Volkswagen e HP Metal Jet.

HP METAL JET “UNA REALTÀ” IN QUANTO VOLKSWAGEN EVIDENZIA LA PRODUZIONE DI ADDITIVI PER AUTOVEICOLI AL LANCIO DI ID.3

Volkswagen ha ribadito il suo impegno per la stampa 3D in metallo per il settore automobilistico con un annuncio che insieme a GKN e HP sono stati prodotti 10.000 pezzi in metallo sul sistema HP Metal Jet.

Il sistema di stampa 3D HP Metal Jet è stato utilizzato per produrre modelli in miniatura del nuovo veicolo elettrico ID.3 per scopi di marketing.


L’ID.3 € 30.000 è entrato in produzione in serie il 4 novembre 2019. Il cancelliere federale tedesco Angela Merkel ha assistito al primo lancio di veicoli della catena di montaggio nello stabilimento di Zwickau nella Germania centrale. Una volta pienamente operativo nel 2021, l’impianto da $ 1,33 miliardi produrrà 330.000 veicoli elettrici ogni anno nell’ambito della “offensiva elettrica globale” di Volkswagen. La società afferma che lo stabilimento di Zwickau sarà “il più grande ed efficiente impianto di auto elettriche in Europa”.

Ad oggi, la Volkswagen ha subito multe di 49 miliardi di dollari per lo scandalo delle emissioni del 2015 (noto anche come dieselgate) e spererà che impianti come Zwickau e la sua offensiva elettrica finiranno per espiare tale attività.

Il gruppo VW anticipa le vendite annuali di 22 milioni di veicoli elettrici entro il 2028 e il CEO Herbert Diess afferma che la società sarà “neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050”.

Mentre le parti realizzate sul Metal Jet potrebbero inizialmente non sembrare significative, HP desidera sottolineare che si tratta di un’importante pietra miliare che segna il primo passo di una roadmap strategica trifase.

L’utilizzo della stampa 3D in metallo di HP presso Volkwagen inizierà con la personalizzazione di massa e le parti cosmetiche con piani per “integrare le parti strutturali stampate Metal Jet nella prossima generazione di veicoli il più rapidamente possibile e mirano a un aumento continuo delle dimensioni delle parti e dei requisiti tecnici”. L’obiettivo futuro dichiarato è “parti di dimensioni di un calcio da 50.000 a 100.000 all’anno”. È probabile che questi componenti stampati in 3D includano manopole del cambio e supporti per specchi. La produzione additiva sarà implementata nel settore in crescita dei veicoli elettrici per i vantaggi che conferisce nel alleggerimento e HP prevede in futuro la produzione di “parti metalliche completamente certificate di sicurezza”.

Martin Goede, Responsabile Pianificazione e sviluppo tecnologico, Volkswagen ha dichiarato: “La nostra visione di industrializzare la produzione additiva sta rapidamente diventando realtà con HP Metal Jet, è un punto di svolta per l’industria automobilistica. Il ritmo dell’innovazione di HP e capacità avanzate della tecnologia hanno superato le nostre aspettative. Stiamo raggiungendo le nostre pietre miliari e stiamo identificando e sviluppando attivamente parti funzionali per la produzione. “

Tim Weber, Global Head of Metals, HP 3D Printing and Digital Manufacturing ha dichiarato: “È in corso una trasformazione digitale nel settore automobilistico e la Volkswagen sta aprendo la strada con una visione strategica e un’azione audace. Ci impegniamo a fornire le capacità di cui i nostri clienti hanno bisogno per accelerare la progettazione e la produzione di parti finali di alta qualità con un’economia rivoluzionaria. Insieme a Volkswagen e partner come GKN stiamo sostenendo le fabbriche del futuro. “

HP Metal Jet non sarà disponibile per una base di utenti più ampia fino al 2021, ma il partner di accesso anticipato Volkwagen è soddisfatto di ciò che hanno visto. “Siamo estremamente soddisfatti delle caratteristiche tecniche e della velocità, qualità e basso costo per pezzo fornito da HP Metal Jet. La qualità della superficie e la risoluzione delle caratteristiche hanno permesso una grande attenzione ai dettagli e hanno permesso di aggiungere un tocco speciale a questo importante traguardo aziendale “, ha affermato il dott. Goede.

I primi mormorii relativi all’HP Metal Jet sono iniziati nell’ottobre 2017.

Come abbiamo riferito all’epoca il processo di stampa 3D in metallo si sarebbe basato su polveri di stampaggio a iniezione di metalli (MIM) . Un anno dopo, HP ha confermato che ciò sarebbe avvenuto e che i prezzi di HP Metal Jet sarebbero stati “inferiori a $ 399.000”. Il lungo divario tra l’annuncio del prodotto e la disponibilità generale nel 2021 segue una strategia simile all’introduzione della base polimerica dell’azienda Sistemi Multi Jet Fusion. Gli osservatori hanno notato che tale strategia può essere utile nel congelare il mercato, portando gli acquirenti a rinviare l’acquisto immediato di sistemi di stampa 3D alternativi fino a quando non avranno una migliore comprensione della macchina futura.

Comprensibilmente, tali tattiche hanno generato una certa frustrazione nel settore della stampa 3D. Tuttavia, un modo ottimista per visualizzare la situazione è che il coinvolgimento di HP nella stampa 3D in metallo aumenterà il profilo generale della tecnologia. Ciò può, a sua volta, avvantaggiare le aziende che sono già attive nel settore o lungo il percorso di sviluppo .

Be the first to comment on "Volkswagen e HP Metal Jet."

Leave a comment