Anycubic Chiron test drive prova su strada di All3d

Dopo un lancio rock, l’ Anycubic Chiron si sta lentamente facendo strada nella mente delle persone.

Prima presa di contatto  in primavera con un video in CGI per qualcosa di grande, l’Anycubic Chiron è atterrata poco dopo con  un po ‘di entusiasmo negli esaltanti giorni dell’estate, diventando il tema caldo per un nanosecondo prima di essere subito dimenticata negli scaffali digitali.

Il motivo, si potrebbe argomentare è ammirevole, ma del tutto endemico di come le stampanti 3D a basso budget siano prodotte e consumate in questi giorni.

Le prime unità di Anycubic Chiron furono spedite ad influencer e pubblicazioni allo stesso modo insieme alle unità pre-vendita a quelle abbastanza coraggiose da far cadere i loro dollari su una macchina non provata.

Tuttavia, lamentele su qualità costruttiva, controllo di qualità e altri problemi con questa prima ondata di unità hanno portato velocemente Anycubic,  a interrompere la produzione mentre i nodi venivano risolti. Ripetutamente venduta al dettaglio alla fine di agosto, l’azienda si sta lentamente ridimensionando per soddisfare quello che dobbiamo immaginare è ora una domanda moderata.

Di seguito le nostre esperienze con una prima Chiron  di Anycubic sono dettagliate. Dal momento che l’azienda ha ora affrontato una miriade di problemi per le unità successive, alcuni di questi potrebbero essere resi obsoleti. Tuttavia, giudicare il nostro Anycubic Chiron caricato con il firmware corrente (1.2.8) e con una copia dell’ultimo manuale utente in mano fa luce su quello che è stato senza dubbio un lancio scadente di un prodotto – almeno inizialmente – ma non eccezionale stampante 3d.

RECENSIONE DI ANYCUBIC CHIRON
PROFESSIONISTI
Un gioco da ragazzi per impostare
Il letto di stampa Ultrabase Pro è eccezionalmente buono
Il letto di riscaldamento rapido diventa caldo da bordo a bordo
CONTRO
Problemi di controllo di qualità
Il livellamento automatico del letto non è automatico
Qualche stranezza e comportamenti irritanti affliggono la stampante
VERDETTO
Le esperienze passate con le stampanti 3D di Anycubic suggeriscono che la  Chiron di Anycubic dovrebbe essere un vincitore. La realtà, tuttavia, è che non sarà la “CR-10 killer” che ci aspettavamo che fosse. La nostra esperienza è di una stampante 3D con alcune buone idee e una caratteristica killer nell’enorme letto di stampa Ultrabase Pro, trattenuto da problemi di controllo della qualità, noioso livellamento automatico del letto e pochi altri irritanti problemi minori.

REVISIONE DI CHIRONE DI ANYCUBIC

Scommettendo sul grande affare, Anycubic ha pugnalato la stampante 3D per desktop di grande formato arrivata su Anycubic Chiron; un’enorme cornice di stampa 400 x 400 x 450 mm con accenti neri e gialli che, al momento della stesura di questo articolo, costa circa 400 dollari. È grande, dall’aspetto bombastico e, a seconda di quanto lontano ti trovi nella tana del coniglio di Wikipedia, molto probabilmente prende il nome da un mitico centauro greco.

Dapprima preso in considerazione per la sua capacità di stampare materiali flessibili – con TPU dà un calcio alla dimostrazione in-the-face che siamo sicuri di aver infranto una punta o due del modello sfortunato del piede – il Chirone di Anycubic ha certamente la capacità sulla carta. Un estrusore simile a Titano con un percorso di filamenti vincolato si prende cura di questo e, accoppiato con l’hotend E3D V6-like di Anycubic, garantisce un tempo quasi privo di frustrazione.

La stampa avviene su un vasto foglio di Ultrabase Pro proprietario di Anycubic. Come meglio possiamo dire, l’unica differenza tra il semplice vecchio Ultrabase (come le navi su Anycubic i3 Mega) e l’Ultrabase Pro qui è la dimensione e alcuni motivi decorativi.

È ancora lo stesso vetro incollato a un foglio di presa leggermente forato che trattiene le stampe quando è caldo e le rilascia quando è freddo.

La struttura torreggiante è costruita con estrusi di alluminio fissati con piastre a T in metallo.

La base della stampante funge da base per un alimentatore LCD standard, la scheda madre Trigorilla preferita da Anycubic, i MOSFET e altri.

Tutte le porte e le connessioni si trovano sul lato destro dell’unità di base per facilitare l’assemblaggio, che in totale ci ha portato con calma a circa 25 minuti seguendo le istruzioni di assemblaggio ben scritte e illustrate.

La facilità di assemblaggio è quasi garantita grazie alle connessioni con codice colore in un’unica posizione
Spedito nello stato pre-assemblato sempre più comune – letto collegato, hotend ed estrusore montati e così via – l’Anycubic Chiron è esemplare dello stato attuale delle stampanti 3D desktop hobbista “kit”. Una costruzione semplificata che richiede una manodopera minima per trasformare la stampante in forma è praticamente la stessa cosa per il corso e il Chirone di Anycubic non fa eccezione.

RECENSIONE DI ANYCUBIC CHIRON  Il Buono

Il letto Ultrabase è di per sé uno dei migliori di Anycubic Chiron
Anycubic ha attinto al particolare stile del frame reso popolare da Creality CR-10, conferendogli il suo effetto con alcuni miglioramenti.

Nel complesso, il cablaggio e l’aspetto generale di Anycubic Chiron sono puliti e ordinati. Una catena portacavi che ospita il termistore, la sonda di temperatura, entrambe le ventole e i cavi della sonda di livellamento mantiene le cose organizzate, con l’unica sporgenza dall’estremità calda del tubo di guida del filamento PTFE.

In una nota simile, l’alimentatore, la scheda madre e l’altra elettronica sono riposti nella base di Anycubic Chiron, con collegamenti via cavo, alimentazione e ingressi USB e lettore di schede SD tutti rivolti verso il lato destro della stampante.

La gioia di mettere in coda una grande stampa non invecchia mai, e Anycubic Chiron è particolarmente piacevole con la sua deliziosa struttura di 400 x 400 x 450 mm, sostenuta da una massiccia lastra di Ultrabase Pro – la piastra di costruzione proprietaria di Anycubic.

Essenzialmente una lastra di vetro rivestita nel film adesivo super resistente e perforato di Anycubic, Ultrabase stringe con facilità la maggior parte dei materiali stampati a caldo, rilasciandoli con poca resistenza a freddo. Funziona molto bene, evitando le insidie ​​di adesivi disordinati aggiuntivi e stampe scollate. Due pollici in su.

Altrettanto lodevole è il letto riscaldato fornito 24v. Passare dal freddo alla stampa è un processo relativamente rapido e il foglio di alluminio sotto Ultrabase Pro raggiunge l’intera larghezza del letto, offrendo un calore costante e un’adesione stabile per stampe più grandi.

Uno dei due arresti Z-end di Anycubic Chiron
Doppie interruzioni di fine corsa garantiscono un’asse X di livello su ogni casa.

Stampare con il Chirone è semplice, accettando la varietà di filamenti da giardino, compresi i flessibili molto sollecitati, con poca incidenza. L’estrusore simile al Titano limita il percorso del filamento abbastanza bene anche per i materiali più poveri.

Sbirciare all’interno della scatola di controllo nella base di Anycubic Chiron ti offre una disposizione ordinata di connessioni sicure incollate a caldo. Il letto riscaldato riceve il suo succo tramite un MOSFET, e non lontano da questo vediamo una messa a terra sufficiente. Quindi, in teoria, non dovrebbero esserci cattivi shock in questo futuro di Anycubic Chiron.
REVISIONE DEL CHIRURGO DI ANYCUBIC il Cattivo
Regolazione Z a 25 punti sul Chirurgo Ancubico
Prima dell’hiat-hot fix di Anycubic Chiron, ci siamo trovati in perdita con l’implementazione del livellamento automatico del letto pubblicizzato.

Dopo l’apposizione della sonda del letto meccanico collegata magneticamente, basta collegarla utilizzando il suo cavo pungente e eseguendo la routine di auto-sonda – l’unica routine di livellamento del letto descritta nel manuale dell’utente (ricordate che) – il Chirurgo di Anycubic rileva 25 punti attraverso la sua superficie del letto. Apparentemente queste misurazioni non vengono quindi memorizzate e il test successivo a cui viene richiesto di stampare mostra variazioni selvagge a livello del letto, senza legami con il letto in alcune aree e con l’ugello che raschia il letto negli altri.

Per correggere questo, è necessario regolare manualmente i 25 punti 0,05 mm alla volta usando l’opzione di regolazione Z live di Anycubic Chiron.

Per noi, questo non è il livellamento automatico del letto. Questa è calibratura e una taratura noiosa e noiosa. La stampante non può funzionare con la sonda collegata e non si verifica alcuna prova rapida prima di una stampa.

Sfogliando i manuali utente che hanno accompagnato sia la stampante che abbiamo ricevuto sia l’aggiornamento post-fix, è stato eseguito il backtracking con il manuale aggiornato che incoraggia l’utente a livellare manualmente il letto. Una piccola ruga qui è che le piccole viti ad alette sotto il letto sono un dolore reale nella proverbiale regolazione. Troppo piccolo, troppo stretto e molto probabilmente non destinato a essere toccato, data l’omissione iniziale della direzione manuale del livellamento del letto.

Viti a testa piatta piccolissime sotto l’enorme lastra di Ultrabase
Un altro piccolo punto di lamentela riguarda la commutazione del filamento che rimuove una guida di alimentazione del filamento dall’estrusore. Anche se non strettamente necessario per i filamenti non flessibili, un tale aiuto non dovrebbe essere così facile da sbandare accidentalmente dalla stampante, non meno un piccolo pezzo che è facile da perdere oltre il bordo di un banco da lavoro.

Allontanandoci dal fisico e dal digitale, ci siamo trovati delusi dalle impostazioni di stampa pronte all’uso fornite da Anycubic Chiron.

Per cominciare, il software di slicing fornito è una versione più vecchia (e probabilmente povera di funzionalità) di Cura, e il profilo di stampa predefinito dettagliato da Anycubic risulta in stampe piuttosto dolorose.

Al momento della scrittura, ci sono alcuni profili di Anycubic Chiron su misura che vengono scaricati dalla (comprensibilmente) piccola comunità. Per un collegamento a stampe migliori, abbiamo riscontrato un certo successo nel sollevare un profilo per Creality CR-10S in Simplify3D (e apportare le necessarie modifiche alle dimensioni della stampante nelle impostazioni). Naturalmente, il tuo chilometraggio può variare, a seconda del tuo strumento di affettazione preferito, ma dato il volume di opzioni e profili per stampanti simili, una piccola sperimentazione si tradurrà in stampe migliori.

Inoltre, (e meno un problema che un inconveniente) le stampe completate provocano il ritiro del letto sul retro della stampante. Il Chiron è una stampante di grandi dimensioni, e anche le braccia della gang di questo scrittore sono troppo corte per accogliere questo capriccio quando si rimuovono le stampe. Il passo in più per disabilitare i motori o dare la caccia al letto è un inconveniente. Una correzione risiede nella regolazione del codice g di fine predefinito delle uscite di slicer, ma tuttavia è una frustrazione immediata.

RECENSIONE DI ANYCUBIC CHIRON  Il Peggio

La nostra carta “pass” per il controllo della qualità, insieme a una miriade di accessori
Come affermato, il nostro Chirone di Anycubic era uno dei primi lotti di produzione noti per le incongruenze e i problemi.

Notevoli per la nostra unità, lo srotolamento del nastro e le cravatte che tenevano tutto in ordine per la spedizione ha provocato la caduta di una vite allentata dalla stampante.

Indica alcuni minuti di ispezionare goffamente la macchina da ogni angolazione per determinare da dove proviene esattamente – la carrozzina del letto – e poi alcuni altri che passano sopra ogni altra vite fissa per verificare che fossero stretti. Non è il migliore inizio, considerando la scheda di controllo della qualità inclusa con un enorme timbro “Pass” (sono ironiche le carte di controllo di qualità una cosa?).

Un’ulteriore ispezione degli elementi preassemblati di Anycubic Chiron ha rivelato pulegge allentate sotto il letto che richiedevano un serraggio per impegnarsi anche con l’estrusione, per non parlare della stabilità.

Il rovescio della medaglia è che gli altri destinatari del primo Anycubic Chiron sembrano essere perfettamente soddisfatti della loro stampante. Questo è il baratro nella qualità delle unità che spediscono.

Ciò ha portato Anycubic a sospendere la produzione mentre rispondeva ai problemi, ma una volta ripreso, per l’Internet e i potenziali clienti più ampi, si tratta della stessa macchina. Le recensioni della stampante pre-fix potrebbero non spiegare la situazione, quindi ciò che leggi potrebbe non riflettere lo stato della stampante sugli scaffali dei negozi digitali, anche se sulla carta è la stessa stampante – stesso prezzo, stesse specifiche.

Questo è un problema per noi in quanto pubblicazione che esamina le stampanti 3D poiché introduce rapidamente obsolescenza nel nostro lavoro. Questa è una sfida che stiamo esaminando, con l’obiettivo di trattare con precisione tali evoluzioni così frenetiche nel prossimo futuro.
REVISIONE DI CHIRONE DI ANYCUBICIl Chirurgo di Anycubic vale la pena?

L’estremità calda di Anycubic in stile boxy sul massiccio Ultrabase Pro
Abbiamo raggiunto un punto in cui le stampanti 3D di questo calibro / prezzo / caratteristiche sono indistinguibili l’una dall’altra in assenza di difetti evidenti. Gli insuccessi e gli intermediari sono nelle minuzie; la qualità dei miglioramenti della vita e così via.

L’enorme Ultrabase è un vantaggio per il Chiron, garantendo prestazioni costanti per l’adesione del letto e una facile rimozione della stampa. Si scalda velocemente e le stampe si attaccano bene.

Per quanto riguarda la stampa, la qualità può essere lì – con il giusto profilo dell’affettatrice e le impostazioni ottimizzate che qualsiasi stampante può cantare sulla sua configurazione di serie, e probabilmente l’Anycubic Chiron non fa eccezione. Tuttavia, nel nostro tempo con il Chirone, abbiamo scoperto che le regolazioni del letto per compensare le estrusioni e il povero strato si sovrappongono a una battaglia costante. Dove si trova esattamente il problema, non siamo sicuri, ma trovare un buon profilo di base (oltre alle impostazioni predefinite fasulle) da utilizzare fa una grande differenza.

Una piccola manciata di stampe del nostro tempo con il Chirone di Anycubic. Non perro, ma un passo nella giusta direzione dopo aver abbandonato le impostazioni di stampa fornite.
Il rilevamento del filamento funziona come pubblicizzato, così come la funzione di recupero della stampa – sebbene per utilizzarla, la stampante deve tornare a casa prima di riprendere, sacrificando un quinto dell’area di stampa.

D’altra parte, il livellamento automatico del letto pubblicizzato è poco più di una procedura di calibrazione manuale inventata che non fa nulla per rimuovere lo sforzo dal livellamento del letto.

Le seccature a parte, il Chiron vanta ancora un secchio di caratteristiche desiderabili come il letto di riscaldamento veloce e il rivestimento Ultrabase per la bontà della stampa appiccicosa.

Per conto proprio, si tratta di allettanti prospettive, ma si consideri che stampanti come Tevo Tornado e JGAurora A5 offrono funzionalità simili per meno. Per quanto riguarda la stampa e l’esperienza che lo utilizza, metteremo Anycubic Chiron in compagnia di quelle stampanti di cui sopra. Nelle mani giuste abbastanza buono, ma non privo di difetti.

Specifiche per laREVISIONE DI CHIRURGIA ANYCUBIC

Trascina la catena tenendo le cose in ordine sul Anycubic Chiron
La stampante 3D di Anycubic Chiron messa a nudo è la seguente.

Marca: Anycubic
Modello: Chiron
Technology: FDM
Frame: Cartesian
Anno: 2018
Categoria: Desktop, preassemblato
Area di stampa: 400 x 400 x 450 mm
max. temperatura del letto: 100 ° C
Dimensione dell’ugello: 0,4 mm
max. temperatura dell’ugello: 260 ° C
max. Risoluzione dell’asse Z: da 50 micron a 300 micron
Precisione sull’asse Z: 2 micron Precisione sull’asse
X / Y: 12 micron Velocità
max. velocità di stampa: 100 mm / s
max. velocità di marcia: 60 mm / s
Compatibilità materiale di terze parti: sì
Interfaccia: display TFT
Dimensioni della confezione : display TFT
Dimensioni della stampante: 651 x 612 x 720 mm
Peso imballato: – kg
Peso della stampante: 15 kg
Potenza assorbita: 24 V

Be the first to comment on "Anycubic Chiron test drive prova su strada di All3d"

Leave a comment