Uno studio di Kazunori Minatani ipovedenti che confronta il Braille stampato in 3D con i metodi tradizionali

Lo studio confronta il Braille stampato in 3D con i metodi tradizionali

La stampa 3D si presta bene ad aiutare gli ipovedenti. È stato usato numerose volte per creare mappe tattili , strumenti di apprendimento , arte tattile e altri aiuti. La tecnologia semplifica anche la stampa di braille sugli oggetti. Un nuovo studio dà uno sguardo più da vicino all’uso della stampa 3D per produrre grafica a punti in rilievo allo scopo di aiutare i non vedenti. L’obiettivo dello studio era di migliorare i metodi tradizionali di creazione del Braille, come le macchine per goffratura. Intitolato “Un metodo proposto per la produzione di punti stampati in rilievo con una stampante 3D”, qui è possibile accedere allo studio . L’autore dello studio, Kazunori Minatani, è ipovedente.

“L’autore ha progettato questo studio per raccogliere in particolare la seguente sfida: sviluppare un sistema che converta i dati creati utilizzando il software di disegno grafico a punti in rilievo per un braille embosser in dati che potrebbero essere utilizzati con software CAD 3D”, spiega lo studio. “La conversione consentirebbe la personalizzazione completa delle dimensioni e della forma di ogni punto, liberandoci dalle limitazioni del tipo di punto associate al braille embosser. I risultati sono confermati attraverso misurazioni fisiche e valutazioni di osservazione tattili. ”
Il più grande vantaggio, secondo lo studio, che le stampanti 3D hanno rispetto ai tradizionali goffratori braille è che possono personalizzare liberamente la disposizione e le forme dei punti. Conversione di software di disegno grafico a punti in rilievo su dati CAD consentiti per la completa personalizzazione delle dimensioni e delle forme dei punti; il software progettato da Minatani è stato chiamato Ed12scad. Edel è un software di disegno utilizzato per la progettazione di grafica a punti in rilievo per il goffratore ESA 721, che può perforare tre diverse dimensioni di punti.

Tre punti in rilievo da ESA721 (in alto a sinistra), generato dalla stampante 3D (in basso a sinistra) e dalla mappa dei punti in rilievo valutata (a destra)
“Convertendo i dati in modo che possano essere modificati su OpenSCAD, gli utenti possono prendere i disegni che hanno fatto su Edel e rivederli in formato dati SCAD su OpenSCAD come oggetti solidi”, afferma Minatani. “I punti piccoli, medi e grandi inclusi nei dati di Edel vengono convertiti in emisferi solidi sulla superficie di coni troncati circolari in base alle rispettive dimensioni.”
Utilizzando una stampante 3D, Minatani è stata in grado di produrre punti più grandi di quelli che potrebbero essere prodotti con il goffratore. Ha creato una mappa tattile usando i punti 3D, e ha arruolato l’input di altre persone ipovedenti per valutare i risultati dello studio. Sono state raggiunte le seguenti conclusioni:

I modelli 3D non erano inferiori alla grafica a punti in rilievo prodotta su carta in termini di caratteristiche espressive
La modifica delle tre dimensioni dei punti ha reso più facile distinguerli nel modello 3D rispetto alla grafica dei punti in rilievo in carta. I grandi punti, in particolare, sono stati notevolmente migliorati in termini di palpabilità.
La levigatezza della superficie del modello 3D era inferiore a quella dei punti in rilievo grafica prodotta su carta.
I nomi delle città abbreviati scritti sulla mappa in Braille non erano facili da leggere.

Sebbene i risultati creati utilizzando la stampante 3D non fossero privi di difetti, lo studio ha sottolineato la libertà che la stampa 3D consente in termini di creazione di diverse forme, dimensioni e disposizioni di punti, a differenza dei limiti del tradizionale embosser Braille. L’uso della stampa 3D semplifica anche la creazione di oggetti con caratteri Braille stampati direttamente su di essi. La stampa 3D può essere utilizzata in vari modi creativi per portare “vista” alle persone ipovedenti – attraverso mappe, immagini 3D, persino ultrasuoni 3D. Con la tecnologia di stampa 3D, le persone ipovedenti possono sperimentare il mondo in più modi che mai.

Be the first to comment on "Uno studio di Kazunori Minatani ipovedenti che confronta il Braille stampato in 3D con i metodi tradizionali"

Leave a comment