Una stampante 3D per migliorare la qualità della produzione agricola idea di Abel Nortjé uno studente sudafricano durante uno stage presso la ZZ2

Studente di ingegneria meccanica del Sud Africa crea una stampante 3D per migliorare la qualità della produzione agricola e dei prodotti

Gli studenti in Sud Africa hanno recentemente avuto la possibilità di arricchire le loro menti imparando di più sulla tecnologia progressiva, oltre ad aiutare a spingere l’agricoltura nelle regioni vicine più avanti nel futuro con la stampa 3D.

Vantaggi come la capacità di produrre con una qualità migliore, risparmiare denaro e godere della velocità in termini di turnaround, che alla fine finiscono per soddisfare i clienti, rende questa tecnologia interessante per una vasta gamma di aziende in tutto il mondo. Ma la maggior parte degli educatori sta realizzando i suoi benefici intrinseci per gli studenti di tutte le età, come i laboratori e le opportunità nella stampa 3D diventano disponibili, spesso a causa di sovvenzioni governative o contributi di beneficenza da parte dei produttori di stampa 3D che godono della differenza che i loro prodotti possono apportare nelle giovani vite.

All’università di Pretoria , Abel Nortjé ha recentemente partecipato a un programma di lavoro degli studenti creato da un’azienda agricola in Sudafrica nota come ZZ2 (nota per la coltivazione di un’ampia varietà di frutta e verdura). L’idea è che i giovani studenti brillanti lavorino con i mentori in numerose discipline, imparando a conoscere campi come: Orticoltura, Agronomia,l’Ingegneria,la Tecnologia dell’informazione e il Marketing
Mentre espandono le loro menti per quanto riguarda diversi settori e potenziali idee per carriere nel futuro, gli studenti hanno anche la possibilità di conoscere meglio la filosofia di ZZ2 sui sistemi viventi e la condivisione delle conoscenze in generale, indipendentemente dal fatto che decidano di partecipare come stagisti in partnership a lungo termine. -O più impegni temporanei come programmi di lavoro che durano sei settimane.

Nortjé è stato coinvolto in uno dei progetti più brevi offerti durante la sua pausa invernale lo scorso anno. Come studente del terzo anno in ingegneria meccanica, ha lavorato con l’ingegnere ZZ2 Ian van Brouwershaven nella creazione di una stampante 3D.

“Ho adorato il progetto perché implicava anche il lavoro con le mani e puoi vedere il risultato finale”, afferma Nortjé.

In definitiva, il piano che sta dietro alla creazione della stampante 3D è quello di fabbricare frutta plastica per i test nei sistemi di consegna e di stoccaggio. Soprannominato “e-fruit”, le parti stampate in 3D consisteranno in sensori interni che monitorano la temperatura, consentendo loro di rilevare quando una mela o un pomodoro vengono lasciati cadere.

“Possono raccogliere dati nel processo di trasporto, dalla terra al supermercato, se il frutto è esposto a temperature alte o basse, il che influisce sulla qualità”, ha affermato Nortjé.

“Speriamo di poter stampare oggetti più grandi a un ritmo più veloce”, ha continuato il tirocinante di ingegneria, facendo riferimento ai piani per la stampante 3D creata durante il progetto.

Abel Nortje, ha realizzato una stampante 3D durante un programma studentesco-dipendente con un’azienda agricola sudafricana ZZ2.

Le prime due settimane di tirocinio di Nortjé sono state dedicate alla ricerca di come fare, mentre le settimane successive sono state riempite con l’effettivo edificio e la rifinitura dell’hardware e dei sistemi operativi associati. Insieme a Brouwershaven, lo stagista di ingegneria aveva anche ulteriore aiuto dal dipartimento tecnico di ZZ2.

Trasmettere la conoscenza e “nutrire giovani menti” è una delle missioni di ZZ2 e Van Brouwershaven ritiene che tali progetti e istruzione per studenti siano importanti in generale per il Sudafrica. Mentre possono fare brainstorming e collaborare a progetti tecnici e ingegneristici che potrebbero avere un valore sostanziale per il futuro, gli studenti coinvolti nei progetti di stampa 3D sono anche in grado di ottenere un’intensa formazione esperienziale nell’apprendimento STEM, e molti datori di lavoro oggi si affannano per trovare laureati con tale conoscenza e talento.

“Porteranno ZZ2 nel futuro e dovranno avere l’opportunità di superare le sfide. Siamo entusiasti di farne parte “, afferma Van Brouwershaven.

Insieme al concetto di fattorie di stampa 3D , l’uso della stampa 3D nell’agricoltura convenzionale è stato esplorato a titolo sperimentale in numerosi progetti fino ad ora, dai droni usati per monitorare le colture a nuovi metodi di piscicoltura . In particolare, ZZ2 è favorevole all’utilizzo della tecnologia per far progredire gli sforzi agricoli in Sud Africa, e sono stati coinvolti in sforzi di riforma agraria volti a trasformare la società in meglio.

Be the first to comment on "Una stampante 3D per migliorare la qualità della produzione agricola idea di Abel Nortjé uno studente sudafricano durante uno stage presso la ZZ2"

Leave a comment