Airbus si aggiudica il contratto ESA per la costruzione del terzo modulo di servizio europeo per la navicella spaziale Orion della NASA

Programma Artemis: Airbus costruirà il terzo modulo per la missione sulla luna di Orione

L’ Agenzia spaziale europea (ESA) e la National Aeronautics and Space Administration (NASA) continuano a lavorare insieme su quella che è considerata una versione moderna del programma Apollo. Meglio noto come Artemide , il programma che prende il nome dalla dea greca della caccia e sorella gemella su Apollo, dovrebbe restituire il prossimo uomo e la prima donna sulla Luna entro il 2024. Uno dei suoi componenti di base è l’ astronave Orion della NASA , che trasporterà l’equipaggio da e verso l’orbita lunare. Il cuore del veicolo spaziale Artemis è l’ European Service Module (ESM), che è fondamentale in quanto fornirà elettricità, acqua e aria alla capsula dell’equipaggio, oltre a mantenere la temperatura per il supporto vitale.

Il colosso aerospaziale Airbus ha già realizzato due moduli di servizio per Orion con hardware di aziende in tutta Europa, e ora hanno firmato un nuovo contratto con l’ESA per un terzo modulo ESM. Il nuovo contratto da € 250 milioni (277 milioni di dollari) garantirà la necessaria continuità dell’ESA nel programma Artemis della NASA.

L’ESM è la centrale elettrica del veicolo spaziale Orion, responsabile per spingere la capsula attraverso lo spazio, fornendo energia di propulsione, deposito di materiali di consumo per sostenere l’equipaggio a bordo e controllo della navigazione per il viaggio sulla Luna e ritorno.

“Il nostro know-how e la nostra competenza ci consentiranno di continuare a facilitare le future missioni della Luna attraverso partenariati internazionali”, ha affermato Andreas Hammer, Head of Space Exloration di Airbus. “Lavorando insieme ai nostri clienti ESA e NASA e al nostro partner industriale Lockheed Martin, ora abbiamo una base di pianificazione affidabile per le prime tre missioni lunari. Questo contratto è un sostegno dell’approccio comune che combina il meglio delle tecnologie spaziali europee e americane. “

Il modulo di servizio viene realizzato da Airbus presso le sue strutture di Brema in Germania e incorpora il lavoro di centinaia di persone di Airbus, società partner e dieci nazioni europee che sono coinvolte nel programma.

Secondo Airbus, durante lo sviluppo e la costruzione dell’ESM, la società ha scelto di riutilizzare tecnologie e competenze esclusive del veicolo di trasferimento automatizzato (ATV), che ha fornito all’equipaggio a bordo della Stazione spaziale internazionale (ISS) consegne regolari di test attrezzature, pezzi di ricambio, cibo, aria, acqua e carburante. L’ATV è considerato uno dei più potenti veicoli spaziali automatici mai costruiti e senza gli occasionali rilanci che l’ATV fornisce, l’ISS rallenterebbe sufficientemente per ricadere dalla sua orbita sulla Terra, rendendolo una fonte ideale per il modulo di servizio di Orione.

Di forma cilindrica, l’ESM ha quasi quattro metri di diametro e altezza, con quattro matrici solari che si espandono a 19 metri di larghezza quando sono spiegate, in grado di generare energia sufficiente per alimentare due famiglie. Con un peso di poco più di 13 tonnellate, le 8,6 tonnellate di carburante del modulo di servizio possono alimentare un motore principale e 32 propulsori più piccoli.

David Parker, direttore dell’Esplorazione umana e robotica dell’ESA, ha affermato che “sottoscrivendo questo accordo, stiamo nuovamente dimostrando che l’Europa è un partner forte e affidabile in Artemis. Il modulo di servizio europeo rappresenta un contributo cruciale a questo, consentendo la ricerca scientifica, lo sviluppo di tecnologie chiave e la cooperazione internazionale – ispirando missioni che espandono la presenza dell’umanità oltre l’orbita terrestre bassa. “

Airbus afferma che in ogni ESM vengono utilizzate oltre 20.000 parti e componenti, da apparecchiature elettriche a motori, pannelli solari, serbatoi di carburante e forniture di supporto vitale per gli astronauti, nonché circa 12 chilometri di cavi.

Il gigante aerospaziale è noto per l’utilizzo di tecnologie di produzione additiva (AM) per la prototipazione e la fabbricazione di parti. Nella loro struttura ad Amburgo, in Germania, l’azienda applica la stampa 3D per ridurre i costi e i tempi di consegna, mentre il sito produttivo dell’azienda a Brema, dove verrà sviluppato l’ESM, utilizza materiali e processi di stampa 3D da molti anni. Nel 2018, Peter Sander, esperto di stampa 3D nel dipartimento Tecnologie e concetti emergenti di Airbus, ha dichiarato a BremenInvest che “la stampa 3D è ora utilizzata in tutta l’azienda […] tutti hanno riconosciuto che la stampa 3D ha un grande potenziale”.

Airbus supporta l’ESA come appaltatore principale nelle missioni di volo spaziale umano da oltre un decennio e la collaborazione ESA-Airbus ha già fornito un modulo di servizio per la prima delle missioni di questo progetto. Questo primo modulo di servizio è stato consegnato alla NASA a novembre 2018 ed è già stato accoppiato con il modulo equipaggio. Il veicolo spaziale completamente integrato ha già terminato i test del vuoto termico presso la struttura della NASA in Ohio ed è tornato al Kennedy Space Center in Florida. Mentre un secondo modulo di servizio è ora integrato e testato da Airbus a Brema, con consegna prevista per la prima metà del 2021.

Per avere un’idea di ciò che verrà, la NASA e l’ESA hanno affermato che la navicella spaziale lunare che comprende il modulo di servizio I dell’ESA e la capsula dell’equipaggio Orion della NASA verrà utilizzata per i voli di certificazione senza equipaggio alla fine del prossimo anno. Mentre Artemide II vedrà gli astronauti salire a bordo di Orione per un giro attorno alla Luna. E Artemis III sarà la missione che tenta di effettuare un atterraggio sulla superficie lunare , e il modulo di servizio appena contratto sarà un pezzo chiave dell’hardware della missione.

Negli anni ’70, le missioni Apollo sono approdate principalmente nell’area equatoriale laminata della Luna, ma c’è molto altro da esplorare, come i poli e il lato oscuro della Luna. Essendo la spina dorsale del veicolo spaziale, questo nuovo sviluppo del modulo di servizio non solo sigilla la collaborazione internazionale in corso nello spazio, ma trascina anche l’Europa nelle missioni che si prevede di andare oltre l’orbita terrestre bassa, con la speranza che alla fine un astronauta dell’ESA farà parte di un equipaggio di Orione.

Be the first to comment on "Airbus si aggiudica il contratto ESA per la costruzione del terzo modulo di servizio europeo per la navicella spaziale Orion della NASA"

Leave a comment