Uno splitter stampato in 3D consente a più pazienti di coronavirus COVID-19 di accedere a un singolo ventilatore

Uno splitter stampato in 3D consente a più pazienti COVID-19 di accedere a un singolo ventilatore
Il dispositivo è ora in fase di convalida da due strutture sanitarie in Spagna

Un gruppo di aziende e istituzioni guidate dall’alleanza tra i Consorci de la Zona Franca (CZFB) e Leitat ha iniziato ieri la produzione di uno splitter stampato in 3D che consentirà a più pazienti affetti dal Coronavirus sindrome COIVD-19 per accedere a un singolo respiratore.

L’idea non è del tutto nuova e diverse entità ci hanno lavorato . Tuttavia, il rapido deterioramento della situazione in Spagna rende particolarmente urgente la convalida e la consegna di queste parti. La carenza di apparecchiature di ventilazione assistita negli ospedali e in terapia intensiva ha generato la necessità di sviluppare una parte stampata che consentirebbe l’uso di una singola macchina di ventilazione assistita per due – ma può raggiungere fino a tre o addirittura quattro pazienti, con lo stesso requisiti di ventilazione . Contemporaneamente. Il design è stato sviluppato dal team Leitat R + D per la stampa 3D su poliammide 12 (PA12) con tecnologia HP Multi Jet Fusion (MJF), la cui capacità industriale consente di produrre 17 pezzi per ogni stampa.

La produzione di questi pezzi è iniziata ieri pomeriggio ed è condotta da un gruppo di aziende che hanno offerto volontariamente le loro strutture e capacità produttiva: 3DSix, Avinent-Corus, Barel, Eurecat, Fundació CIM-UPC, Hipra, HP, Ineo, Pantur e Prometal3D.

Allo stesso tempo, le unità di terapia intensiva dell’Ospedale de la Vall d´Hebron e i Consorci Sanitari de Terrassa fanno parte del gruppo di lavoro per la loro efficace convalida, protocollo e attuazione. Questa strategia volta a massimizzare le prestazioni dei respiratori installati può essere decisa e implementata solo da specialisti che garantiscono il corretto funzionamento dell’apparecchiatura e il suo utilizzo è stato accettato in questi momenti critici a causa dell’elevato numero di pazienti che necessitano di ventilazione di emergenza.

La produzione di questi dispositivi è stata data la priorità a causa della loro rapida implementazione ed effetto sul paziente. Domani [oggi] sarà disponibile la prima produzione di 200 dispositivi e l’obiettivo è raggiungere le 1.000 unità la settimana prossima e quindi fornire assistenza ai diversi centri sanitari in tutto il paese, continuando allo stesso tempo a realizzare il primo respiratore da campo progetto , presentato da Leitat proprio ieri-

La CZFB ha creato un’e-mail specifica, projects@dfactorybcn.org, per ricevere tutte le proposte e i progetti progettati per aiutare a frenare l’enorme diffusione del coronavirus e / o aiutare a proteggere la salute di tutti i cittadini e in particolare i professionisti della salute.

Be the first to comment on "Uno splitter stampato in 3D consente a più pazienti di coronavirus COVID-19 di accedere a un singolo ventilatore"

Leave a comment