AML3D E AUSTAL

AML3D E AUSTAL INSIEME PER SVILUPPARE APPLICAZIONI DI DIFESA NAVALE

La start-up AML3D con sede ad Adelaide ha firmato un contratto con il costruttore navale globale Austal per co-sviluppare componenti di produzione additiva (AM) per applicazioni di difesa navale.

La partnership mira ad aggiornare l’attuale dispositivo di sollevamento a bordo di navi militari commerciali e da difesa.

Oltre a utilizzare il progetto per evidenziare le sue capacità nel mercato globale della difesa, AML3D intende fornire una soluzione ergonomica e leggera con capacità portanti avanzate.

“Siamo entusiasti di progettare e produrre soluzioni avanzate per controparti di qualità come Austal”, ha affermato Andrew Sales, amministratore delegato di AML3D. “Essere identificato da Austal come uno dei principali innovatori australiani è una testimonianza della nostra piattaforma tecnologica e offre una grande opportunità per espandere in modo significativo la nostra presenza nel settore marittimo australiano e globale”.

Austal ha stipulato un contratto con AML3D per utilizzare le tecnologie AM e le soluzioni di design dell’azienda nel progetto.

Le società australiane hanno collaborato allo sviluppo di componenti per applicazioni di difesa marittima. Per il progetto, AM3LD sta utilizzando la sua piattaforma interna DfAM (Design for Additive Manufacturing) per ottimizzare il design del dispositivo di sollevamento esistente. Il dispositivo di nuova generazione proposto è destinato all’installazione a bordo delle navi militari costruite da Austal. AML3D è impostato per progettare un dispositivo di sollevamento del personale da produrre con WAM.

La tecnologia WAM combina scienza metallurgica e progettazione ingegneristica per automatizzare il processo di stampa 3D attraverso una tecnologia robotica avanzata. Nel 2014, AML3D ha registrato la sua tecnologia con WAM e il software proprietario WAMSoft.

Il contratto tra Austal e AML3D è derivato da un Memorandum of Understanding (MoU) formato con Austal nell’agosto 2019. La fase iniziale di progettazione e sviluppo del progetto ha un valore inferiore a $ 20k. L’ordine di acquisto è un accordo vincolante per la consegna dell’ottimizzazione e della progettazione e sviluppo dell’ingegneria strutturale entro il 30 ottobre 2020.

“Questo è un primo passo verso un obiettivo molto più grande di incorporare metodi di produzione additiva nella nostra attività e siamo orgogliosi di poter perseguire questo entusiasmante percorso con un collega leader tecnologico australiano in AML3D”, ha aggiunto Andrew Malcolm, Chief Digital Officer di Austal .

Fondata nel 2014, AML3D è una start-up che attualmente opera dal suo Adelaide Manufacturing Center. AML3D è specializzato nella fornitura di servizi di stampa 3D ALM (Additive Metal Layering) commerciale su larga scala ai clienti della difesa, marittimo, automobilistico e delle risorse. Attualmente, l’obiettivo principale della società è la commercializzazione di WAM poiché attualmente AML3D ha l’unico impianto di produzione WAM su larga scala diversificato per metalli nell’emisfero australe.

Sia AML3D che Austal mirano a implementare l’uso di WAM nei progetti di produzione navale in futuro. L’applicazione di WAM in questo progetto è in linea con l’obiettivo di lunga data di AML3D di applicare la tecnologia a una pletora di future applicazioni nella costruzione navale. Inoltre, Austal è interessata ad esplorare le capacità robotiche di WAM nelle costruzioni di moduli navali su larga scala.

Nei prossimi due anni, AML3D prevede di estendere i propri servizi e prodotti a un servizio di progettazione CAD, estendere la propria copertura di mercato e produrre stampanti 3D WAM mobili.

Austal è stata fondata nel 1988 ed è specializzata nella costruzione di navi commerciali e da difesa. Dal 2017 Austal ha progettato e costruito oltre 260 navi per forze di difesa come l’Australian Border Force e la Royal Australian Navy.

Nel febbraio 2020 SPEE3D e la Charles Darwin University hanno collaborato per assistere l’ esercito australiano in un progetto da 15 milioni di dollari australiani. L’iniziativa ha fornito a 20 soldati l’addestramento in AM e il tenente colonnello Kane Wright, comandante 1 CSSB, ha detto che il progetto ha evidenziato l’ attenzione dell’esercito australiano verso il tenersi al passo con la tecnologia.

In passato, l’ esercito australiano ha implementato altre tecniche di stampa 3D nella sua forza lavoro. Nel giugno 2020 l’esercito ha effettuato un test sul campo dei sistemi WarpSPEE3D AM del produttore di stampanti 3D in metallo SPEE3D. La prova di tre giorni si è svolta in varie località dei Territori del Nord australiano per dimostrare l’efficienza delle parti metalliche stampate in 3D durante l’addestramento sul campo. Le stampanti 3D di SPEE3D sono state testate per 30 minuti in condizioni difficili, il che ha evidenziato il potenziale dell’AM per la riparazione di apparecchiature danneggiate durante le missioni.

Successivamente, nell’agosto 2020, l’esercito australiano ha effettuato una seconda serie di esercitazioni sul campo utilizzando i sistemi WARPSPEE3D AM di SPEE3D. I test sono stati effettuati dopo il successo delle prime prove sul campo di tre giorni dell’esercito australiano condotte all’inizio di quest’anno. I soldati hanno ricevuto una macchina aggiornata per stampare in 3D componenti per l’ uso finale a temperature soffocanti fino a 37oC.

Be the first to comment on "AML3D E AUSTAL"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi