UPM Biofore GrowInk bioink

UPM Biofore, una società finlandese che lavora nel settore forestale alla ricerca di soluzioni sostenibili, si sta facendo strada nel mondo della stampa 3D con lo sviluppo di nuovi materiali per bioprinting attraverso la sua divisione UPM Biomedicals . I materiali, commercializzati con la gamma GrowInk, sono idrogel di origine non animale progettati per supportare la crescita e la differenziazione delle cellule imitando gli ambienti in vivo .

I bioink di GrowInk sono stati introdotti per la prima volta a SLAS2020, dove UPM ha promosso la versatilità dei materiali nella sfera della bioprinting. Secondo la società, i materiali non derivati ​​da animali sono adatti per una vasta gamma di applicazioni, tra cui l’incapsulamento cellulare, la preparazione dell’impalcatura per l’ingegneria dei tessuti, la scoperta di farmaci e la medicina rigenerativa.

Gli innovativi bioink sono costituiti da due ingredienti principali: acqua e cellulosa nanofibrillare. Insieme, gli ingredienti producono una matrice completamente definita che può essere miscelata con le cellule e personalizzata con fattori di crescita o proteine ​​di adesione. Secondo UPM, oltre 150 diversi tipi di cellule sono state coltivate in cellusose nanofibrillare.

I bioink versatili possono essere diluiti per viscosità sintonizzabili, consentendo agli utenti di abbinare il materiale ai requisiti delle celle che stanno utilizzando. Inoltre, gli inchiostri pronti all’uso sono stabili a temperatura ambiente e possono essere utilizzati con o senza un agente reticolante.

UPM sottolinea inoltre che la gamma GrowInk di materiali idrogel è compatibile con un’ampia gamma di stampanti 3D, in particolare i sistemi basati su estrusione. UPM riporta l’uso riuscito dei suoi bioink con il bioplotter 3D di EnvisionTEC, la bioprinter 3D Rastrum di Inventia Life Sciences, la bioprinter NGB-R di Poietis, i sistemi Inkredible + e Bio X di CELLINK, 3D Discovery di RegenHU, Brinter di 3DTech e Rokit Invivo di Rokit.

Oggi la gamma di prodotti GrowInk è composta da tre varietà di bioink: GrowInk-N, un gel opaco composto da cellulosa nanofibrillare; GrowInk-T, un gel trasparente composto da cellulosa nanofibrillare anionica; e GrowInk-ALG, un gel opaco a base di cellulosa e alginato nanofibrillare. Tutti i bioink sono sviluppati esclusivamente per scopi di ricerca, non per applicazioni diagnostiche o terapeutiche.

Mettere GrowInk alla prova
In un recente studio, GrowInk-T di UPM è stato testato sulla bioprinter 3D RASTRUM da Inventia Life Sciences. La bioprinter, che utilizza una tecnica basata su goccioline per depositare cellule e componenti della matrice, ha stampato una combinazione di GrowInk-T e cellule mammarie umane (MCF-7, ATCC HTB-22) per determinare la vitalità dell’inchiostro per supportare la crescita cellulare. Il sistema è stato in grado di stampare una piastra da 96 pozzetti in meno di 10 minuti e, alla fine, i test hanno dimostrato che il bioink UPM era biocompatibile ed era in grado di supportare la vitalità cellulare per le cellule MCF-7.

In un altro test, UPM Biomedicals ha collaborato con Poietis per valutare i materiali GrowInk-N e GrowInk-T con la piattaforma NGB-R . Vari esperimenti hanno dimostrato che entrambi i bioink erano facili da stampare utilizzando i processi di estrusione laser e pneumatica della stampante. GrowInk-N, il più viscoso dei due, ha portato a una stabilità strutturale leggermente migliore, sebbene entrambi fossero stampati riproducibili e con alta precisione.

UPM ha dichiarato dei suoi nuovi materiali bioink: “I GrowInks hanno un alto potenziale per varie applicazioni nei modelli di bioprinting e dei tessuti rispetto ai tradizionali idrogel e scaffold 3D reticolati, poiché i GrowInks sono pronti all’uso e stabili e l’assenza di i componenti derivati ​​aprono nuove possibilità per i bioink per ricapitolare meglio l’ambiente ECM nell’ingegneria dei tessuti “.

Be the first to comment on "UPM Biofore GrowInk bioink"

Leave a comment