Uno sguardo al TCT Show 2019

STAMPA 3D POLIMERICA AL TCT SHOW 2019

L’industria della stampa 3D è arrivata a Birmingham, nel Regno Unito, ancora una volta per l’ultima edizione del TCT Show .

L’evento dalla progettazione alla produzione presso il NEC ospita un’abbondanza di attrezzature per la stampa 3D, inclusi nuovi numerosi nuovi sistemi. Come partecipante di ritorno, il panorama è notevolmente diverso dai macchinari desktop 3D compatibili con la stampante al TCT Show 2018.

Tra i vari lanci di prodotti, previsti per un totale di 35 entro la fine dello spettacolo, i sistemi FFF / FDM continuano a bramare gli ambienti “industriali”. Parlando con Ultimaker , Intamsys e Zortrax , l’industria della stampa 3D ha acquisito informazioni sulle mutevoli esigenze del mercato.

A partire dal primo giorno di TCT debuttando Ultimaker S3 e Ultimaker S5 Pro Bundle , Ultimaker ha ulteriormente riconosciuto le capacità di produzione dei suoi sistemi FFF / FDM. Il bundle S5, in particolare, che comprende un Air Manager per la filtrazione e il controllo della costruzione e una Material Station per la conservazione e l’alimentazione dei filamenti, è destinato ad applicazioni di produzione a basso volume.

Parlando con il CMO dell’azienda, Nuno Campos , vengono sottolineate le esigenze mutevoli di coloro che utilizzano la stampa 3D. “ Abbiamo richieste da clienti come Heineken che desiderano avere una produzione continua, una macchina in cui gli utenti non devono interagire tanto. Il lancio di questi prodotti è un risultato. “

“Ciò che vediamo sono le nostre macchine utilizzate da aziende reali, siano esse per utensili o pezzi di ricambio, da cui il recente marchio . Avevamo clienti che dicevano “che cos’è questo lato, non va bene?” quando ci riferiamo al logo del robot, abbiamo deciso di diventare più professionali e meno giocosi. “

“Anche se si tratta di un cambiamento evidente, è una crescita naturale che non lascerà indietro i produttori ma migliorerà anche le loro opzioni di stampa 3D. Non è l’uno o l’altro ”, ha aggiunto Campos.

Al debutto anche la stampante 3D industriale FUNMAT PRO 410 , che è stata esposta con il FUNMAT HT avanzato recentemente rilasciato da Intamasys. Costruiti pensando a materiali ad alta temperatura, questi sistemi sono rivolti a utenti che sanno quali funzioni necessitano da una parte stampata in 3D, secondo Charles Han, CEO di Intamsys.

Han continua: “Stiamo acquisendo clienti con esperienza nella stampa 3D, e con ciò arriva l’aumento della domanda dei nostri sistemi per le applicazioni industriali. Esistono richieste di stampe più grandi e di migliore qualità in grado di adempiere a un compito, che è quello che la 410 affronta. Naturalmente, gli utenti di livello internazionale possono ancora creare modelli con HT, ma per coloro che desiderano una produzione uniforme per strumenti robusti e simili, la 410 è l’opzione. ”

A sottolineare ulteriormente la tendenza è Zortrax e il suo primo sistema FFF / FDM industriale, l’ Endureal . A differenza della serie M300 dell’azienda che promuove “modelli di grande formato realizzati con una stampante 3D di dimensioni desktop”, questa nuova macchina affronta anche materiali impegnativi come PEEK per applicazioni automobilistiche, aerospaziali e mediche.

Anna W ójcik, Senior Key Account Manager di Zortrax, ha dichiarato al settore della stampa 3D: “L’Endureal, come puoi vedere, è adatto alla produzione. Ne aggiungeremo presto altri, ma volevamo soddisfare i nostri clienti che avevano chiesto le capacità di stampare materiali come PEEK. “

“Negli ultimi anni, le persone sono diventate più istruite e più sicure con le stampanti FDM o LPD nella nostra tecnologia. Credo che ciò abbia causato la popolarità di sistemi più grandi e più industriali perché vedono cosa può fare la produzione additiva e vogliono esplorarne di più in un ambiente professionale. ”

Tuttavia, Zortrax rimane impegnata nelle stampanti 3D LCD UV, che continuano ad avere un significato nei settori medico e dentale. W ójcik continua: “Il mercato determina davvero la direzione dell’hardware. Le nostre stampanti 3D LCD sono molto richieste da dentisti e produttori di gioielli perché hanno bisogno di dettagli più precisi in ciò che realizzano.

“Da quello che posso vedere, le principali differenze all’interno del settore sono che le persone sanno di cosa hanno bisogno dalla produzione additiva e che dobbiamo adattarci per soddisfare tali esigenze”.

Be the first to comment on "Uno sguardo al TCT Show 2019"

Leave a comment