Velo 3d il segreto è svelato Intervista a Stefan Zschiegner ad della start up più misteriosa della Silicon Valley

Velo3D rivela le funzionalità della sua tecnologia di stampa 3D in metallo Intervista a Stefan Zschiegner

Velo3D ha raccolto  22 milioni di dollari nel 2015 e ha lavorato in segreto per rivoluzionare la stampa 3D in metallo. Negli ultimi anni l’azienda è stata silenziosa come un topo riguardo al suo processo e alle sue intenzioni. Un sacco di speculazioni abbondavano su ciò che Velo3D poteva scatenare sul mondo. Oggi apprendiamo che l’azienda ha sviluppato un processo di stampa su metallo con maggiore libertà di progettazione in metallo. L’azienda afferma che i suoi sistemi possono stampare geometrie complesse al di sotto dei 45 gradi. Ciò renderebbe possibili più parti stampate in 3D con la loro tecnologia. La società ha inoltre sviluppato un proprio software per accompagnare il processo. E invece di raccogliere solo  22 milioni di dollari si scopre che hanno raccolto oltre  90 milioni di dollari in finanziamenti.   Ecco l’intervista a Stefan Zschiegner, Chief Product Officer presso Velo3D, circa l’avvio segreto che ora esce dalla modalità stealth. Dalle loro risposte, dal loro lavoro pubblicato e dai nostri brevetti, possiamo concludere che questo è un start up molto capitalizzato con un sacco di potenza  che sembra essere riuscita a controllare molte variabili importanti nella stampa 3D in metallo.

Perché tutto il segreto?

Il modello per la Silicon Valley è stato in genere quello di annunciare e pubblicizzare i prodotti molto prima che siano disponibili in commercio. Per una soluzione come quella che stiamo introducendo sul mercato e che mira a distruggere l’industria manifatturiera globale da 500 miliardi di dollari, abbiamo ritenuto necessario attendere che avessimo messo a disposizione un prodotto accuratamente testato  per la vendita prima di annunciarci al mondo.
Cosa c’è di speciale in Velo3D?

Abbiamo avviato Velo3D con una visione audace per consentire la produzione additiva senza vincoli di progettazione. Stiamo risolvendo i problemi con intuizioni profonde e arrivando alla causa principale. Basandoci su questo, costruiamo una soluzione partendo da zero per la produzione ad alto volume composta dal nostro software Sapphire System e Velo3D Flow. Intelligent Fusion è la tecnologia che alimenta la combinazione di Flow e Sapphire e consente un flusso di lavoro integrato end-to-end.

Mentre i sistemi convenzionali spesso richiedono supporti per qualsiasi geometria inferiore a 45 gradi, Sapphire di Velo3D consente in modo univoco agli ingegneri di realizzare progetti con sporgenze inferiori a 5 ° e grandi diametri interni senza supporti. Alcuni dei nostri principali vantaggi includono

1 st  tassi di successo di stampa del 90%

Riduzione dei costi delle parti del 30-70%

È una tecnologia di produzione?

Sì, Velo3D è un’azienda di soluzioni per la produzione di additivi metallici. I nostri clienti sono uffici di assistenza che offrono servizi di stampa 3D in metallo agli utenti finali, nonché importanti OEM per l’uso interno.
Che tipo di parti possono essere realizzate con la tua tecnologia?

Abbiamo rimosso i vincoli di progettazione abilitando sporgenze inferiori a 5 gradi e ampie aperture interne fino a 40 mm. Le applicazioni chiave includono giranti avvolgenti, scambiatori di calore, alloggiamenti per pompe e altri componenti di turbomacchine che sono fondamentali per applicazioni aerospaziali, energetiche e industriali. Inoltre, abilitiamo strumenti medici e impianti, come le coppe ortopediche per le anche.
Lei afferma che possono essere fatte più geometrie? Come?

La capacità di progettare e stampare geometrie complesse è abilitata dalla nostra tecnologia Intelligent Fusion. Intelligent Fusion è una tecnologia proprietaria Velo3D inventata per liberare il tradizionale approccio di fusione laser a letto in polvere dai vincoli di progettazione attraverso la simulazione del processo, la previsione e il controllo a ciclo chiuso.

Site riusciti a correggere le dimensioni del pool di fusione per migliorare il controllo della microstruttura?

Sì. Il controllo della microstruttura è solo uno dei vantaggi di Velo3D. Ci consente di costruire progetti precedentemente impossibili e di migliorare la coerenza part-to-part.
Che tipo di affidabilità e ripetibilità ottieni?

Stiamo incontrando e superando i test di affidabilità e ripetibilità dei nostri clienti. Attualmente stiamo testando con laboratori esterni e pianifichiamo di pubblicare presto i risultati.
Una girante avvolta stampata sul Velo3D, nota i supporti sul fondo.
 Quanto sono densi i pezzi?

Le parti soddisfano e superano i requisiti di densità di produzione del metallo di oltre il 99,9%.
Che tipo di Ra stai scendendo dalla macchina?

Le proprietà della superficie dipendono dalla geometria e l’applicazione del cliente è definita. Stiamo dimostrando di seguito <3 SA.
Entrambe le ventole.
Che post-elaborazione in genere deve essere fatta?

La soluzione Velo3D riduce al minimo la necessità di supporti che riducono il volume di supporto tipico 3-5 volte. Evita i supporti interni che ne impediscono la producibilità o provoca post-elaborazione laboriosa con approcci convenzionali.
Chi sono i vostri clienti target?

Service Bureau e OEM con esperienza nella produzione additiva.
Un anello statore e una girante
Quali sono le vostre applicazioni di destinazione?

Applicazioni aerospaziali, energetiche e industriali, nonché applicazioni mediche (es. Impianti ortopedici). Le applicazioni includono parti del motore come giranti, scambiatori di calore e altre parti critiche di turbomacchine, nonché semplificazioni di assemblaggio ma anche pezzi di ricambio e attrezzi per la colonna vertebrale, e strumenti più grandi come le coppe dell’anca.
Velo3D è venuto fuori dal nulla per sembrare abbastanza il contendente. Se le loro stime e le loro dichiarazioni sulla performance si verificano nel mondo reale, questa è davvero una tecnologia molto interessante. La simulazione è molto difficile da eseguire nella stampa 3D in metallo ed è un elemento chiave per ottenere le stampe corrette. Scoprire $ 5000 e tre giorni dopo che le tue parti non funzionano in qualche modo mantiene la tecnologia indietro. Questo apre nuove applicazioni per la stampa 3D. Soprattutto se possono avere una percentuale di successo del 90% sulle parti stampate per la prima volta. A volte in Powder Bed Fusion devi trovare diverse strategie di supporto e stampare una parte quattro o cinque volte per farlo bene se si tratta di una nuova geometria. Powder Bed Fusion nei metalli è ottimo per creare un milione di coppe all’anca diverse, ma se avessimo una forma radicalmente diversa nella stampante per la prima volta, molto probabilmente fallirebbe. Molte applicazioni vengono trattenute a causa di ciò. Pensa a “disegnare i tuoi gioielli” come idea di avvio, ad esempio. Ridurre i supporti renderà anche questo molto più economico in termini di costi totali delle parti e potrebbe anche far risparmiare tempo. I supporti vengono comunque rimossi manualmente su quasi tutte le stampe 3D di Metal Powder Bed Fusion. Puoi vedere come sono le partispacchettato sul Velo3D qui . Sembra che alcune operazioni di post-elaborazione possano essere eseguite sulla macchina, ma la quantità di lavoro effettiva risparmiata non è chiara. La rimozione manuale dei supporti aggiunge un costo considerevole alla parte finale, quindi qualsiasi guadagno qui sarebbe molto vantaggioso. L’aumento dello spazio di progettazione potrebbe aprire nuove applicazioni, soprattutto nei nuovi clienti che finora non sono stati in grado di realizzare le loro parti con la stampa 3D in metallo.

La stampa 3D è un gioco di test e di dati molto importante se si vuole intraprendere la produzione. Avrai bisogno di centinaia di chili di polvere per assicurarti che funzioni bene per esempio su un tipo di macchina. Ci sono anche molte geometrie che possono avere effetti significativi su come e se la parte costruisce. Le sollecitazioni termiche possono anche causare la frammentazione delle parti. Sviluppando un software di simulazione, il 100 team Velo3D si è veramente concentrato sull’ottimizzazione della ripetibilità riducendo i costi di test e aumentando il set di dati. Questa è una mossa intelligente e porterà dividendi a loro e ai loro clienti. La società ha una serie di brevetti tra cui un abile stampatore 3D , un accurato sistema di stampa 3D e  un esperto in stampa 3D. Anche la prima volta che ho visto nomi di brevetti carini. Passando da questi brevetti, l’azienda ha sviluppato una tecnologia di monitoraggio del pool di fusione in tempo reale che funziona in concerto con il dosaggio del materiale e il controllo laser e costruisce un circuito chiuso usando, probabilmente, un raggio plasma. La società sembra anche essere in grado di correggere al volo con il raffreddamento per ridurre la deformazione e può utilizzare un FPGA o simile per farlo. Quindi, a seconda degli errori, sembra essere in grado di ridurre l’intensità del laser o di raffreddare attivamente una parte. Dato il lavoro precedente dei team e gli articoli pubblicati, potrebbero essere utilizzati anche MOSFET o transistor ad effetto di campo.

Dato anche che i campi di velocity giocano un ruolo importante nella stampa 3D in metallo e il nome dell’azienda è Velo 3D, qui sto supponendo che probabilmente stiano riuscendo a controllare i campi di velocità in qualche modo che permetterebbero loro di avere più presa sulla parte finale e come è costruita. Se poi sono in grado di monitorare la dimensione e la forma del pool di fusione in tempo reale usando l’FPGA e quindi influenzare la velocità di raffreddamento delle aree della parte pur essendo in grado di regolare il raggio plasma anche al volo, allora potrebbero avere solo vieni vicino a rompere questa cosa di stampa di metalli. Hanno certamente la forza di volontà per farlo, hanno assunto persone molto brillanti che nel corso degli anni hanno scritto alcuni documenti molto interessanti sul monitoraggio, la modellazione e il controllo in tempo reale della stampa 3D in metallo. Durante la mia ricerca per questo,

I brevetti sembrano anche rivelare che le parti possono essere lucidate e post-elaborate in parte da laser sulla macchina di costruzione, forse in concerto con la costruzione della parte. Un altro brevettosembra puntare al raffreddamento attivo o alla produzione di più strati contemporaneamente usando una fase di preriscaldamento o processo. Non vedo l’ora di scoprire come funziona davvero. Tutto sommato la value proposition sembra solida e stanno certamente segnando gli obiettivi giusti. Hanno anche molta aria che possono usare per appianare i nodi della catena. Mi piace il fatto che l’azienda sembri terra terra e non sia tutto “startuppy” su tutto. Ma le prime impressioni sono le prime impressioni e lavoriamo in un settore in cui un sacco di macchine e sogni hanno preso fuoco. Dovremo aspettare per scoprire quale sia la prestazione testata o sperimentata dal cliente, mi costerà alcune birre in una fiera ma scoprirò per voi ragazzi.

Be the first to comment on "Velo 3d il segreto è svelato Intervista a Stefan Zschiegner ad della start up più misteriosa della Silicon Valley"

Leave a comment