Zoe Jia-Yu Dai vincitrice del Jimmy Choo Award 2014 presenta la sua collezione di scarpe stampate in 3D Breaking the Mould 3D

La vincitrice  del JIMMY CHOO Award spinge i limiti della calzatura con la stampa 3D

Non importa quale tipo di lavoro si faccia , è probabile che si indossino le scarpe ogni giorno, siano essi stivali d’acciaio a punta   tacchi a spillo ballerine ecc ( e se siete uomini sneakers e scarponi da lavoro…. ) . Ma non ci si sofferma quasi mai  a pensare al processo calzaturiero. La costruzione della scarpa, il Calzaturiero tradizionale, è una pratica secolare che ha fatto valere le stesse tecniche  per decenni, tuttavia, Zoe Jia-Yu Dai laureata nella moda e designer di scarpe è determinata a smuovere le cose, e si rivolta per farlo alla stampa 3D.

La giovane designer di talento ha rilasciato una serie di progetti finali stampati in 3d di scarpe ispirate alla natura dal titolo “Breaking the Mould 3D ” ( rompiamo con la muffa del settore calzaturiero ).

Il suo progetto mira a spingere i limiti fisici dei processi di produzione di calzature tradizionali e creare progetti che sarebbero impraticabili o impossibili da produrre con metodi tradizionali, con la lavorazione o con lo stampaggio. “Era chiaro che la stampa 3D non poteva che raggiungere questo obiettivo, ma permette anche una grande quantità di flessibilità in fase di progettazione, così come mi permette di spingere i limiti delle strutture di progettazione”, spiega la designer

La collezione di calzature da donna  è quasi interamente stampata in 3D, dal tallone fino all’ultimo spago (la scarpa si attaglia al piede umano e determina la forma della scarpa stessa). Quattro pacchetti software 3D sono stati usati per creare i modelli, tra cui 3D Studio Max, Rhino, Maya e ZBrush. In termini di stampanti, l’artista ha usato un modello FDM per la prototipazione e una stampante EOS per la produzione dei  tacchi finali, dando loro una rifinitura superiore.

Creare scarpe è una procedura complicata, e Jia Yu-Dai ha dovuto eseguire cinque passaggi precisi per ottenere il risultato desiderato. La prima fase era quello scannerrizzare i piedi dei suoi clienti “La scarpa  deve rappresentare le informazioni anatomiche del piede, mentre allo stesso tempo la scarpa finita possiede  un aspetto piacevole e alla moda,” .
Il secondo passo è creare la forma delle scarpe.  Jia-Yu Dai iniziato a col disegnare a mano le scarpe , poi li ha riprodotti come modelli 3D, e quindi ha stampato dei prototipi dei talloni . La sua ispirazione per la progettazione per questa collezione è venuta da strutture naturali, come la spirale, i fossili e le ossa, dice. ” l’osso  è una parte cruciale del corpo di una creatura, sostenendo il peso in modo simile in cui  una scarpa sostiene  il peso di chi la indossa.” Ha anche tratto ispirazione dalle forme organiche già utilizzate in arte, come The Chair Bone di Joris Laarman e la Sagrada Familia di Antoni Gaudi.

La terza fase ha coinvolto la creazione della tomaia di pelle in rilievo. Ancora una volta, la tecnologia di stampa 3D è stato utilizzata per creare e stampare il timbro a secco. Seguondo i processi di calzatura più tradizionali di taglio del modello, della cuciture delle pelli e costruendo il sottopiede e la suola.

Infine, il quinto passo è stato fatto per stampare il tallone finito utilizzando una stampante EOS 3D, con una  vernice spray di un  bianco elegante  e poi il tallone stesso è stato assemblato al corpo della scarpa.

Secondo Jia-Yu Dai, la parte più difficile di questo processo lungo e dettagliato è stato quello di creare una struttura di tacco complessa che potesse sostenere il peso di una persona, ma allo stesso tempo  essere anche unico esteticamente . Uno sguardo alle intricate forme simil gabbia  e alle curve sinuose  dei suoi tacchi, e diremmo che ci è sicuramente riuscita.

‘Breaking the Mould 3D’ è stato presentato presso il London College of Fashion , tuttavia l’artista intende vendere l’intera collezione. “Questa collezione si concentra sulla fascia alta, di lusso di alta moda e del mercato su misura”, ha detto, aggiungendo che la sua collezione “definisce gli standard per il il lavoro nella moda della stampa 3d.” Grazie alla stampa 3D, i talloni, , la forma , materiali e i colori sono tutti interamente personalizzabile, e mira un mercato più high-end  stampando con  materiali all’avanguardia.

Originaria di Taiwan, dove si è laureata presso l’Istituto Nazionale di Taichung Technology College e al The Innovation Incubation Center of International Textile & Fashion Design, Poi  Zoe Jia-Yu Dai si è trasferita a Londra, che considera la capitale mondiale della moda. Seguendo la sua passione per il design di calzature, ha completato il suo Master  al London College of Fashion nel 2014, dove ha vinto il Jimmy Choo Award, e da allora si è dedicata a combinare la tecnologia moderna, le capacità progettuali complesse e un elevato livello di artigianalità all’interno dell’industria della calzatura.

Be the first to comment on "Zoe Jia-Yu Dai vincitrice del Jimmy Choo Award 2014 presenta la sua collezione di scarpe stampate in 3D Breaking the Mould 3D"

Leave a comment