Adrie e Alfons Kennis, di Kennis & Kennis Reconstruction e le loro ricostruzioni degli uomini primitivi

Proprio come gli artisti forensi hanno usato la stampa 3D per dare alle vittime non identificate di un omicidio  un volto realistico , archeologi e ricercatori utilizzano la tecnologia per fornire volti a figure storiche . I paleo-artisti ominidi Adrie e Alfons Kennis, di Kennis & Kennis Reconstructions , sono fratelli gemelli dei Paesi Bassi specializzati in ricostruzioni paleontologiche. Insieme dal loro studio di casa, i due modellisti sono alcuni dei più noti scultori di ricostruzioni umane  in Europa.

Hanno completato circa 10 ricostruzioni a grandezza naturale fino ad ora, coprendo i punti salienti della storia umana – il famoso  Australopithecus afarensis Lucy , l’Homo erectus , il Neanderthal e l’Homo sapiens Cheddar Man , con i suoi occhi celesti e capelli e pelle scuri. Quest’ultimo, che è un modello di un inglese antico, ha suscitato scalpore perché ha trasformato l’idea che gli umani si sono adattati ad avere una pelle più chiara dopo essere entrati in Europa 45.000 anni fa.

Ciò che porta la polemica è come i fratelli Kennis rendono i loro modelli espressivi e animati, il che li fa apparire più umani.

“Se dobbiamo fare una ricostruzione, vogliamo sempre che sia affascinante, non un manichino bianco opaco che è appena uscito dalla doccia”, ha detto Adrie Kennis.
Ogni ricostruzione a grandezza naturale richiede un anno e mezzo, iniziando con la ricostruzione dello scheletro attraverso la stampa 3D e scansioni di computer e fossili. Una volta che lo scheletro completato viene sospeso con cavi metallici, viene aggiunta la cartilagine siliconica tra le vertebre per rendere flessibile la colonna vertebrale.

Kennis disse: “Usiamo una specie di argilla paraffinica per scolpire i muscoli, e facciamo arterie usando piccole corde che giacciono sopra i muscoli”.
Essi avvolgono strati di un diverso tipo di argilla intorno alla ricostruzione per fungere da pelle e quindi creano uno stampo per replicarlo in silicone.

“Facciamo cinque strati di silicone per rendere il colore della pelle, perché la vera pelle è traslucida”, ha spiegato Kennis.
I fratelli lavorano duramente per rendere le loro sculture accurate, ma anche per dar loro un senso di individualità.

Per raggiungere questo obiettivo, tengono aggiornate le ultime informazioni riguardanti il ​​bacino umano e quello di Neanderthal, quindi portano le loro conoscenze nella vita ricostruendo scheletri e muscolatura per ogni scultura su cui lavorano. I progressi del test del DNA danno loro la possibilità di aggiungere tratti genetici specifici, come gli occhi blu di Cheddar Man e i capelli scuri e ricci.

“Molte persone sono state sorprese dalla sua pelle scura, ma per noi non è stata una grande sorpresa”, ha detto Kennis. “Almeno tre altri scheletri di cacciatori-raccoglitori sono stati trovati in Europa più o meno nello stesso periodo, e i test del DNA mostrano che hanno tutti quella strana combinazione di pelle scura e occhi azzurri”.

I due sono anche antropologi dilettanti, influenzati sia dai teschi fossilizzati stessi che dai moderni popoli tribali di società più primitive. Comprendere le diverse forme di adattamento che diverse popolazioni hanno sviluppato per vivere nelle loro culture e condizioni ambientali uniche è importante per il lavoro della coppia nel ricostruire somiglianze realistiche. Questo è il motivo per cui i loro modelli stampati in 3D molte volte hanno tatuaggi tribali, acconciature interessanti e pose più moderne.

Kennis ha detto: “Lo portiamo al museo, e molte volte i direttori dei musei sono scioccati, perché lo trovano troppo estremo, troppo alieno”.

Ma il loro dono di dare personalità ai modelli attraverso le espressioni facciali – che possono richiedere fino a un mese intero – aiuta con lo shock.

“Ci sono alcune cose che il teschio non può dirti. Non si sa mai quanto grasso abbia qualcuno intorno agli occhi, o lo spessore delle labbra, o la posizione esatta e la forma delle narici “, ha detto Kennis.
Ricordo di andare ai musei da bambino e di pensare a quanto noiosi fossero i modelli perché loro stessi sembravano annoiati; Ero sempre pronto a passare agli animali o alle opere d’arte. Ma i modelli di Kennis in realtà consentono ai visitatori dei musei di guardare al passato con un po ‘più di familiarità, anche se inizialmente sono scioccati da come … beh, umano, i modelli appaiono.

A proposito di shock, due ricostruzioni che i fratelli hanno completato per il Natural History Museum (NHM) di Londra dimostrano le differenze tra i primi umani e Neanderthal. Tenevano i modelli nudi e in una posa rilassata, così le persone potevano vedere le differenze anatomiche tra loro.

“Ci piace tenerli nudi perché poi puoi vedere chiaramente le caratteristiche: i Neanderthal erano corti con mani grandi e un bacino largo, i primi  Homo sapiens  erano molto magri”, ha spiegato Kennis.

“Chris Stringer, il capo dell’antropologia presso l’NHM, riceve sempre e-mail, di solito dai padri, dicendo che è scandaloso che sua figlia abbia dovuto vedere un ragazzo nudo nel museo. Sono sempre i genitori a fare i problemi. ”

Un modello è del passato più recente – Ötzi l’Uomo venuto dal ghiaccio, creato per il Museo Archeologico dell’Alto Adige in Italia nel 2011, vissuto nelle montagne tirolesi 5-6.000 anni fa. Ötzi era mummificato nel ghiaccio, il che significava che i fratelli potevano imparare di più su di lui, come la sua età e il fisico generale.

“Il suo cranio ha un underbite e la sua faccia punta verso il basso: non un bel viso”, ha detto Kennis.

“Abbiamo fatto delle ricerche nel villaggio dove è stato trovato, e molte persone hanno pensato che fosse giovane e bello – un tipo di Johnny Weissmuller. Avresti dovuto vedere quanto erano delusi quando hanno visto la nostra ricostruzione. ”

Be the first to comment on "Adrie e Alfons Kennis, di Kennis & Kennis Reconstruction e le loro ricostruzioni degli uomini primitivi"

Leave a comment