Aiuto il tuo chirurgo la stampa 3d

ok Ok vale la pena di dare una mano dal punto di vista tecnico
Fasotec organi umidi stampati in 3d per allenare i chirurghi 02«La stampa 3D aiuta il tuo chirurgo»: campagna del Policlinico di Pavia
L’uso delle moderne stampanti sempre più necessario nei preliminari degli interventi chirurgici, per studiare l’anatomia e spiegare l’operazione al paziente

Tumore del pancreas, del rene, della milza, aneurisma e dissecazione aortica: sono solo alcuni esempi di patologie in cui la stampa 3D ha un impatto concreto a supporto del chirurgo durante la fase di pianificazione dell’intervento. Il modello fisico ottenuto attraverso la stampa 3D contiene, infatti, tutte le caratteristiche anatomiche del distretto coinvolto e permette quindi di evidenziare strutture di interesse chirurgico, quali vascolarizzazione, posizione ed estensione del tumore o delle lesioni.
L’operazione di crowdfunding
L’Università di Pavia, con i suoi 654 anni di storia, attraverso Universitiamo® by UNIPV (la sua piattaforma di crowdfunding) cerca di implementare l’uso medico della stampa 3D fino ad arrivare a un vero e proprio servizio integrato in grado di rispondere ai chirurghi rispettando le tempistiche della pratica clinica. Se l’obiettivo delle donazioni sarà raggiunto e superato, si potrà creare un vero e proprio centro di riferimento nazionale. Il progetto è illustrato sul sito con un video esplicativo dal titolo: “La stampa 3D aiuta il tuo chirurgo”.
Come le stampanti 3D aiutano i medici
Il Policlinico San Matteo di Pavia, ed in particolare la sezione di Chirurgia II guidata dal professor Andrea Pietrabissa, utilizza ormai abitualmente modelli anatomici stampati in 3D, ricostruiti a partire da immagini TAC del paziente: ad oggi il 50% della chirurgia pancreatica e il 100% della chirurgia splenica e renale eseguita in quel reparto sfrutta il supporto di modelli stampati in 3D. Anche il Policlinico San Donato con la sua chirurgia vascolare e cardiochirurgia sta ad oggi sperimentando l’uso dei modelli da Pavia per la pianificazione chirurgica.
Il chirurgo fornisce le immagini TAC o di Risonanza Magnetica del paziente insieme alle indicazioni sulle parti anatomiche di suo interesse; le immagini vengono quindi elaborate per ricostruire un modello anatomico virtuale, successivamente inviato alla stampante 3D.

da corriere.it

Be the first to comment on "Aiuto il tuo chirurgo la stampa 3d"

Leave a comment