Adrian Gray condannato in Galles per possesso di un tirapugni, una arma, stampata in 3d

Adrian Gray, 40 anni, ha affermato che l’arma era un giocattolo dopo che la polizia gallese lo ha trovato nascosto nella tasca del suo cappotto durante la ricerca del 5 dicembre 2017.

Il tirapugni  di plastica bianca sarebbe stato realizzato dall’amico di Gray usando una stampante 3D, cosa che è a sua volta proibita nel Regno Unito.

Ma Gray, da St Michael Street, Brecon, Powys, nel Galles, è stato accusato dalla polizia di avere un’arma offensiva, nonostante abbia detto che stava usando il tirapugni delle nocche come riferimento per un tatuaggio. Si è anche dichiarato colpevole di possesso di  droga dopo che è stato trovato anche con una piccola quantità di cannabis e un macinino per la cannabis.

Gray ha ammesso il possesso di  droga

A Gray è stata inflitta una condanna a tre mesi di prigione, sospesa per 12 mesi. Gli è stato inoltre ordinato di svolgere 100 ore di lavoro non retribuito e di pagare  250 sterline di costi.

Dopo la sua condanna, Alex Scott, procuratore capo della CPS, ha dichiarato: “È stato un caso insolito. Adrian Gray ha affermato che questo tirapugni  stampato in 3D era solo un giocattolo perché era di plastica.

“Il CPS ha presentato prove alla corte, inclusa l’arma stessa, e ha dimostrato che potrebbe causare gravi danni se usato maliziosamente.

“Questa convinzione dimostra che le armi offensive ora assumono  molte forme”.

Be the first to comment on "Adrian Gray condannato in Galles per possesso di un tirapugni, una arma, stampata in 3d"

Leave a comment