UNO Researchers cerca partecipanti per testare le braccia protesiche stampate in 3D



È necessario eseguire studi su dispositivi medici, stampati in 3D o altro, per assicurarsi che funzionino come dovrebbero essere. Alcuni esempi di cui abbiamo sentito parlare includono: un ricercatore della Virginia Tech ha usato i sensori per compilare i dati sulle prestazioni della protesi della banda amniotica stampata in 3D, i ricercatori della TU Delft hanno valutato il livello di funzionalità per una protesi della mano stampata in 3D e un team del L’Università del Nebraska a Omaha (UNO) ha studiato come una protesi a dito parziale stampata in 3D ha cambiato la qualità della vita del paziente. Ora, i ricercatori UNO hanno ricevuto finanziamenti per studiare come il cervello si adatta all’uso degli arti protesici stampati in 3D e stanno cercando volontari di ricerca.

Il team ha ricevuto una sovvenzione per un progetto di ricerca (R01) dal National Institutes of Health ( NIH ), che finanzierà la sua indagine sui cambiamenti nell’attività neurale dei bambini che hanno regolarmente utilizzato un braccio protesico stampato in 3D. I ricercatori hanno bisogno di 40 bambini, di età compresa tra 3 e 17 anni, con differenze agli arti superiori causati dalla sindrome della banda amniotica o altre differenze congenite, per partecipare allo studio, e e-NABLE li sta aiutando a spargere la voce.

Jorge Zuniga, PhD, professore associato di biomeccanica dell’ONU, ha dichiarato: “In sostanza, ciò che faremo con questo studio di ricerca è cercare di esaminare il loro cervello e vedere come il cervello dei bambini piccoli si adatta all’utilizzo della nostra protesi.”

Zuniga , che ha progettato la mano protesica di Cyborg Beast per e-NABLE, e Brian Knarr, PhD, un altro professore associato di biomeccanica presso l’UNO, sono i principali investigatori di questo studio, che si basa sulla precedente ricerca di Zuniga per progettare e produrre più conveniente Bracci protesici stampabili in 3D per bambini.

Gli arti protesici più tipici generalmente costano tra $ 4.000- $ 20.000, ma la protesi di un bambino può essere stampata in 3D e costruita per molto meno – fino a $ 50. Questo costo inferiore è molto utile, poiché i bambini possono rapidamente crescere o danneggiare le loro protesi. La stampa 3D può garantire una facile sostituzione, che a sua volta aiuta i bambini che ne hanno bisogno a sentirsi più normali.

Zuniga ha spiegato: “Ciò che facciamo qui è sostanzialmente fornire dispositivi protesici adatti ai bambini che nascono senza un arto o che perdono un arto a causa di un incidente”.

Se conosci un bambino che potrebbe essere interessato e in grado di partecipare a questo studio UNO, o se desideri semplicemente ulteriori informazioni sulla ricerca, invia un’email a Zuniga a: jmzuniga@unomaha.edu .

Quindi, come fai a sapere se un bambino si qualifica per questo importante studio? In primo luogo, devono avere un’età compresa tra 3 e 17 anni, con riduzioni congenite dell’arto superiore della mano (mano parziale) o del braccio (trans-radiale). Non devono presentare lesioni muscoloscheletriche agli arti superiori o abrasioni cutanee e i partecipanti con normale funzione dell’arto superiore devono essere in grado di completare i test. Infine, devono poter viaggiare all’università da qualsiasi destinazione nazionale.

I bambini che saranno scelti come partecipanti allo studio dovranno visitare il laboratorio presso l’edificio di ricerca biomeccanica dell’università, accompagnati da un genitore, in due diverse occasioni a distanza di otto settimane. Zuniga e il team di ricerca forniranno ai partecipanti una protesi stampata in 3D da mantenere e, tra una visita e l’altra, il bambino dovrà eseguire diversi giochi usando la protesi. Durante le visite, verrà chiesto loro di indossarlo e prendere parte a diversi giochi, come spostare giocattoli o blocchi in giro, indossando anche un berretto con sensori collegati in modo da poter misurare la loro attività cerebrale. Inoltre, verranno prese più misurazioni delle braccia del bambino.

I partecipanti e le loro famiglie riceveranno la protesi stampata in 3D gratuitamente e riceveranno anche un piccolo stipendio per la partecipazione. Saranno inoltre coperti le loro disposizioni di viaggio, trasporto e sistemazione in hotel – da qualsiasi destinazione nazionale.

Be the first to comment on "UNO Researchers cerca partecipanti per testare le braccia protesiche stampate in 3D"

Leave a comment