Voxeljet sarà quotata alla borsa NASDAQ anziché al NYSE dal 31 agosto 2020

VOXELJET SI SPOSTA DAL NYSE AL NASDAQ A SEGUITO DI UN CALO DEI RICAVI DI OLTRE IL 20%

Il produttore tedesco di stampanti 3D voxeljet ha annunciato un calo delle entrate di oltre il 20% nei risultati finanziari del secondo trimestre 2020.

Per i tre mesi terminati il ​​30 giugno 2020, voxeljet ha generato un fatturato di 3,9 milioni di euro, una riduzione del 22,5% rispetto ai 5 milioni di euro registrati nel secondo trimestre del 2019.La società aveva registrato un aumento del fatturato dell’11% nei risultati del quarto trimestre 2019, ma la pandemia COVID-19 ha impedito un’ulteriore crescita durante il primo semestre 2020.

La performance dei ricavi di Voxeljet è paragonabile a quella di altri produttori di sistemi come 3D Systems , Stratasys ed ExOne , ciascuno dei quali ha annunciato un calo dei ricavi nei propri bilanci del secondo trimestre.

Nei giorni successivi alla pubblicazione dei risultati del secondo trimestre 2020, le azioni della società sono diventate sempre più volatili, aumentando fino al 365%, prima di diminuire del 7%. Da allora la società ha annunciato che sarà quotata alla borsa NASDAQ anziché al NYSE dal 31 agosto 2020.

In una chiamata sugli utili con analisti e investitori, il dottor Ingo Ederer, CEO di voxeljet, ha affermato che la pandemia in corso ha posto fine al promettente inizio della società per il secondo trimestre del 2020. “All’inizio di quest’anno, abbiamo ricevuto uno dei nostri più grandi ordini di servizi individuali per parti stampate in 3D da un fornitore a uno dei principali produttori di auto elettriche statunitensi. Poi è arrivato COVID-19 e ne abbiamo davvero sentito l’impatto da febbraio ad oggi. “

“Quando guardiamo al futuro, siamo incoraggiati da un trend positivo delle vendite nelle ultime settimane e siamo ottimisti sul fatto che questo trend continui durante la seconda metà del 2020 e oltre”, ha aggiunto Ederer.

Voxeljet sfrutta le sue stampanti 3D di sinterizzazione ad alta velocità (HSS) e binder jet per fornire un servizio di produzione su richiesta in Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Cina e India. I ricavi ottenuti dalla società dai suoi servizi sono riportati in due segmenti: Sistemi e Servizi.

Il segmento Sistemi dell’azienda comprende i ricavi ottenuti dalle vendite di sistemi, nonché dalla vendita di pezzi di ricambio, aggiornamenti, contratti di manutenzione e altre attività di vendita. Nel secondo trimestre del 2020, voxeljet ha generato 1,8 milioni di euro dalla sua attività Sistemi, una diminuzione del 12% rispetto ai 2,1 milioni di euro registrati nel secondo trimestre 2019.

I ricavi ottenuti dalle vendite di stampanti 3D dell’azienda sono stati sostanzialmente invariati, poiché ha installato due sistemi sia nel secondo trimestre del 2019 che nel 2020. Poiché i clienti di voxeljet hanno ridotto le loro spese per far fronte alla pandemia COVID-19, l’azienda ha ricevuto meno domanda per i suoi materiali di consumo e pezzi di ricambio . Le restrizioni di viaggio introdotte dalla pandemia in corso hanno anche impedito agli ingegneri di voxeljet di effettuare tante visite di assistenza e manutenzione come nel secondo trimestre del 2019.

Entrate (€)
Segmento Q2 2019 Q2 2020 Varianza (%)
sistemi 2.1m 1,8 m -12
Servizi 2.9 m 2m -30
Totale 3.9m 5m -22,5
Il segmento Servizi di Voxeljet si concentra sui ricavi generati dalla stampa di parti su richiesta per i propri clienti. Durante il secondo trimestre del 2020, voxeljet ha registrato un fatturato da servizi di 2 milioni di euro, una riduzione del 30% rispetto ai 2,9 milioni di euro generati nel secondo trimestre del 2019. Secondo la società, le sue filiali americane e tedesche hanno subito un forte calo della domanda dei clienti a seguito dello scoppio di COVID -19.

Inoltre, voxeljet ha chiuso il suo centro servizi con sede nel Regno Unito come parte di una più ampia ristrutturazione nel quarto trimestre del 2019, eliminando una delle sue potenziali fonti di reddito. Al contrario, nonostante le restrizioni pandemiche applicate in Cina durante il primo semestre del 2020, la filiale cinese dell’azienda ha registrato una crescita dei ricavi durante il secondo trimestre del 2020. Il minore aumento dei ricavi indica potenzialmente che l’impatto del COVID-19 sulle imprese si sta attenuando in alcune aree del mondo.

Durante la call sugli utili, Ederer si è concentrato principalmente sulle opportunità di crescita dei ricavi presentate dalle nuove applicazioni della stampante 3D VJET X dell’azienda . Voxeljet sta già implementando una linea di produzione completamente automatizzata per una casa automobilistica tedesca e la società prevede che la domanda più ampia per le sue macchine si riprenderà nella seconda metà del 2020.

“Alcuni nuovi componenti automobilistici sono troppo complessi e non è possibile realizzarli con la fusione convenzionale”, ha spiegato Ederer. “Con VJET X, è qualcosa di completamente diverso. Poiché VJET è molto veloce e tutti i processi sono completamente automatizzati, è possibile stampare diverse centinaia di migliaia di parti all’anno con una sola cella di produzione “.

“Andando avanti, prevediamo di beneficiare della crescente domanda di soluzioni nella produzione di serie additiva. Ci aspettiamo di commercializzare celle di produzione 3D con più stampanti 3D ciascuna e di vendere contratti di grandi volumi per parti stampate in 3D “, ha aggiunto Ederer.

Voxeljet sta lanciando il suo programma “Essentials2020 +” nel terzo trimestre del 2020, un progetto che mira a ridurre le spese dell’azienda, ma influisce anche sull’evoluzione delle sue stampanti 3D. Concentrandosi sulle vendite e sullo sviluppo dei suoi sistemi VJET X e VX1000 HSS, l’azienda mira a risparmiare 3 milioni di euro entro il primo trimestre del 2021. La prossima stampante 3D VX1000 è prevista per il rilascio nel primo semestre del 2021, con beta test che inizieranno nel terzo trimestre 2020.

Nonostante la concorrenza che deve affrontare il nuovo sistema VX1000 di voxeljet da parte delle macchine SLS e FDM rivali, Ederer ha espresso fiducia che il sistema HSS dell’azienda avrebbe avuto successo. “HSS è un processo unico. Si vede un tipo di processo simile con HP, ma si concentrano su un mercato diverso, più un mercato orientato al consumatore con macchine aziendali e macchine a basso costo “, ha affermato Ederer.

“Siamo più sul lato professionale. Ovviamente potresti vedere le macchine SLS o le macchine di sinterizzazione laser come concorrenza, ma non forniscono le dimensioni e la velocità della nostra soluzione HSS “, ha aggiunto.

Le prospettive di Voxeljet per la seconda metà del 2020

La società ha ricevuto un notevole sostegno finanziario durante il secondo trimestre del 2020, di cui aveva bisogno per migliorare il suo flusso di cassa a causa del calo della domanda dei clienti a causa della pandemia COVID-19. Voxeljet ha guadagnato 5 milioni di euro di finanziamenti come parte di un contratto di debito di rischio con la Banca europea per gli investimenti nel giugno 2020. Al fine di compensare le sue perdite all’interno delle sue attività negli Stati Uniti, voxeljet ha anche chiesto una sovvenzione di $ 325.000 nell’ambito del programma federale di protezione dello stipendio degli Stati Uniti.

Nel secondo trimestre, l’azienda ha registrato una leggera ripresa della domanda da parte dei clienti con sede negli Stati Uniti e ha già in essere ordini per parti di razzi da una società aerospaziale statunitense. Voxeljet ha anche venduto di recente un’altra macchina VJET X e attualmente sta negoziando un accordo con una società globale di attrezzature sportive statunitense per vendere un sistema HSS.

Con i suoi ordini appena ricevuti e il backlog generato dalla società durante il primo trimestre del 2020, Ederer era convinto che voxeljet sarebbe tornato alla crescita dei ricavi durante il secondo semestre del 2020. “Quando guardiamo al futuro, siamo incoraggiati dal nostro trend di vendita nelle ultime settimane e siamo ottimisti sul fatto che questa tendenza continuerà nella seconda metà del 2020. Stiamo facendo progressi nel nostro progetto “.

Sulla base delle previsioni sui ricavi, voxeljet prevede che i suoi ricavi complessivi per il 2020 saranno compresi tra € 26 milioni e € 30 milioni, con ricavi del terzo trimestre tra € 6 milioni e € 8 milioni. Mentre l’azienda continua a sviluppare i suoi sistemi VX 1000, manterrà la spesa in ricerca e sviluppo da 5,75 milioni a 6,25 milioni di euro.

Be the first to comment on "Voxeljet sarà quotata alla borsa NASDAQ anziché al NYSE dal 31 agosto 2020"

Leave a comment