UTS di Sydney e Mineral Technologies Global Manager

UTS RAGGIUNGE UN TRAGUARDO DI UN ANNO IN ALLEANZA PER RIVOLUZIONARE IL MINING CON LA STAMPA 3D

L’ Università della Tecnologia di Sydney (UTS) ha fornito un aggiornamento sulla sua collaborazione in R&S con Mineral Technologies , la filiale mineraria della società australiana di servizi integrati Downer Group e l’ Innovative Manufacturing CRC (IMCRC). Il progetto, che mira a creare una stampante 3D su misura per la produzione di attrezzature per la separazione e l’estrazione dei minerali, che sarà utilizzato da Mineral Technologies, ha raggiunto il suo traguardo di un anno.

Dall’inizio del progetto nel 2018 , Alex de Andrade, professore associato di UTS e Mineral Technologies Global Manager, Vendite, attrezzature e tecnologia, afferma che il team di ricerca ha raggiunto i semafori verdi necessari per la costruzione del prototipo di stampante 3D, “Nel primo anno, abbiamo progettato un piccolo codice di stampante e macchinario e stampato una versione in scala del nostro modello a spirale selezionato. ”

“ORA STIAMO CONFRONTANDO I TEST DI USURA E COSTI E PARALLELAMENTE STIAMO COSTRUENDO LA STAMPANTE PROTOTIPO SU MISURA SU LARGA SCALA”

L’alleanza tra le tre entità si è formata con l’obiettivo di consentire a Mineral Technologies di produrre modelli a spirale di separazione minerale su misura inviati direttamente a una stampante 3D. Queste spirali vengono utilizzate per separare minerali preziosi dal materiale estratto attraverso le operazioni di estrazione, agricoltura e riciclaggio. Stampando in 3D le spirali, Mineral Technologies sarà in grado di produrle in loco, in tempo reale, consentendo all’azienda di ridurre i costi e risparmiare tempo.

Altri potenziali benefici del progetto di ricerca includono un impatto ambientale positivo, poiché l’uso della stampa 3D ridurrà l’uso di sostanze chimiche e ridurrà la contaminazione dell’aria nel processo di produzione. Inoltre, il progetto ha anche portato a un dottorato di ricerca. programma di studio istituito presso UTS e ha vinto un iAwards NSW 2019 per il suo sistema di stampa 3D rotazionale.

Inoltre, il team di ricerca ha anche identificato una strada per un ulteriore ambito di sviluppo per quanto riguarda la connettività Internet delle cose (IoT), che consentirà al progetto di raggiungere i suoi traguardi cardine di Industry 4.0. Il finanziamento sarà abbinato dall’IMCRC, con un brevetto in attesa di approvazione per la tecnologia IoT sviluppata nell’ambito del progetto. David Chuter, CEO e Managing Director di IMCRC, afferma:

“ QUESTO ECCEZIONALE PROGETTO PORTA LA COLLABORAZIONE DI RICERCA GUIDATA DALL’INDUSTRIA A UN LIVELLO SUPERIORE. NEL GIRO DI UN ANNO ABBIAMO VISTO MINERAL TECHNOLOGIES E UTS FORMARE UN TEAM CHE “COLLABORA PER INNOVARE” E REALIZZARE TRAGUARDI. VEDERE UNA VERSIONE STAMPATA IN 3D DEL MODELLO A SPIRALE SELEZIONATO LA METTE IN PROSPETTIVA. “

Accanto al progetto di ricerca con UTS e Mineral Technologies, l’IMCRC ha anche investito $ 994k (USD) nello sviluppo di un servizio automatizzato di riparazione di auto stampate in 3D presso la Swinburne University of Technology .

L’ unità di prototipazione rapida UTS Rapido , fondata nel 2016, sta lavorando al progetto di ricerca con Mineral Technologies e IMCRC. UTS Rapido offre ai partner dell’industria, del governo e della comunità l’opportunità di trasformare le loro idee in prodotti e soluzioni praticabili. Il progetto collaborativo si sta svolgendo nella sua struttura di produzione additiva ProtoSpace.

La struttura di ProtoSpace è stata aperta da UTS a marzo 2019 ed è orientata alla crescita della produzione avanzata in Australia . Fornisce uno “spazio aperto” per le aziende di tutte le dimensioni per utilizzare la tecnologia di stampa 3D ed è dotato di sistemi di stampa 3D avanzati, inclusa la stampante 3D Nano Dimension Dragonfly .

Di recente, la struttura ProtoSpace è stata utilizzata anche per creare uno sgabello personalizzato per le impronte digitali , utilizzando una stampante 3D BigRep ONE situata in laboratorio. Lo sgabello è stato prodotto per dimostrare le capacità della tecnologia di stampa 3D disponibile presso UTS nel suo laboratorio ProtoSpace.

Hervé Harvard, direttore di UTS Rapido e ProtoSpace, commenta l’alleanza con Mineral Technologies e IMCRC: “Il progetto è un’innovazione di livello mondiale nell’area dell’Industria 4.0, in particolare la produzione additiva e il rilevamento dell’IoT, specifici per ciò che il progetto ha raggiunto . Lavorare con un team così innovativo in Mineral Technologies è rinfrescante e dimostra che l’Australia può essere un leader nell’adozione dei principi di Industry 4.0 per un impatto globale. “

Be the first to comment on "UTS di Sydney e Mineral Technologies Global Manager"

Leave a comment