Aurora Labs e il misterioso partner che non è la Nasa

Le azioni di Aurora Labs, un produttore australiano di stampanti 3D metal stanno crescendo in maniera vertiginosa dopo che la società ha annunciato delle trattative con una società di ingegneria importante.

aurora-labs-3La NASA ha dichiarato interesse per l’azienda di stampa 3D. Nonostante l’interesse segnalato della NASA, tuttavia, sembra che un’altra azienda avrebbe spinto verso l’alto della società prezzo delle azioni di oggi, con Aurora Labs suggerendo che una “grande azienda di ingegneria e progettazione di fornitura” sia vicina ad accettare di vendere e distribuire la tecnologia di stampa 3D metal .

 

Anche se i dettagli sono scarsi  Aurora Labs ha detto che stava lavorando su un protocollo di termini non vincolante con la società di ingegneria. Il produttore della stampante metal 3D ha anche detto che era stata in trattative con alcune delle principali aziende di estrazione mineraria dell’Australia, il che suggerisce che le sue stampanti 3D  potrebbero essere utilizzate per la stampa 3D di pezzi di ricambio, sia su siti minerari o per speciali attrezzature per la stampa 3D.

Allo stato attuale, Aurora Labs ha due modelli di stampanti 3D: la S-Titanium (40.000  dollari australiani ) e S-Titanium Pro ( 43.000 AUD). La più piccola S-Titanium ha un volume di accumulo di 150 × 150 × 500 mm, mentre la più grande la Pro può stampare fino a 200 × 200 × 500 mm. La Pro ha anche un potente laser da 300 W, rispetto ai 200 W della S-Titanium, ma entrambe le stampanti hanno una risoluzione XY di 50-70 micron.

Oltre a sviluppare stampanti 3D, Aurora Labs fa anche una gamma di polveri metalliche adatte per la produzione additiva, così come laser, lenti, specchi e altri accessori per la stampa 3D.

Be the first to comment on "Aurora Labs e il misterioso partner che non è la Nasa"

Leave a comment