Alexander Linovsky e l’implementazione di tecnologie 3d nel processo educativo

LO SCIENZIATO DI OMSTU STA LAVORANDO ALL’IMPLEMENTAZIONE DI TECNOLOGIE 3D NEL PROCESSO EDUCATIVO
DOCENTE SENIOR DEL DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIA DI INGEGNERIA MECCANICA DI OMSTU ALEXANDER LINOVSKY, INSIEME AL TEAM DI RICERCA DELL’UNIVERSITÀ, È IMPEGNATO NELLA REALIZZAZIONE DI DIVERSI PROGETTI UNIVERSITARI CONTEMPORANEAMENTE. UNO DI QUESTI È LA CREAZIONE DI UN LABORATORIO DI TECNOLOGIE ADDITIVE – COSTRUZIONE STRATO PER STRATO E SINTESI DI UN OGGETTO UTILIZZANDO TECNOLOGIE 3D COMPUTERIZZATE. 

Una direzione importante del lavoro del team è lo sviluppo delle modalità. Il laboratorio dispone già di apparecchiature per due tipi di stampa: FDM (estrusione di stampa) e SLA (stereolitografia laser), nonché una serie di materiali di stampa per ciascuna delle tecnologie. Al momento, sono in corso ricerche e vengono selezionate modalità ottimali per vari compiti. Come osserva Alexander, alcune delle modalità considerate consentono di ottenere un’elevata qualità della parte finita, ma la sua stampa richiederà molto tempo. Altri: consentono di realizzare parti rapidamente, ma di qualità inferiore. Al momento, è in fase di sviluppo un database di modalità per vari scopi al fine di ridurre al minimo il tempo di lavoro durante l’esecuzione di attività di produzione reali.

Secondo Alexander, il progetto ha diverse direzioni principali. Uno di questi è l’introduzione di tecnologie additive nel processo educativo dell’università. Questo obiettivo è stato praticamente raggiunto: il programma di lavoro è già stato approvato, le attrezzature sono state acquistate, la letteratura didattica e metodologica è praticamente pronta, sviluppata secondo gli standard moderni dal personale del dipartimento. Nel prossimo anno accademico è già prevista l’introduzione di una nuova disciplina “Tecnologie additive in ingegneria meccanica” per gli studenti della direzione della formazione “Progettazione e supporto tecnologico delle industrie di ingegneria meccanica”.

Un’altra direzione è l’introduzione e l’uso dell’AT in vari sviluppi sperimentali e progettuali esistenti, in cui è impegnato il team scientifico del dipartimento.

clicca per ingrandire

Alexander Linovsky, docente senior presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Istituto di Costruzione Macchine OmSTU: “Come parte del programma Start, stiamo sviluppando un modulo tecnologico dinamico di maggiore rigidità (DTM-08). Durante il lavoro, tutti i dettagli del DTM sono stati stampati su una stampante 3D in scala 1: 1, e successivamente sono stati studiati sul prototipo ottenuto. Questo modo di organizzare il lavoro ci ha permesso di utilizzare uno degli importanti vantaggi dell’AT: la prototipazione rapida.

In un paio di giorni abbiamo ricevuto tutti i dettagli del futuro modulo e, a seguito di discussioni, abbiamo apportato alcune modifiche al design che, senza la tecnologia di prototipazione rapida, avrebbero potuto essere realizzate in fasi successive e sarebbero costate molto sia per le risorse materiali che per la produzione del modulo originale.

Parlando dell’introduzione dell’AT nel processo educativo, possiamo dire che siamo arrivati ​​a questo sulla base delle esigenze del settore reale dell’economia in specialisti con competenze in questo settore. Le imprese più progressiste stanno già introducendo la stampa 3D nella loro produzione, e dobbiamo fornire loro personale qualificato che possa lavorare su tali apparecchiature e progettare processi tecnologici tenendo conto della possibilità di utilizzare AT laddove sia economicamente giustificato.

In futuro, abbiamo in programma di sviluppare i nostri progetti in ciascuna delle aree e anche di aumentare la quantità di attrezzature nel nostro laboratorio. Se troviamo finanziamenti, prevediamo di acquistare attrezzature per la stampa su metallo, il che aumenterà notevolmente le capacità del nostro laboratorio “.

Le tecnologie additive sono attraenti per la loro vasta gamma di applicazioni nella produzione e nella ricerca e sviluppo oggi e con applicazioni potenziali ancora maggiori nel prossimo futuro. Secondo il giovane scienziato, l’uso di questo sviluppo nella produzione potrebbe interessare le imprese che sono già impegnate nell’introduzione di tecnologie additive nei loro processi tecnologici o che lo faranno. Il numero di pubblicazioni in riviste scientifiche sottoposte a revisione paritaria in questo settore è in aumento, il che dimostra l’ampio interesse degli scienziati di tutto il mondo per la ricerca in questo settore.

Be the first to comment on "Alexander Linovsky e l’implementazione di tecnologie 3d nel processo educativo"

Leave a comment