Arthur Mamou-Mani stampa il tempio per il Burning Man 2018 in Nevada

Il Mandala stampata in 3D al centro di Arthur Mamou-Mani 2018 Burning Man Temple

L’architetto francese Arthur Mamou-Mani sta utilizzando dei macchinari robotici, tra cui delle stampanti 3D, delle taglierine laser e delle aste di perforazione robotizzate, per costruire il tempio del Burning Man 2018. Burning Man è il raduno annuale in Nevada in cui viene bruciata una grande effige di un uomo nella promozione della pace e della comprensione.

Una volta un piccolo raduno di amici alla pari su una spiaggia di San Francisco, il festival annuale di Burning Man è ora un evento enorme nel calendario americano. Ogni anno, decine di migliaia di partecipanti si radunano per scoprire l’arte, fare amicizia e assistere al rogo di una gigantesca effigie di legno – “The Man” – in una città temporanea nel deserto di Black Rock nel Nevada.

Sebbene apparentemente sia un evento per esplorare l’auto-espressione artistica, le cose in fiamme rimangono una parte importante di Burning Man, e non è solo l’Uomo che incontra il suo destino infuocato durante l’evento della settimana. Dall’inizio del millennio, i partecipanti hanno anche preso parte a un rituale che brucia un tempio di legno, un atto che di solito si svolge la notte dopo l’incendio dell’Uomo.

Ogni anno viene scelto un artista per creare il tempio di Burning Man, e per il 2018 il compito è stato assegnato all’architetto francese Arthur Mamou-Mani. Secondo lo stesso architetto, la struttura, con i suoi 195 piedi di larghezza e 65 piedi di altezza, sarà costruita utilizzando macchinari robotici, tra cui stampanti 3D, taglierine laser e bracci di perforazione robotizzati, prima di essere rasa al suolo alla fine dell’estate.

Mamou-Mani, che ha sede a Londra, ha chiamato il suo tempio Galaxia , un nome derivato da una serie di opere di fantascienza della metà del secolo dall’autore Isaac Asimov, che riflette il tema dell’evento per l’anno: I, Robot . La struttura sarà costruita per la maggior parte al di fuori del sito presso The Generator, uno spazio di produzione di Sparks, Nevada, con la produzione iniziata ad aprile o maggio, circa cinque mesi prima che le varie sezioni della struttura vengano consegnate utilizzando camion pianali sul sito di Torcia Umana.

Il tempio Galaxia sarà composto da 20 capriate in legno rivolte verso un punto nel cielo e conterrà al centro una lacrima stampata in 3D, che funge da mandala del tempio, una rappresentazione dell’universo nel simbolismo buddista e indù. Al di sotto di questa lacrima sospesa vi sarà un’increspatura nel terreno, raffigurante la caduta prevista della lacrima, mentre le sezioni in legno forniranno piccole alcove in cui i partecipanti possono scrivere messaggi da bruciare con il tempio.

Mamou-Mani ritiene che strumenti come le stampanti 3D stiano rendendo l’architettura più pratica, qualcosa di cui è molto contento: “È quasi come se l’architetto fosse tornato nel processo di costruzione della struttura, non solo nella sua progettazione”, ha affermato. “Sono di nuovo dei maestri costruttori, come nell’epoca delle cattedrali, quando gli architetti erano lì per costruire, osservare le imperfezioni. Se cade, ci lavorerebbero, costruiranno, cadranno, costruiscono, cadono, costruiscono “.

L’architetto pensa anche che gli strumenti digitali, compresi i software di modellazione hardware e 3D come Rhinoceros e Grasshopper 3D, possano rimettere in architettura un elemento di artigianalità, distogliendo l’attenzione dal guadagno monetario. Spera anche che la stampa 3D in cantiere diventi più comune in futuro, avvicinando l’architetto al progetto.

“Spero davvero che questo progetto contribuisca a dimostrare che anche gli architetti possono costruire e che presto saremo in grado di utilizzare quegli strumenti di fabbricazione digitale per la costruzione in loco”, ha affermato Mamou-Mani. “Utilizzando questo esempio del Tempio, gli architetti possono essere più coinvolti e quindi creare edifici più unici, più spirituali”.

Mamou-Mani è il direttore di Mamou-Mani Architects, specializzata in architettura digitale potenziata. È anche professore all’Università di Westminster e possiede un laboratorio di fabbricazione digitale chiamato Fab.Pub. Negli ultimi sei anni, Mamou-Mani ha contribuito con diverse installazioni a Burning Man, tra cui un pezzo intitolato Tangential Dreams , che ha vinto l’Architizer A + Award per l’architettura nel 2016.

Be the first to comment on "Arthur Mamou-Mani stampa il tempio per il Burning Man 2018 in Nevada"

Leave a comment