Una replica dell’arco di San Pedro de las Dueñas all’entrata del giardino del Museo archeologico nazionale spagnolo (MAN) a Madrid

Il giardino del Museo archeologico nazionale spagnolo (MAN) a Madrid è ora sede di un arco alto 2,2 m. Una replica dell’arco di San Pedro de las Dueñas, già parte della collezione del museo, questo monumento è stato realizzato per aiutare a dimostrare il potenziale delle tecnologie emergenti e il loro ruolo nella conservazione storica.

L’arco è stato realizzato in collaborazione con ACCIONA , il gruppo conglomerato spagnolo responsabile della gestione infrastrutturale e delle energie rinnovabili. Secondo Andrés Carretero, direttore di MAN, questo sviluppo “mette il museo in prima linea a livello mondiale nell’applicazione delle nuove tecnologie alla diffusione e alla conservazione del patrimonio culturale”.

Interessato in particolare ai vantaggi ecofriendly della stampa 3D, ACCIONA ha studiato il potenziale della tecnologia per diversi anni. Nel 2016, lavorando con l’ Istituto per l’architettura avanzata della Catalogna (IAAC), il gruppo in precedenza ha contribuito a produrre il primo ponte stampato in 3D della nazione che ora si trova vicino al quartier generale di ACCIONA ad Alcobendas. Successivamente, nel 2018, la compagnia ha collaborato con il bungalow stampato in 3D dell’Università Tecnica di Valencia (UPV) .

L’arco di Dueñas di MAN è stato prodotto utilizzando la stessa tecnologia del ponte stampato 3D di ACCIONA. Inventato dall’ingegnere meccanico italiano Enrico Dini , il sistema utilizzato era una stampante 3D D-Shape che lega la sabbia con una “acqua di mare inorganica” e legante a base di magnesio. “

Risalente all’Europa medievale, l’Arco di Dueñas, letteralmente “l’arco del Duca”, è un esempio duraturo di architettura romanica. Precedentemente parte di un monastero che porta lo stesso nome nella regione di Castiglia e León, nella Spagna nordoccidentale, questo arco è ora conservato per la conservazione culturale all’interno del MAN di Madrid.

Replicando l’arco, MAN e ACCIONA cercano di evidenziare l’importanza di proteggere l’eredità della nazione e di consentire una maggiore interazione pubblica con la collezione del museo. Si erge nel giardino a 2,2 m di altezza per 3,3 m di larghezza, ed è fatto per durare. Secondo il comunicato stampa ufficiale di ACCIONA per il progetto, “La durabilità del materiale consente, per la prima volta, di ottenere una riproduzione architettonica adatta a luoghi esterni, data la sua capacità di resistere alle condizioni meteorologiche.”

Accrescendo ulteriormente la natura interattiva del museo, diversi manufatti della collezione MAN sono stati ricreati digitalmente e stampati in 3D, consentendo ai visitatori di gestirli. Questi oggetti includono il Crocifisso di Ferdinando e Sancha (León), risalente alla metà dell’XI secolo e originariamente fatto di avorio; la fibula aquiliforme Alovera (Guadalajara), una spilla d’aquila del VI secolo realizzata in bronzo e vetro; e l’Astrolabio di Ibrāhim ibn Sa’īd al-Shalī (León), un tempo usato dagli astronomi per misurare l’altitudine dei pianeti.

Altrove nelle arti, il Deutsches Museum di Monaco sta usando la stampa 3D per produrre una facciata per il suo ingresso temporaneo , e il Victoria & Albert Museum (V & A) di Londra ha inserito una scultura stampata in 3D di Scan the World nella sua collezione permanente.

Be the first to comment on "Una replica dell’arco di San Pedro de las Dueñas all’entrata del giardino del Museo archeologico nazionale spagnolo (MAN) a Madrid"

Leave a comment