A Singapore Architecture Intelligence Research Lab presso SUTD installa un padiglione stampato in 3D per il festival di metà autunno

La prima struttura completamente stampata in 3D è stata progettata e costruita a Singapore di recente da studenti sotto la direzione di architetti e professori dell’Università di Tecnologia e Design di Singapore (SUTD). Il gruppo di ricerca, Architecture Intelligence Research Lab (AirLab), presso SUTD, ha creato la struttura, chiamata AirMesh, e l’ha installata come padiglione a Gardens by the Bay. Questo sito coincide anche con il Mid-Autumn Festival 2019.

Airmesh è al lavoro da cinque anni al SUTD con i professori Carlos Bañon e Felix Raspall. Sfruttando i vantaggi più classici della stampa 3D, l’obiettivo del gruppo era quello di creare prodotti con “estrema leggerezza” e di realizzare una struttura ottimizzata per prestazioni elevate. Il team ha lavorato insieme da un punto comune di ispirazione: un concetto di rete neurale 3D non solo interconnessa ma “estremamente ridondante”.

Il design costituisce il primo telaio spaziale al mondo, secondo le normative Eurocode, approvato dalla Singapore Building Construction Authority (BCA) per un breve periodo di occupazione. Il “belvedere realizzato in digitale” sarà installato e aperto ai visitatori per i successivi tre anni.

“Come il primo del suo genere, promuove il design e l’innovazione di Singapore. Il valore strutturale di AirMesh spinge il limite della snellezza e quindi mira a ispirare coraggio e curiosità negli utenti “, ha affermato Bañon, Lead Designer.

I progettisti sono stati in grado di creare la struttura leggera grazie alla configurazione tetraedrica, sopportando il carico di 200 elementi lineari che si uniscono in 54 nodi parametrici stampati in 3D. Descritto anche come un “padiglione etereo”, la struttura è situata su un pendio verde, attaccato in undici punti. Lo scafo convesso ha lo scopo di collegare i visitatori ai seguenti quattro punti mentre la brezza e il sole scorrono attraverso:

Due strati di reti bianche adornano la struttura, insieme a luci a LED che la illuminano di notte.

“Come il primo del suo genere, promuove il design e l’innovazione di Singapore. L’abilità strutturale di Airmesh spinge il limite della snellezza e quindi mira a ispirare coraggio e curiosità negli utenti “, ha detto Bañon.

Le cornici spaziali progettate qui richiedevano un nuovo livello di libertà, strumenti innovativi e tecnologia progressiva. L’assemblaggio è durato due giorni, con manodopera che ne ha richiesto solo cinque mentre hanno assemblato l’intero padiglione, che pesa 700 kg.

“In cinque anni, abbiamo sviluppato un sistema in base al quale qualsiasi forma può essere concettualizzata, fabbricata e assemblata mediante un codice computerizzato creato nel nostro laboratorio. Offre enormi possibilità per i futuri progetti architettonici come hub di trasporto, grandi tetti e persino grattacieli “, ha affermato Anna Toh Hui, Lead Researcher, Airlab SUTD.

Il team di ricerca era composto da Anna Toh Hui Ping, capo ricercatrice, che lavorava con David Rosen, Vahid Hassani, Jenn Chong, Sourabh Maheshwary, Sihan Wang, Liu Chi, Huang Kunsheng, Luo Qihuan, Aurelia Chan e Cheong Yilei.

“Con questo nuovo traguardo, SUTD è orgogliosa di mettere Singapore all’avanguardia dell’innovazione nella stampa 3D ad alte prestazioni nell’architettura e nella progettazione strutturale”, ha affermato Bañon.

Be the first to comment on "A Singapore Architecture Intelligence Research Lab presso SUTD installa un padiglione stampato in 3D per il festival di metà autunno"

Leave a comment