Anupama Pasricha e Rachel Greeninger designer dell’Università di St. Catherine : Esplorazione della stampa 3D per creare nozioni e gioielli di moda sostenibile a zero rifiuti

Università di St. Catherine: la ricerca dei designer lavora per la stampa 3D con rifiuti zero

La stampa 3D ha permesso agli stilisti di tutto il mondo di portare i loro talenti a nuovi livelli, sia nella creazione di nuovi processi di maglieria 3D , nell’abbigliamento biodegradabile , nell’abbigliamento premaman e molto altro ancora. Ora, i ricercatori della St. Catherine University Anupama Pasricha e Rachel Greeninger hanno pubblicato nuove scoperte riguardanti la moda stampata in 3D nell ‘” Esplorazione della stampa 3D per creare nozioni e gioielli di moda sostenibile a zero rifiuti “.

Il duo di ricerca ha esplorato la sostenibilità dell’applicazione zero-waste nella stampa 3D utilizzando una varietà di strumenti di modellazione diversi, tra cui Rhinoceros 5 e Tinkercad , la stampa 3D su MakerBot Replicator 2 . Mentre la maggior parte degli studi si è concentrata sulla ricerca di materiali e hardware, questi dati riflettono una nuova preoccupazione nel fare sforzi per ridurre gli sprechi e per interrompere ulteriormente una tecnologia già dirompente.

Uno dei principali modi in cui i ricercatori erano in grado di ridurre gli sprechi era ovvio: ridurre o eliminare il materiale extra trovato nelle zattere e nel supporto. Gli autori affermano che, secondo la Zero-waste International Alliance , zero rifiuti è una filosofia che dipende da:

“… progettare e gestire prodotti e processi per evitare ed eliminare sistematicamente il volume e la tossicità di rifiuti e materiali, conservare e recuperare tutte le risorse, e non bruciarle o seppellirle”.

Parlando degli aspetti rivoluzionari della stampa 3D sul mondo e sull’industria in particolare, Pasricha e Greeninger vedono questa tecnologia come potenzialmente in grado di “ridefinire il settore della moda prêt-à-porter”, come esempio di designer audaci come Iris van Herpen . Lo studio si concentra principalmente sul fatto che la moda stampata in 3D sia un ideale sostenibile, riducendo al minimo lo spreco e producendo ancora mode personalizzate e specifiche per chi lo indossa.

Dichiarano anche che la plastica del commercio equo e solidale potrebbe svolgere un ruolo in tali sforzi, specialmente attraverso gli standard di filamenti etici creati da scienziati materiali come Joshua Pearce . E anche se molte delle mode, in particolare l’haute couture più oltraggiosa, possono sembrare completamente irrealistiche, il mezzo continua a svilupparsi di più per il consumatore medio, specialmente quando i designer iniziano a esplorare più stampe 3D in relazione a diversi tipi di tessuti convenzionali, e persino creando prodotti intelligenti. Anche la fabbricazione di gioielli è una tendenza in crescita e molte aziende diverse producono anelli innovativi, braccialetti e altro ancora in linee di gioielli stampati 3D personalizzati .

I produttori di calzature hanno preso di mira la stampa 3D pesantemente negli ultimi anni, con aziende come Nike e Adidas che esplorano le tecniche di personalizzazione epica improvvisamente disponibili mentre equipaggiano gli atleti e il pubblico in generale. I ricercatori affermano – e naturalmente questo è vero per tutti tranne che per l’apprendimento della tecnologia più convincente per l’abbigliamento di stampa 3D e gli accessori con la stampa 3D non è facile e c’è una curva di apprendimento ripida. La possibilità di realizzare prototipi rapidi è un enorme vantaggio per molti progettisti, ma soprattutto quelli che si dedicano alla moda e la prototipazione offre il potenziale per ridurre gli sprechi poiché la stampa 3D consente un facile editing digitale.

‘Zero rifiuti’ non è un argomento comune, tuttavia. Per gettare più luce sulla sostenibilità nella moda, i ricercatori (che si autodefiniscono Ricercatore A e Ricercatore B) hanno entrambi adottato un approccio unico e creativo, rendendo sia i vestiti che i gioielli con sprechi ridotti al minimo. Ricercatore A Design stampato in 3D 1 Ensemble composto da un mantello e otto pulsanti personalizzati. Il ricercatore B ha realizzato cinque pendenti con collana e due paia di orecchini in Design 2 Ensemble .

“I loro progetti sono emersi dall’esplorazione del design e del software di modellazione 3D per creare forme e strutture uniche che garantiscano durata e zero sprechi e utilizzo di plastica minima”, afferma il documento di ricerca. “Nel rispetto del principio di sostenibilità, i ricercatori si sono astenuti dall’acquistare nuovi colori di materiali utilizzando quelli già disponibili presso la loro istituzione”.

I progettisti hanno utilizzato il PLA nella stampa 3D bianca, trasparente e blu su MakerBot 2 con impostazioni che riducono lo spreco in uscita.

“Nel loro design creativo come metodo di ricerca, i ricercatori speravano di sviluppare un processo 3D per costruire nozioni di moda e gioielli che producessero scarti zero. A tal fine, a seguito di una curva di apprendimento rapida facilitata dalle esercitazioni di Lynda.com, nonché di diverse corse di prova sugli strumenti basati su CAD, sul software MakerBot di modellazione 3D e sulla piattaforma stampante 3D, i ricercatori hanno sviluppato competenze nelle strategie di progettazione e progettazione, “Afferma il documento di ricerca. “Durante il processo di apprendimento, i ricercatori sono stati in grado di identificare i limiti e creare forme desiderate senza sprechi.”

Nella progettazione del mantello, il ricercatore A ha utilizzato il 95 percento del tessuto consentito per il progetto, cucendo e mettendo insieme il materiale per eliminare gli sprechi.

“Il frontale è stato decorato con bottoni stampati 3D a zero scarti personalizzati per completare il design del tessuto. Sono stati applicati due bottoni automatici in tessuto per creare la chiusura. I bordi grezzi sono stati rifiniti con una “frangia 3/8” per l’orlo e il colletto e un punto coperta per l’abbottonatura utilizzando fili estratti dal tessuto. “

Designer 2 ha creato gioielli a forma di ciondolo, rifinendoli con vernice dorata per impregnare i pezzi con una lucentezza metallica. I ricercatori sottolineano che questo lavoro sarebbe stato possibile solo con lo strumento di modellazione di Rhinoceros 5 (qualcosa su cui siamo un po ‘scettici riguardo).

“Il ricercatore B ha sviluppato competenze intermedie nella progettazione e stampa in 3D”, afferma i dati. “Questi design possono anche essere perfezionati in termini di sostenibilità esplorando l’altezza del livello, la velocità e la qualità di stampa, il riempimento, il numero di gusci e la temperatura dell’estrusore”.

Il progetto è stimolante per la creatività della nuova moda, ma anche perché sono stati in grado di ridurre significativamente gli sprechi, e soprattutto perché hanno imparato a fabbricare senza l’uso di zattere (chiamate anche zoccoli, zattere e gonne). Le raccomandazioni per il futuro implicano l’esplorazione di materiali diversi dal PLA in quanto potrebbe non essere in grado di resistere ai rigori del lavaggio.

Gli autori concludono affermando che “ulteriori strategie per sviluppare il punto di vista critico per estendere l’attributo di sostenibilità e la sua applicazione attraverso il pensiero progettuale divergente in 3D, inclusa la scelta di filosofia, materiali e attrezzature daranno forma a nuove narrazioni della stampa 3D e spreco zero, moda sostenibile .’

Be the first to comment on "Anupama Pasricha e Rachel Greeninger designer dell’Università di St. Catherine : Esplorazione della stampa 3D per creare nozioni e gioielli di moda sostenibile a zero rifiuti"

Leave a comment