Validità della stampa 3D nella pre-pianificazione delle procedure per il carcinoma polmonare in fase iniziale

Cina: determinazione della validità della stampa 3D nella pre-pianificazione delle procedure per il carcinoma polmonare in fase iniziale

Ricercatori cinesi stanno esplorando la fattibilità della stampa 3D per la pre-pianificazione di interventi chirurgici complessi, descrivendo in dettaglio i risultati del loro studio, coinvolgendo i dati di 124 pazienti, nella stampa tridimensionale recentemente pubblicata nella pianificazione preoperatoria della segmentectomia polmonare toracoscopica . ‘

L’obiettivo generale dello studio era di confrontare la stampa 3D in terapia preoperatoria con la tomografia computerizzata tridimensionale (3D-CT) nella segmentectomia polmonare toracoscopica. Queste procedure hanno lo scopo di trattare il carcinoma polmonare in fase iniziale e si prevede che saranno utilizzate ancora di più in futuro per sradicare il carcinoma polmonare catturato nelle fasi iniziali.

Il segmento polmonare è molto più complesso del lobo polmonare, lasciando i chirurghi a cercare tecniche migliori per vedere l’anatomia coinvolta e guidare la chirurgia. La lobectomia è ancora il metodo di scelta tradizionale, tuttavia, e l’utilizzo della segmentectomia polmonare come trattamento è considerato controverso da alcuni. Tale procedura richiede anche una maggiore competenza in sala operatoria, nonché una maggiore esperienza nella navigazione chirurgica del segmento polmonare. Senza distinguere in modo completo la struttura del segmento polmonare prima di operare, gli autori affermano che è probabile che si verifichino lesioni.

“La tomografia computerizzata tridimensionale (3D-CT) può ben ricostruire le immagini 3D di vasi, bronchi e tumore del lobo polmonare malato del paziente e ora è ampiamente usata per fare un piano preoperatorio”, affermano i ricercatori. “Tuttavia, 3D-CT mostra ancora immagini 3D su schermi 2D, che ha ancora grandi limiti nella visualizzazione dell’anatomia dei vasi polmonari e dei bronchi.”

I pazienti sono stati divisi in tre gruppi per lo studio: Generale, 3D-CT e stampa 3D. La ricostruzione preoperatoria delle immagini 3D è stata eseguita per visualizzare e ricostruire immagini 3D dei noduli, dei bronchi e dei vasi polmonari. I modelli sono stati quindi stampati su una stampante 3D Lite600HD.

Foto dalla segmentectomia toracoscopica LS6. (A) Ricostruzione dell’immagine 3D-CT per la segmentectomia LS6; (B) arteria polmonare di LS6; (C) bronco di LS6; (D) vena polmonare di LS6.

Con il progredire dell’intervento, i pazienti hanno ricevuto l’anestesia generale. Durante la procedura sono state eseguite da due a tre incisioni, con le porte della fotocamera installate. Sul punto con l’immagine 3D-CT o il modello di stampa 3D, gli autori hanno notato che “le arterie e le vene del segmento target sono state trovate con attenzione durante l’operazione”.

Foto dalla segmentectomia toracoscopica RS9. (A) modello stampato in 3D di vasi e bronchi del lobo destro; (B) modello stampato in 3D di arterie, vene e bronchi del lobo inferiore destro; (C) arterie polmonari di RS9; (D) arterie polmonari di RS9; (E) vena polmonare di RS9; (F) bronco di RS9. RPA, arteria polmonare destra; RPB, bronco polmonare destro; RPV, vena polmonare destra.

I punti salienti dello studio hanno mostrato quanto segue:

La perdita di sangue intraoperatoria nel gruppo 3D-CT e nel gruppo di stampa 3D è diminuita significativamente
Il tempo di operazione nel gruppo 3D-CT e nel gruppo di stampa 3D è stato significativamente più breve rispetto al gruppo generale
Le differenze nei tempi operativi per il gruppo generale erano significativamente più lunghe

*, gruppo generale e gruppo 3D-CT; #, gruppo generale e gruppo di stampa 3D; **, gruppo 3D-CT e gruppo di stampa 3D.

Un paziente (dal gruppo 3D-CT) ha subito una lesione intraoperatoria, che richiede la toracotomia; tuttavia, i ricercatori sottolineano che non è stata necessaria alcuna conversione nel gruppo di stampa 3D .

“L’incidenza dell’emottisi postoperatoria nel gruppo generale si è verificata più elevata rispetto al gruppo 3D-CT e al gruppo di stampa 3D, ma le differenze non erano statisticamente significative (P> 0,05), ritenevamo che le vene intersegmentali fossero confermate prima dell’intervento tramite 3D-CT immagini e modelli di stampa 3D e protezione intraoperatoria sono stati pagati per evitare lesioni e quindi l’incidenza dell’emottisi postoperatoria è stata ridotta.

“In conclusione, questo studio mostra che la stampa 3D-CT e 3D per la realizzazione di un piano preoperatorio hanno un effetto equivalente nella segmentectomia polmonare toracoscopica per chirurghi esperti. Le simulazioni preoperatorie che utilizzano la stampa 3D per la valutazione dei vasi polmonari e dei modelli di ramificazione dei bronchi sono utili per le prestazioni sicure ed efficienti della segmentectomia polmonare toracoscopica. Sebbene la creazione di un modello stampato in 3D richieda più tempo e costi di più, la stampa 3D è uno strumento particolarmente utile per la chirurgia toracica “, hanno concluso i ricercatori.

Be the first to comment on "Validità della stampa 3D nella pre-pianificazione delle procedure per il carcinoma polmonare in fase iniziale"

Leave a comment