di Autodesk”, ha affermato Yancey. “Supportiamo le stampanti HP in Fusion 360 e Netfabb in modo che i clienti di fusione multi-getto HP dispongano degli strumenti di progettazione e di stampa necessari. Stiamo lavorando con HP per fornire supporto per le nuove stampanti in metallo che hanno recentemente annunciato. “

Oltre a lavorare con HP, Autodesk collabora anche con GE Additive per creare un flusso di lavoro integrato per le stampanti GE 3D. Il flusso di lavoro sarà basato sulla piattaforma Fusion 360 e collegherà tutte le fasi del processo di produzione additiva. Autodesk utilizza algoritmi, interfacce e modelli di dati specializzati di GE Additive per offrire informazioni previsionali. Il flusso di lavoro fornirà anche proiezioni di costi e tempi nelle prime fasi di progettazione in modo che gli ingegneri possano prendere decisioni senza produrre fisicamente le parti prima.

“Lavorare con Autodesk fornirà un ambiente di design-to-print potente per i nostri clienti, aiutando a ridurre le barriere dell’adozione degli additivi e accelerando il tempo del cliente per la prima parte buona”, ha dichiarato Lars Bruns, Software Leader presso GE Additive.

GE e i suoi clienti devono attualmente utilizzare più prodotti software e formati di dati per passare dal concetto alla parte stampata in 3D, quindi l’azienda desiderava sviluppare un flusso di lavoro completo end-to-end per le sue macchine per fusione laser Direct Metal all’interno di Fusion 360.

“La collaborazione tra GE e Autodesk ha l’obiettivo di fornire un’unica piattaforma e un ambiente per consentire agli utenti di concepire un design delle parti utilizzando Fusion 360, che include la progettazione generativa”, ha affermato Yancey. “La piattaforma simulerà quel progetto, stamperà il disegno e acquisirà tutti i dati di stampa rilevanti da archiviare con il file di disegno, così da avere un’unica fonte di verità per ogni componente stampato”.

GE condividerà i dati dei costi preliminari con studi di progettazione generativa in modo che gli utenti possano confrontare le variazioni di costo tra le opzioni oltre alle variazioni di ingegneria e di peso.

“Ciò aumenterà in modo significativo il valore del design generativo offrendo agli utenti un ambiente per valutare rapidamente sia l’ingegneria che i compromessi aziendali per le numerose opzioni generate”, ha affermato Yancey.

Autodesk collabora con HP e GE per lo sviluppo di flussi di lavoro “Design to Print” end-to-end

Autodesk ha sviluppato un nuovo software di progettazione generativa che funziona direttamente con le stampanti HP Multi Jet Fusion 3D. Il flusso di lavoro design-to-print per la produzione additiva è stato progettato specificamente per le stampanti 3D HP, con l’obiettivo di semplificare la conversione del design digitale in una parte fisica.

“Le stampanti per fusione multigetto HP stanno cambiando l’equazione di valore quando si tratta di stampa 3D per la produzione. Le stampanti in plastica stanno diventando convenienti rispetto allo stampaggio a iniezione per il conteggio dei pezzi superiore a 10.000 parti “, ha dichiarato Robert Yancey, Direttore della Manufacturing Industry Strategy di Autodesk. “Le nuove stampanti in metallo promettono di avere vantaggi in termini di valore simili rispetto allo stampaggio a iniezione di metalli. HP sta aiutando a spostare il mercato della produzione additiva dalla prototipazione alle applicazioni di produzione.

“Le stampanti a getto multiplo HP promettono volumi elevati e maggiore personalizzazione rispetto alle stampanti in plastica presenti sul mercato da un po ‘di tempo. Per sfruttare appieno il valore delle stampanti HP MJF, è necessario un buon design, un buon materiale e un buon processo di stampa. Autodesk sviluppa gli strumenti di progettazione e la tecnologia, HP sviluppa il processo di stampa e HP con i suoi partner materiali sviluppa i materiali. Tutti gli aspetti sono necessari per ottenere la massima efficienza. “

Penumbra Engineering è una società di progettazione generativa che è cliente di Autodesk e HP. Non molto tempo fa, un cliente ha chiesto alla società di progettare e stampare in 3D un nuovo dispositivo di rilevamento a ultrasuoni con precisione e durata tali da resistere all’uso in ambienti estremi. Penumbra ha utilizzato il software di progettazione generativa Autodesk insieme alle stampanti HP Multi Jet Fusion 3D per creare un design leggero ed equilibrato che soddisfacesse rigidi requisiti prestazionali e garantisse stabilità e facilità d’uso sul campo.

“Il caso studio di Penumbra svela il valore di HP che lavora con la tecnologia di progettazione generativa di Autodesk”, ha affermato Yancey. “Supportiamo le stampanti HP in Fusion 360 e Netfabb in modo che i clienti di fusione multi-getto HP dispongano degli strumenti di progettazione e di stampa necessari. Stiamo lavorando con HP per fornire supporto per le nuove stampanti in metallo che hanno recentemente annunciato. “

Oltre a lavorare con HP, Autodesk collabora anche con GE Additive per creare un flusso di lavoro integrato per le stampanti GE 3D. Il flusso di lavoro sarà basato sulla piattaforma Fusion 360 e collegherà tutte le fasi del processo di produzione additiva. Autodesk utilizza algoritmi, interfacce e modelli di dati specializzati di GE Additive per offrire informazioni previsionali. Il flusso di lavoro fornirà anche proiezioni di costi e tempi nelle prime fasi di progettazione in modo che gli ingegneri possano prendere decisioni senza produrre fisicamente le parti prima.

“Lavorare con Autodesk fornirà un ambiente di design-to-print potente per i nostri clienti, aiutando a ridurre le barriere dell’adozione degli additivi e accelerando il tempo del cliente per la prima parte buona”, ha dichiarato Lars Bruns, Software Leader presso GE Additive.

GE e i suoi clienti devono attualmente utilizzare più prodotti software e formati di dati per passare dal concetto alla parte stampata in 3D, quindi l’azienda desiderava sviluppare un flusso di lavoro completo end-to-end per le sue macchine per fusione laser Direct Metal all’interno di Fusion 360.

“La collaborazione tra GE e Autodesk ha l’obiettivo di fornire un’unica piattaforma e un ambiente per consentire agli utenti di concepire un design delle parti utilizzando Fusion 360, che include la progettazione generativa”, ha affermato Yancey. “La piattaforma simulerà quel progetto, stamperà il disegno e acquisirà tutti i dati di stampa rilevanti da archiviare con il file di disegno, così da avere un’unica fonte di verità per ogni componente stampato”.

GE condividerà i dati dei costi preliminari con studi di progettazione generativa in modo che gli utenti possano confrontare le variazioni di costo tra le opzioni oltre alle variazioni di ingegneria e di peso.

“Ciò aumenterà in modo significativo il valore del design generativo offrendo agli utenti un ambiente per valutare rapidamente sia l’ingegneria che i compromessi aziendali per le numerose opzioni generate”, ha affermato Yancey.

Be the first to comment on "Autodesk HP e GE “Design to Print”"

Leave a comment