Università insieme per migliorare la stampa 3d metal

Sono stati fatti molti sforzi per determinare la causa dei difetti nella stampa 3D metal che può portare a punti deboli come schizzi e micro screpolature nelle componenti stampate in 3D finali. La collaborazione è fondamentale per condurre questo tipo di lavoro  e per questo più istituti di ricerca e università lavoreranno insieme per trovare le risposte.

Una partnership per lo studio e la promozione della stampa 3D in metallo si è formata tra gli scienziati dell’Università del New South Wales ( UNSW ) a Sydney e diverse altre università sia in Australia che negli Stati Uniti. La collaborazione ha appena ricevuto una sovvenzione governativa da 3 milioni di dollari.

La sovvenzione è stata assegnata per un’iniziativa di produzione additiva, guidata dall’Università di Sydney , che prevede di rinnovare le fabbriche del futuro. L’onorevole Christopher Pyne MP , Ministro dell’Industria della Difesa dell’Australia, è stato il primo ad annunciare il progetto, e ha affermato che avrebbe aiutato a facilitare il ruolo del Paese nell’iniziativa di ricerca universitaria multidisciplinare (MURI), che è amministrata dal Dipartimento degli Stati Uniti di Difesa .

Il potenziale esiste per una ulteriore fase di rinnovo biennale dell’iniziativa se tutto va bene.

La Dott.ssa Sophie Primig , responsabile del progetto UNSW e Senior Lecturer e ARC DECRA Fellow della UNSW  School of Materials Science & Engineering , ha dichiarato: “Sta succedendo qualcosa di molto eccitante nel mondo della produzione.

“Dalla difesa alla costruzione a tutte le piattaforme di trasporto, la stampa 3D sta emergendo come una profonda interruzione. Ha creato nuove frontiere scientifiche nella metallurgia fisica e nuove opportunità tecnologiche per i produttori “.
Le istituzioni accademiche statunitensi che partecipano al progetto di ricerca sulla stampa 3D collaborativa in metallo includono l’Università del Tennessee-Knoxville; l’Università della California, Santa Barbara; la Colorado School of Mines; Iowa State University; Ohio State University; e il Virginia Polytechnic Institute. UNSW era una delle quattro università australiane scelta per lavorare sotto MURI e condurre ricerche congiunte con le università statunitensi su importanti progetti di difesa.

“La stampa 3D avanzata è incredibilmente complessa. Sappiamo quanto sia complessa la saldatura “, ha detto il dott. Primig. “Ora pensate a migliaia di passaggi di saldatura altamente localizzati e alla sovrapposizione di tutti questi cicli termici e di stress.

“Questo sostegno del governo australiano, unito alle nostre collaborazioni locali e globali, consente a UNSW Sydney di contribuire alla rinascita delle capacità produttive australiane”.
Insieme ai suoi colleghi ricercatori, il dottor Primig utilizzerà la sovvenzione di $ 3 milioni per studiare le potenziali possibilità di nuove tecnologie dei materiali, nonché “affrontare la nuova scienza dei materiali fondamentali su come funziona la produzione additiva”.

Ma questa ricerca di stampa 3D in metallo non è tutto ciò che UNSW sta lavorando per il DoD. In un progetto MURI separato, l’università sta anche collaborando con la Griffith University, la University of Technology di Sydney, la Duke University, l’Università dell’Oregon e il MIT sul rilevamento e controllo quantici integrati per operazioni di qubit ad alta fedeltà.

In una dichiarazione, il Ministro Pyne si è congratulato con le quattro università australiane, affermando: “Poiché queste università sono state scelte da un pool di oltre 400 proposte, questo è un grande risultato, che dimostra che i ricercatori australiani sono di classe mondiale.

“La ricerca in questo settore migliorerà la manovrabilità di persone e piattaforme autonome in ambienti in cui i sistemi di navigazione tradizionali sono inefficaci”.

Be the first to comment on "Università insieme per migliorare la stampa 3d metal"

Leave a comment