Anisoprint tecnologia a doppio ugello per utilizzare materie plastiche come PETG, PEEK e ABS con rinforzo più sottile

Anisoprint , un produttore russo di stampanti e materiali FFF 3D in fibra di carbonio continua, presenterà le sue tecnologie in attesa di brevetto per materiali compositi ad alte prestazioni presso i JEC Mondiale 2019 compositi internazionali mostra a Parigi la prossima settimana.

Alla fiera, la soluzione robotica Anisoprint verrà presentata una tecnologia a doppio ugello, composito a filamento di coestrusione (CFC) . È in grado di processare materie plastiche come PETG, PEEK e ABS con rinforzo più sottile.

“Sono convinto che i materiali compositi diventeranno i nuovi materiali del 21 ° secolo”, ha affermato Fedor Antonov, “CEO di Antisoprint.

“QUESTI MATERIALI, AVENDO PROPRIETÀ DIREZIONALI PER LORO NATURA, CI PERMETTONO DI OTTIMIZZARE NON SOLO LA FORMA DI UNA PARTE, MA LA SUA STRUTTURA INTERNA. GUARDA COME L’EVOLUZIONE CREA I SUOI MATERIALI STRUTTURALI: DAI TRONCHI DEGLI ALBERI ALLE OSSA, TUTTI QUESTI MATERIALI HANNO PROPRIETÀ DIREZIONALI, CIOÈ L’ANISOTROPIA “.

La soluzione robotica Anisoprint

Fondata nel 2015, Anisoprint sviluppa stampanti desktop 3D in grado di elaborare materiali compositi, producendo parti strutturali con maggiori proprietà meccaniche. Nel 2017, la società ha presentato l’ultima iterazione della sua stampante 3D per materiali compositi polimerici a fibra rinforzata (CFRP) in occasione di una conferenza a Skolkovo, in Russia.

La tecnologia Anisoprint integra una fibra di rinforzo composita sotto forma di un rimorchio (una fibra grossolana e rotta) fatto di migliaia di monofilamenti di carbonio ultrasottili, in una plastica durante la stampa 3D. Ciò migliora l’adesione tra i polimeri e la fibra. Di conseguenza, si dice che le parti stampate in 3D 25 volte più forti della plastica pura e 7 volte più leggere dell’acciaio siano prodotte.

Le ultime testine di stampa Robotic Solution possono essere installate su stampanti 3D desktop simili e controllate dal software CAM dell’azienda. Attualmente è utilizzato dalla compagnia aerospaziale statunitense Airbus , dall’Istituto lussemburghese di scienza e tecnologia (LIST) e dall’Università tecnica di Monaco (TUM) per le parti di ricambio e gli utensili.

L’anno scorso, una squadra di ingegneria studentesca del Moscow Polytechnic University (MPU) ha utilizzato una stampante 3D Anisoprint per creare una leva di galleggiamento per para-atleta russo, l’attrezzatura subacquea di Dmitry Pavlenko. Realizzata in ABS in fibra di carbonio, questa leva controlla le valvole di circolazione dell’aria di un subacqueo mentre si è sott’acqua. Gli studenti hanno attribuito la bassa resistenza idrodinamica della leva a questo materiale composito.

Lo spettacolo internazionale di compositi JEC World va dal 12 al 14 marzo. L’anisoprint può essere trovata presso lo stand S82 Hall 5 alla fiera JEC.

Be the first to comment on "Anisoprint tecnologia a doppio ugello per utilizzare materie plastiche come PETG, PEEK e ABS con rinforzo più sottile"

Leave a comment