AnelleO di Rahima Benhabbour : Stampa 3D per creare dispositivi per la prevenzione dell’HIV, il controllo delle nascite e l’infertilità

Le donne e le ragazze sono colpite in modo sproporzionato dall’epidemia di HIV / AIDS, che comprende oltre la metà dei 37,9 milioni stimati che vivono con la malattia . Inoltre, secondo l’AIDS delle Nazioni Unite , alcune regioni del mondo, come l’Africa sub-sahariana, hanno un peso ancora maggiore, con donne e ragazze che rappresentano oltre il 57% della popolazione colpita, rispetto al 52% in tutto il mondo. Con un costante aumento della malattia e trattamenti antiretrovirali che possono solo aiutare a controllare il virus, non ucciderlo, prevenire l’infezione da HIV è essenziale. I ricercatori hanno studiato per molti anni l’uso di anelli intravaginali (IVR) come dispositivi per la consegna di agenti per proteggere dalla trasmissione sessuale dell’HIV e di altre malattie, nonché per prevenire gravidanze indesiderate.

All’Università della Carolina del Nord (UNC) presso la Eshelman School of Pharmacy di Chapel Hill , la professoressa Rahima Benhabbour ha sviluppato con passione tecnologie innovative per migliorare le condizioni di salute delle donne. Utilizzando la tecnologia di stampa 3D e la sua startup AnelleO, sta rapidamente creando un rivoluzionario IVR che sarà più efficiente nella consegna dei farmaci e può essere personalizzato in base alle esigenze delle donne.

Benhabbour ha recentemente affermato che guardare l’amministratore delegato e fondatore di Carbon , Joseph DeSimone , dimostrando come ha funzionato la sua stampante 3D durante una conferenza TED , si è meravigliata di come applicare la tecnologia agli IVR. Poco dopo, ha fondato la propria azienda per stampare funzionalità complesse su dispositivi personalizzabili che potrebbero aiutare le donne di tutto il mondo.

“Vengo dal Nord Africa. Sono una donna. Il pensiero di aiutare le donne – alcune che non hanno un modo di proteggersi o di controllare la propria vita – è la mia più grande passione. È un sogno per me restituire “, ha affermato Benhabbour, anche professore associato presso il Dipartimento congiunto di ingegneria biomedica dell’UNC / NC .

Benhabbour è stata descritta su Innovate Carolina (un team che lavora a stretto contatto con una rete di partner universitari per trasformare nuove idee in valore economico e sociale), per il suo uso della tecnologia di stampa 3D per prevenire le infezioni da HIV e altre condizioni di salute nelle donne. Da quando ha lanciato AnelleO nel 2016, Behnhabbour ha lavorato al primo prodotto, AnelleO PRO, un anello al rilascio di progesterone una volta al mese per infertilità e tecnologia riproduttiva assistita. L’obiettivo finale di AnelleO è quello di creare una consegna di farmaci più efficiente che possa essere personalizzata per le donne e le loro esigenze individuali poiché la tecnologia attuale per gli anelli intervaginali è un prodotto adatto a tutti.

AnelleO PRO, il primo anello intravaginale per l’infertilità, mira a sviluppare e testare IVR stampati in 3D biocompatibili per le proprietà meccaniche e di rilascio di un farmaco modello chiamato β-estradiolo, quindi tradurre questi metodi nel farmaco bersaglio, il progesterone. Benhabbour sta utilizzando una nuova piattaforma di stampa 3D, guidata dalla produzione proprietaria di interfaccia a liquido continuo o dal processo CLIP , lanciato da Carbon. Inoltre applica il software CAD per specificare forme e geometria, che viene ricreato attraverso un processo di fotopolimerizzazione. Gli AnelleO PRO IVR sono fabbricati con CLIP usando una resina biocompatibile e impiegano solo 15 minuti per stampare ogni anello.

Secondo Innovate Carolina, gli attuali prodotti approvati per l’integrazione di progesterone sono limitati a gel o inserti vaginali disordinati e spiacevoli e iniezioni intramuscolari dolorose che devono essere somministrate quotidianamente. Mentre AnelleO PRO potrebbe rilasciare in modo sicuro e costante progesterone per un periodo prolungato, con il potenziale di sostituire le attuali terapie e avere un impatto su milioni di donne.

“A differenza della tecnologia tradizionale, la stampa 3D ci offre la capacità e l’ingegneria di giocare con il design e le proprietà di un prodotto. Possiamo progettare parti che non sarebbero state possibili prima “, ha suggerito a settembre. “L’obiettivo principale dello sviluppo di questa tecnologia 3D è quello di avere la capacità di cambiare il modo in cui i prodotti femminili sono fabbricati e progettati. E le applicazioni per la tecnologia sono infinite, compresa la prevenzione dell’HIV, infezioni a trasmissione sessuale e gravidanze indesiderate. “

In una nota simile, il National Institutes of Health (NIH) ha riferito lo scorso luglio che un altro studio di ricerca in aperto sulle donne nell’Africa meridionale e orientale, utilizzando un anello vaginale che viene inserito una volta al mese e rilascia lentamente un farmaco antivirale, si stima che riduca il rischio di HIV del 39%. Gli IVR stanno rapidamente guadagnando importanza. Tuttavia, l’idea di Benhabbour di utilizzare la stampa 3D per svilupparle potrebbe essere ancora più innovativa di tutte le altre, soprattutto considerando che la tecnologia aiuta a ridurre i costi, stampare in loco e richiederebbe solo competenze tecniche per far funzionare le macchine. Ciò significa che nelle regioni in cui ci vorrebbe più tempo per ricevere gli IVR – a causa della logistica o dei costi elevati – gli specialisti potrebbero effettivamente stamparli in pochi minuti per i pazienti. Alla fine, tutto si traduce in salvare vite umane, ridurre i rischi e migliorare le condizioni di salute esistenti per donne e ragazze.

Inizialmente, la società spin-off di Chapel Hill UNC ha ricevuto il KickStart Venture Services Commercialization Award, che fa parte dello sforzo di Innovate Carolina a livello di campus per tradurre le scoperte fatte nei laboratori accademici della Carolina in prodotti e servizi a beneficio delle persone nelle vicinanze e Intorno al mondo.

Benhabbour ha suggerito che “KickStart Venture Services ci ha dato un” calcio d’inizio “. Potresti avere un’idea, ma nessun finanziamento e KickStart aiuta a stabilire connessioni e fa muovere le cose, mentre funge da risorsa continua. L’ostacolo principale è stato trovare contatti commerciali. KickStart aiuta i docenti a lanciare e portare avanti le loro startup, perché siamo troppo impegnati nelle nostre vite accademiche per essere il leader di un’azienda. Abbiamo bisogno di tale supporto con il know-how aziendale. Quel supporto è stato eccezionale. “

Una fonte critica di finanziamento proveniva dall’Eshelman Institute for Innovation (EII) presso la Eshelman School of Pharmacy. In questo caso, EII ha erogato una sovvenzione di $ 200.000 intitolata “Fabbricazione di anelli intravaginali geometricamente complessi mediante la tecnologia di stampa 3D CLIP (Continuous Liquid Interface Production) ” che ha aiutato Benhabbour a creare inizialmente la tecnologia. Tale sostegno finanziario, insieme al supporto imprenditoriale aggiuntivo di EII, in collaborazione con KickStart e il più ampio team di Innovate Carolina, ha rafforzato i primi sforzi di Benhabbour per dare vita al suo concetto.

La società di bioscienze, con sede nella UNC della Carolina del Nord a Chapel Hill, sta rapidamente sviluppando tecnologie di somministrazione di farmaci con usi in potenziali mercati finali tra cui dispositivi, sistemi riproduttivi, tumori e altre neoplasie. AnelleO ha anche ricevuto molto aiuto dal team di commercializzazione della tecnologia dell’UNC (un’altra parte dell’iniziativa Innovate Carolina) nell’aiutare con la guida su brevetti e licenze, non un problema minore quando si tratta di innovazione. Il suo laboratorio è pieno di oltre sette scienziati, la maggior parte donne, qualcosa di cui è particolarmente orgogliosa.

Secondo l’esperto, non è sempre facile per i membri della facoltà perseguire la loro grande idea, eppure offre consigli incoraggianti: “È difficile per un accademico, hai sempre domande. Quello che ho imparato è che se hai un’idea, mettila fuori e parla con più persone. Portalo là fuori e vedi qual è il potenziale della tua idea invece di guardare gli ostacoli. Invece di guardare come qualcosa non funzionerà, pensa solo a ciò che può essere. “

Come gran parte della sua missione per l’innovazione scientifica, Benhabbour ha anche lavorato a una ricerca di sette anni insieme ai colleghi di Chapel Hill, per sviluppare il primo impianto iniettabile per l’HIV . La tecnologia di trattamento e prevenzione di lunga durata è stata testata sugli animali e renderebbe un impianto di iniezione iniettabile potenziato ad azione ultra-lunga e in grado di unire vari farmaci, affrontando anche una serie di ostacoli incontrati con le attuali tecniche di prevenzione e trattamento dell’HIV .

Il nuovo approccio di Benhabbour insieme al suo costante interesse e preoccupazione per aiutare le persone con le scienze della vita ha portato a soluzioni innovative che potrebbero fermare le malattie potenzialmente letali e migliorare nel complesso la vita delle donne. Si allontana dalle forme tradizionali di somministrazione dei farmaci, aprendo la strada con la sua visione per incorporare le ultime tecnologie ai suoi imminenti sforzi di laboratorio e nuova società. Ci aspettiamo di saperne di più su Benhabbour e sui suoi IVR stampati in 3D unici nel loro genere.

Be the first to comment on "AnelleO di Rahima Benhabbour : Stampa 3D per creare dispositivi per la prevenzione dell’HIV, il controllo delle nascite e l’infertilità"

Leave a comment