Zac Posen porta la moda stampata in 3d al Gala del Metropolitan Museum di New York

Il 6 maggio 2019 il Met Museum di New York ha ospitato il suo Met Gala annuale. Un’AZ di moda e fama, celebrità come Lady Gaga, Janelle Monae, Jared Leto, Harry Styles e Anna Wintour hanno adorato il tappeto rosso, sfoggiando disegni ostentati sul tema di quest’anno “Camp”. Un partecipante però era qualcosa che pochi altri potevano ‘ ve previsto. Con l’aiuto di GE Additive e Protolab, lo stilista americano Zac Posen ha portato la stampa 3D alla festa.

Diversi abiti, indossati da personaggi del calibro del 2012 Spiderman Andrew Garfield, la modella inglese Jourdan Dunn e l’attore cinematografico indiano Deepika Padukone hanno caratterizzato la tecnologia. Un pezzo di spicco è stato l’abito bustier interamente stampato in 3D con l’attore canadese Nina Dobrev, ispirato all’aspetto della scarpetta di vetro di Cenerentola.

In un’intervista con la rivista Glamour , Posen ha dichiarato: “Ho sempre desiderato lavorare con la stampa 3D per spingere i confini dell’arte e della moda”.

Grazie a designer pionieri come Iris Van Herpen , la stampa 3D non è estranea alla moda. In effetti la tecnologia, grazie alla sua flessibilità, è diventata un punto di riferimento e ispirazione per molti designer emergenti tra cui Mingjing Lin e la fondatrice di House of Anesi Stephania Stefanakou . La tecnologia è anche una consuetudine di molti reparti di costumi di set cinematografici, e in particolare ha contribuito alla fabbricazione della mantella e della corona del premio Oscar indossate dalla regina Ramonda nella Black Panther della Marvel .

In molti modi, però, le affermazioni di Posen con Met Gala sono come niente che l’industria della stampa 3D abbia mai visto prima. Ognuno trae vantaggio dalla capacità della tecnologia di creare forme del tutto uniche, anche formali, con una complessità geometrica incredibilmente alta.

Uno dei pezzi che ha fatto il suo debutto con Met Gala lunedì è stato la rosa di Posen. Come indossato da Dunn (sopra), questo vestito è composto da 21 petali singoli, stampati in 3D in Accura Xtreme White sulle macchine SLA di 3D Systems presso Protolabs. Ogni petalo, con un peso medio di 1 libbra, viene fissato anche dalla gabbia metallica personalizzata 3D stampata su una macchina EBM GE Additive Arcam.

Tre set di petali in totale sono stati utilizzati per realizzare il vestito, ognuno con 100 ore di stampa.

Un secondo pezzo della collezione di Posen è l’abito bustier “slipper di vetro” indossato da Dobrev. Questo vestito ha portato il team di Protolabs a completare oltre 200 ore, compresa la stampa 3D e la finitura mediante levigatura e rivestimento trasparente.

Gli accessori stampati in 3D sono stati indossati anche dai modelli di Posen. Un accessorio di colletto di foglie di palma indossato dall’attore Katie Holmes impiegò 56 ore per stampare e rifinire usando una vernice viola perlata. Il copricapo dell’attore Julia Garner è stato stampato in 3D come un unico pezzo utilizzando la tecnologia HP Multi Jet Fusion (MJF) e l’abito di Padukone presentava 408 abbellimenti floreali stampati e ricamati in 3D.

Per Garfield e il mercante d’arte Vito Schnabel, Posen ha progettato gemelli stampati 3D personalizzati per accompagnare i loro abiti su misura. Entrambe le coppie sono realizzate usando la resina MicroFine Green su misura del Protolabs , poi dipinte per dare effetti di colore rosso e oro.

Tutti i capi di Posen sono state fatte sotto il suo marchio di moda Casa di Z . La maggior parte è stata realizzata presso gli stabilimenti Protolab di Raleigh, nel North Carolina, con l’abito bustier di Dobrev stampato in 3D a Protolabs in Germania, e la montatura in metallo della rosa di Dunn realizzata presso il GE Additive Technology Center di Cincinnati.

Be the first to comment on "Zac Posen porta la moda stampata in 3d al Gala del Metropolitan Museum di New York"

Leave a comment