Wikifactory e Thought For Food Challenge

Wikifactory e Thought For Food Challenge: soluzioni per nutrire in modo sostenibile il mondo

Ci sono molti sforzi in corso per usare la stampa 3D allo scopo di aumentare la sostenibilità nel mondo, dalle applicazioni marine e ridurre i rifiuti di plastica alle iniziative di acqua pulita e la sostenibilità degli alimenti . L’ultimo a unirsi alla lotta è la piattaforma sociale collaborativa per lo sviluppo di prodotti Wikifactory , che sta collaborando con la Fondazione Thought For Food (TFF) senza scopo di lucro , per consentire lo scambio di conoscenze per soluzioni hardware aperte basate su AI, basate sui dati e stampate in 3D per agricoltura e cibo sostenibili.

“Abbiamo notizie per aspiranti imprenditori e innovatori che utilizzano la stampa 3D e la fabbricazione digitale. Wikifactory collabora con la Thought for Food Challenge del 2019, una “competizione collaborativa” globale per sviluppare e lanciare soluzioni hardware rivoluzionarie per nutrire in modo sostenibile il mondo “, ha dichiarato Caroline Portugal, responsabile della crescita e della community di Wikifactory, a 3DPrint.com.

TFF è un motore di innovazione per l’alimentazione e l’agricoltura e, grazie a questa nuova partnership, la piattaforma Wikifactory è ora integrata nella sua piattaforma di accelerazione e collaborazione all’avvio di TFF Digital Labs .

Chiunque sia appassionato di creare cambiamenti nel sistema alimentare può iscriversi gratuitamente alla TFF Challenge 2019 . Secondo il sito Web della sfida, quest’anno il non profit sta lavorando con i migliori partner per “lanciare sfide specifiche per l’innovazione al fine di incoraggiare lo sviluppo di soluzioni” in diverse aree, come l’economia circolare dell’alimentazione, l’agricoltura forestale rigenerativa e la colonizzazione spaziale.

“Siamo entusiasti di collaborare con Thought For Food per costruire un fiorente ecosistema di hardware aperto per l’innovazione alimentare”, ha affermato Christina Rebel, co-fondatrice e Chief community Officer di Wikifactory. “Vogliamo vedere innovatori della tecnologia alimentare, agricoltori, ingegneri e imprenditori per applicare la mentalità aperta di un progettista di software per accelerare lo sviluppo della soluzione per le sfide che affrontano i nostri sistemi alimentari. Potremmo non avere tutte le risposte come individui, ma condividendo apertamente con una comunità globale possiamo arrivare a soluzioni più velocemente. ”

La collaborazione è la chiave dell’approccio di TFF all’innovazione e l’organizzazione ha trascorso anni a studiare diversi tipi di modelli di business che consentono la cooperazione di molte parti diverse. TFF spera di ridurre ciò che chiama “duplici sforzi di innovazione” incoraggiando i programmi di licenze incrociate e il trasferimento tecnologico, in modo che le organizzazioni possano lavorare insieme per creare in modo efficace innovazioni utili.

Grazie a questa collaborazione, tutti i team che partecipano alla TFF Challenge di quest’anno saranno ora in grado di accedere liberamente alla piattaforma sociale di Wikifactory, sfruttando oltre 800 progetti hardware aperti – su argomenti come droni, robotica, tecnologia di spreco alimentare, sensori e riciclaggio – dalla comunità di oltre 8.000 persone provenienti da 130 paesi. Inoltre, i partecipanti possono facilmente lavorare con innovatori di progetti e sviluppatori hardware per ottenere feedback utilizzando gli strumenti di collaborazione gratuiti di Wikifactory, come i sistemi di feedback e task, un potente visualizzatore 3D per oltre 30 formati CAD e un editor di documentazione. Questi strumenti consentiranno ai team di ospitare e visualizzare progetti online e di gestire il loro lavoro attraverso team virtuali.

Due dei progetti open source di esempio a cui i team TFF Challenge possono contribuire sono la piattaforma Dronecoria , che mira a utilizzare i droni per seminare palline di semi dall’aria per gli sforzi di rimboschimento, e lo Smart Citizen Kit , che utilizza un’app mobile, Hardware compatibile con Arduino e un’API Web per la visualizzazione dei dati a fini di monitoraggio ambientale.

Wikifactory sta rendendo la tecnologia alimentare e agricola più accessibile e conveniente per i giocatori più piccoli, come la TFF Foundation e la sua sfida, utilizzando sensori economici e piccoli sistemi automatizzati che utilizzano Arduino e Raspberry Pi. Quindi, gli innovatori sono in grado di utilizzare gli spazi dei produttori e le reti di stampanti 3D per distribuire le loro soluzioni nel mondo.

“Abbiamo assistito alla massiccia spinta innovativa che l’open source ha apportato all’industria del software e vogliamo portare questo spirito nel settore agroalimentare. Abbiamo bisogno di più persone che creino innovazioni, partecipino al loro utilizzo e integrino soluzioni per creare un impatto più ampio “, ha affermato Christine Gould, fondatrice e CEO di Thought For Food. “Il nostro mondo ha raggiunto un punto di svolta critico in cui i nostri vecchi sistemi di innovazione sono pronti per essere reinventati dalla collaborazione di massa. Dobbiamo riavviare tutti i vecchi modelli, approcci e strutture, e questo è un modo in cui possiamo aiutare a farlo. Supportando l’hardware aperto e il movimento open source, Thought For Food e Wikifactory mirano ad aumentare la velocità e l’impatto dell’innovazione dei sistemi alimentari verso la sostenibilità e l’inclusività. “

I partecipanti alla TFF Challenge possono accedere ai TFF Digital Labs – ora integrati con gli strumenti di Wikifactory – una tabella di marcia dell’innovazione, tutoraggio esperto e peer-to-peer dalla comunità globale della fondazione, contenuti di apprendimento pratico e l’opportunità di vincere opportunità di viaggio e finanziamenti. I giudici sceglieranno i vincitori esaminando l’innovazione, l’implementazione e la scalabilità, lo spirito di squadra e l’unicità della soluzione di ogni squadra. I finalisti avranno l’opportunità di recarsi a Kuala Lumpur, in Malesia, nel marzo 2020 per presentare le loro idee di fronte agli investitori e ai membri della giuria e vincere altri premi.

Be the first to comment on "Wikifactory e Thought For Food Challenge"

Leave a comment