US Air Force  la stampa 3d e l’F-35

L’esercito americano non ha evitato di implementare metodi di produzione moderni come la stampa 3D , ma in realtà ha abbracciato la tecnologia. In effetti, l’ US Air Force ha utilizzato la stampa 3D per più progetti , inclusi componenti per aerei e caccia , come  l’F-35 . Questo è ciò che è noto come combattente di nuova generazione, e il 388 ° gruppo di manutenzione della base Hill Air Force nello Utah ha recentemente iniziato la stampa 3D di parti di ricambio specifiche per l’ F-35 . I funzionari di base sperano che la tecnologia contribuirà a  ridurre i costi e aumentare la disponibilità.

Molti rami dell’esercito si sono rivolti alla stampa 3D per realizzare pezzi di ricambio per gli stessi motivi.

“Siamo sempre alla ricerca di velocità, sicurezza e qualità. Ma il rapporto costo-efficacia è anche una priorità “, ha detto il 388 ° comandante del MG Col. Michael Miles. “Questa nuova tecnologia ha un grande potenziale di riduzione dei costi e offre capacità di riparazione rapida”.

Secondo Tech. Sgt. Scott Mathews, vicedirettore del programma di riparazione e potenziamento dell’Air Force della 388a MG, i primi rendimenti mostrano che quando il suo negozio entra in pezzi danneggiati che possono essere riprodotti con la stampa 3D, possono quindi essere introdotti nella catena di fornitura con maggiore velocità e a costi inferiori.

Tech. Sgt. Mathews ha spiegato: “È molto più economico per l’Air Force che acquistare nuove parti”.
Uno dei primi elementi creati dalla squadra del 388 ° MG era una replica in scala ridotta del jet da combattimento F-35. Ma ora sono passati alla stampa 3D di semplici pezzi di ricambio in plastica, come cavi separatori, dispositivi di fissaggio, anelli di tenuta, scatole di alloggiamento e cablaggi. Tech. Sgt. Mathews ha affermato che molte aree del negozio hanno capito come rendere più semplice la stampa 3D “allontanandosi da un sacco di fantasiosi metalli e entrando nei materiali compositi e nelle materie plastiche”.

 

Tuttavia, la tecnologia è ancora giovane nel negozio di Hill AFB e gli aviatori dell’unità stanno usando tentativi per perfezionare le cose, incluso l’uso di software per creare i propri progetti interni. Ci sono persino segni che potrebbero produrre parti interne più complesse con materiali più resistenti in casa un giorno.

“C’è una stampante (dove) che puoi stampare con l’alluminio. Questo apre un nuovo mondo di opportunità “, ha detto il serg. Matthews. “Quando guardi tutte le diverse parti che possiamo fabbricare … è solo incredibile la mente, le cose che possiamo (fare) sulla base. È solo una follia. ”
I primi due caccia F-35 sono arrivati ​​a Hill AFB nel settembre 2015. Ma, entro la fine del 2019, ci saranno tre squadroni da combattimento interi, composti da un totale di 78 jet, sulla base. La 388th Fighter Wing attiva e la riserva 419 sono entrambe in volo e mantengono i jet, mentre l’Ogden Air Logistics Complex effettua manutenzione su tutti gli F-35. Speriamo che la stampa 3D possa presto essere utilizzata per aiutare con tutta questa manutenzione.

Sergente tecnico Matthews ha detto: “C’è un senso di orgoglio sapendo che hai giocato almeno un ruolo minuscolo nel farli volare”.

Be the first to comment on "US Air Force  la stampa 3d e l’F-35"

Leave a comment