Aurora Labs accordo con Gränges AB per sviluppare nuovi materiali in alluminio

AURORA LABS SI IMPEGNA A UN POTENZIALE ACCORDO DA 7,75 MILIONI DI DOLLARI CON GRÄNGES

Lo sviluppatore di stampanti 3D Metal Aurora Labs , con sede a Perth, in Australia, ha firmato un Memorandum of Understanding (MoU) incentrato sullo sviluppo dell’alluminio per la produzione additiva. I termini fissi del MoU sono soggetti ad ulteriori negoziazioni con il principale fornitore di alluminio Gränges AB, tuttavia, si prevede che l’accordo porterà all’acquisto reciproco da entrambe le parti e un impegno per la ricerca e lo sviluppo utilizzando polveri di alluminio.

David Budge, Managing Director di Aurora Labs, ha dichiarato: “Questo è un rapporto straordinario per Aurora e siamo molto lieti di collaborare con Gränges, un’azienda innovativa e lungimirante con prodotti ampiamente distribuiti nel settore automobilistico”.

Una volta completato, l’accordo potrebbe valere circa $ 7,75 milioni di entrate in Aurora. Inoltre, Budge ha dichiarato: “[…] se Gränges acquista uno dei nostri RMP-1, porterà ad alcuni sviluppi entusiasmanti e innovativi sia nel mercato dei motori a combustione interna che dei veicoli elettrici”.

Fondata nel 1896, Gränges detiene una quota del 20% del mercato globale per la fornitura di laminati per la produzione di scambiatori di calore. Con questo, la società stima che ogni seconda auto prodotta nel mondo contenga oggi i suoi materiali. La società ha sede a Stoccolma, in Svezia, e ha siti operativi a Shanghai, Finspång, Tennessee, North Carolina e Arkansas.

Aurora Labs, d’altra parte, è stata fondata nel 2014 ed è quotata con successo all’Australian Securities Exchange nel 2016. Le sue stampanti 3D utilizzano un tipo di processo proprietario di fusione laser diretta in metallo (DMLM) e attualmente comprendono due macchine: la S- Titanium Pro e RMP1.

L’RMP-1 è la macchina di interesse per Gränges. Il sistema “Enterprise” di Deemed Aurora, l’RMP-1 utilizza la tecnologia di stampa simultanea multilivello, o MCP. Descritto come “evoluzione del processo di fusione del letto di polvere” dalla società, MCP consente alla stampante 3D RMP-1 di depositare, fondere e fondere più strati di polvere in un’unica passata (anziché in singoli strati). È stato rivelato per la prima volta da Aurora in una macchina beta RMP a maggio di quest’anno.

Il quadro attualmente definito dal MOU di Aurora e Gränges delinea quattro potenziali punti di collaborazione tra le due parti. Oltre all’acquisizione di una stampante 3D RMP-1 da parte di Gränges, uno dei termini sarebbe che Gränges fornisse le sue polveri di alluminio ad Aurora. Aurora sarà anche impegnata a condurre attività di ricerca e sviluppo utilizzando queste polveri, ed entrambe le parti intraprenderanno ricerche di mercato per trovare opportunità per la stampa 3D di alluminio nei settori automobilistico e in altri settori. Il MoU può funzionare per un periodo fino a 5 anni.

Be the first to comment on "Aurora Labs accordo con Gränges AB per sviluppare nuovi materiali in alluminio"

Leave a comment