VIBA e SLM Solutions e la Honda Monkey Jane

Come VIBA e SLM Solutions hanno reinventato la motocicletta Honda Monkey con la stampa 3D

All’inizio di quest’anno, il produttore di motociclette personalizzate con sede in Francia VIBA ha presentato una rivisitazione contemporanea della classica motocicletta Honda Monkey degli anni ’70. La bici, chiamata “Jane”, trae ispirazione dall’estetica retrò del veicolo originale ma aggiunge tocchi più moderni, tra cui una serie di parti stampate in alluminio 3D.

I componenti stampati in 3D della motocicletta, fabbricati in collaborazione con SLM Solutions e Rolf Lenk , includono un serbatoio del carburante stampato in 3D, una staffa di livello, leve dei cavi cavi, un portapacchi anteriore, un parafango e un supporto per i fari. Come si può immaginare, il processo di progettazione e stampa 3D dei componenti in alluminio per la motocicletta funzionante è stato un viaggio complesso e stimolante, ma che ha dato i suoi frutti.

Il serbatoio del carburante stampato in 3D è un componente particolarmente innovativo, poiché è stato stampato in 3D in un unico pezzo e dimostra i vantaggi di lavorare con la produzione additiva invece di processi più tradizionali. La parte, che pesa solo 3,3 kg, è stata stampata in 3D utilizzando la stampante 3D SLM 800 e integra una struttura interna a nido d’ape che impedisce al carburante di scivolare mentre la moto è in movimento.

Equipaggiato con un motore 125cc e intitolato a Jane Fonda (non Jane Goodall come avevo immaginato!), La moto Jane della VIBA è stata rilasciata all’inizio del 2019 come serie limitata: solo 23 modelli sono stati inviati alla produzione.


Prima che Jane fosse una motocicletta da guidare, era semplicemente un’idea nel cervello del fondatore della VIBA Yann Bakonyi, che voleva mostrare l’artigianato e il design del 21 ° secolo mentre si lanciava in un’era popolare delle motociclette.

“La produzione additiva ha semplificato il nostro lavoro di progettazione per la fase di prototipazione risparmiando tempo e dandoci la possibilità di testare diverse iterazioni su larga scala delle stesse parti”, ci dice. “Ma lo ha anche reso più complesso, in un senso più interessante. La produzione additiva offre un nuovo linguaggio formale e un’opportunità per integrare più elementi in uno. Pertanto, come designer, dobbiamo rivedere il nostro modo di pensare alla progettazione di una parte incorporando questa nuova tecnologia e lavorando ancora più a stretto contatto con gli ingegneri. “

VIBA ha iniziato a integrare la produzione additiva in modo concreto nel 2014. Innanzitutto utilizzando una stampante 3D Ultimaker per produrre prototipi molto rapidamente ea basso costo al fine di convalidare forme e volumi. Nel 2015, VIBA ha iniziato a lavorare con CETIM (Centro tecnico per le industrie meccaniche) utilizzando un SLM 280.

Hanno prima testato diverse parti per comprenderne il funzionamento e le possibilità e poi, nel 2016, hanno prodotto le loro prime parti funzionali con questa tecnologia. “Non ci limitiamo a queste due tecnologie e utilizziamo anche la tecnologia MJF abbastanza frequentemente”, afferma Bakonyi, aggiungendo che “l’uso della produzione additiva sta crescendo nel settore delle motociclette personalizzate, come avviene tra i piccoli produttori. Permette la costruzione di singoli pezzi complessi o serie molto piccole. Questa tecnologia ha aggiunto valore con un effetto wahoo . “

Per il progetto Jane, VIBA ha lavorato a stretto contatto con SLM Solutions, che ha contribuito a sviluppare i componenti stampati della moto. VIBA ha spiegato che volevano creare una struttura che era già utilizzata nelle gare motociclistiche aggiungendo schiuma nel serbatoio per ridurre il movimento del carburante. L’esperienza di SLM Solutions e Rolf Lenk nella generazione del reticolo è stata la chiave per ottenere il risultato desiderato.

Be the first to comment on "VIBA e SLM Solutions e la Honda Monkey Jane"

Leave a comment