Aurora Labs la stampante 3D RMP1 è in beta test

AURORA LABS PROVA LA STAMPANTE 3D RMP1 BETA, SI PREPARA PER IL RILASCIO COMMERCIALE

Il produttore di stampanti 3D in metallo australiano Aurora Labs ha raggiunto una pietra miliare per la commercializzazione della sua stampante 3D RMP1 . Dopo anni di sviluppo, il team ha finalizzato la costruzione e ora ha iniziato i test beta in tempo reale della macchina.

Prima della produzione, la stampante 3D RMP1 Beta subirà miglioramenti e modifiche in base al feedback dei clienti. Una versione commerciale del sistema è pronta per essere rilasciata più tardi nel 2019. David Budge, Managing Director presso Aurora Labs, ha commentato:

“IL FATTO CHE LA STAMPANTE BETA RMP1 SIA OPERATIVA È UNA PIETRA MILIARE FONDAMENTALE PER IL TEAM QUI. SVILUPPARE E PERFEZIONARE LA NOSTRA TECNOLOGIA È STATA A LUNGO IN DIVENIRE E LA STAMPANTE BETA RMP1 È ORA COSTRUITA E PRONTA PER ESSERE MESSA IN PRODUZIONE “.

“Stiamo passando da una fase di ricerca e sviluppo pesante con la stampante Beta RMP1 e ora saremo in grado di passare a una fase di commercializzazione e vendita molto più forte con la tecnologia che abbiamo sviluppato.”

La stampa 3D in metallo presso Aurora Labs viene eseguita utilizzando la tecnologia di produzione rapida (RMT), un metodo che cerca di ottenere velocità di stampa più elevate rispetto a qualsiasi altra macchina sul mercato. RMT utilizza un altro processo sviluppato da Aurora, Multi Concurrent Printing (MCP), per stendere, fondere e fondere simultaneamente più strati di polvere.

Nel 2018, i test per RMT hanno dimostrato la tecnologia di stampa a 662 g / h o 15,88 kg al giorno, tuttavia in un’intervista con Nathan Henry , direttore del marketing e dello sviluppo aziendale presso Aurora Labs, ha dichiarato che era “ancora troppo lento” per l’azienda , che “si aspettava di raddoppiare almeno quella velocità nella nostra macchina più piccola che sarà la RMP1”.

Da allora, ulteriori test e miglioramenti di Aurora hanno consentito al processo RMT di raggiungere una velocità di stampa maggiore di 113 kg al giorno . David Budge ha descritto il miglioramento come “l’ultimo di una lunga serie di sviluppi impressionanti sin dall’inizio della società nel 2014”.

La società ha recentemente chiuso un round di collocamento azionario di $ 5 milioni (US $ 3,5 milioni) per contribuire a sviluppare ulteriormente la RMT . Con RMT implementato all’interno dell’RMP1, l’azienda ha previsto un tasso di produzione ad alta velocità di 30 kg all’ora per il sistema. Henry spiega che “[RMT] è in fase di sviluppo con l’obiettivo di affrontare la necessità di rendere le cose a una velocità che lo renda economico.”

Priorità alla velocità e alla qualità

La stampante Beta RMP1 dispone di un letto di stampa di 450 mm x 400 mm, che può dichiarare parti di stampa 3D in volumi 10 volte superiori a quelli prodotti con la stampante 3D Alpha2 (la precedente macchina di prova Aurora), con una capacità di elaborazione tre volte superiore. Con la stampante beta funzionante e tutti i principali sottosistemi operativi, il passo successivo dell’azienda è commissionare e testare la stampante 3D attraverso la calibrazione della macchina, test di stampa e produzione di pezzi campione. Utilizzando le macchine Alpha, i parametri per i materiali di stampa iniziali sono già stati sviluppati, consentendo un test minimo della stampante Beta RMP1 per accelerare il processo di commercializzazione.

Oltre alla progettazione aggiornata, la stampante Beta RMP1 dovrebbe anche fornire un significativo aumento della velocità rispetto alla precedente macchina di prova utilizzando la sua tecnologia MCP. David Budge aggiunge: “Abbiamo privilegiato l’ottimizzazione degli aumenti di velocità e della qualità di stampa, che sono i pilastri della strategia Aurora, e il team ha compiuto notevoli progressi ottenendo aumenti di velocità negli ultimi mesi, con conseguente stampa di una serie di 10mm di altezza, parti di esagono in titanio in un lasso di tempo di soli 20 minuti. “

Aurora terrà una giornata aperta dopo aver commissionato la stampante Beta RMP1, invitando i partner additivi dell’industria manifatturiera, gli investitori e i principali attori a prendere visione della sua nuova tecnologia.

Le discussioni preliminari sono già in corso ad Aurora per quanto riguarda la potenziale vendita della stampante Beta RMP1 a un partner industriale dopo i beta test. Le partnership di settore sono considerate importanti per consentire la crescita futura della società, che è stata in contatto con una serie di parti dal suo programma di partnership industriali come parte della pipeline di vendita di Aurora.

L’azienda preferisce che, in caso di vendita del sistema beta, l’utente sia bloccato all’acquisto di polveri Aurora per la vita della macchina. L’utilizzo delle polveri di Aurora in combinazione con le sue stampanti 3D è la chiave per l’ecosistema dell’azienda, garantendo al contempo la produzione di parti di qualità. Aurora è impegnata con varie potenziali parti interessate mentre cerca di fissare i pre-ordini per le macchine del futuro. L’azienda è fiduciosa di poter raccogliere le vendite dalla macchina, con un elevato livello di interesse nelle ultime fiere, tra cui AMUG. Budge conclude affermando:

“SIAMO INOLTRE INCORAGGIATI DALLE ESPRESSIONI DI INTERESSE RICEVUTE DA PIÙ PARTI PER LA STAMPANTE BETA RMP1 E ATTENDO CON IMPAZIENZA DI AGGIORNARE IL MERCATO CON GLI SVILUPPI DI AURORA IN ANTICIPO.”

Be the first to comment on "Aurora Labs la stampante 3D RMP1 è in beta test"

Leave a comment