Una nuova scatola del cambio stampato in 3d per la Amilcar C6 una macchina da corsa francese del 1927 il tutto grazie a KW

KW Special Projects (KWSP)  e la società sorella , KW Motorsport (KWM), ridanno vita ad una auto da corsa francese del 1927 grazie alla stampa 3D.

1930brooklands amilcar c6La stampa 3D è stata una manna per l’industria automobilistica, non solo perché si tratta di un processo di trasformazione per la produzione industriale di componenti di alta qualità, ma anche perché la prototipazione consente velocità nella creazione e nei test, per non parlare del re-design e e del re-fits molto più facili.

KW Special Projects (KWSP)  e la società sorella , KW Motorsport (KWM) hanno deciso di mettere insieme i loro talenti nel ripristinare una  Amilcar C6, una macchina da corsa  francese del 1927. Hanno anche dato una chiara dimostrazione delle magie offerte dalla stampa 3D, nella riproduzione di una parte di una auto che non esiste più partendo da  una foto in bianco e nero. Si tratta del caso della vecchia scatola del selettore del cambio.

Il mondo continuerà a sopravvivere senza un’altra macchina o un altra parte più difficile da trovare, ma è interessante chiedersi come mai avrebberopotuto riprodurre la macchina senza la stampa 3D.

KWSP offre servizi di ingegneria ad alte prestazioni per veicoli, specializzata nell’affrontare le sfide innovative. I loro grandi uffici  e laboratori  di ricerca e sviluppo sono nellaMotorsport Valley britannica, che ospita più di 1000 altre società che compongono l’High Performance Technologies cluster.

SU questo progetto ha arruolato la sorella KW Progetti Speciali, rendendosi conto che era un lavoro adatto per la competenza dei loro ingegneri.

Il team ha utilizzato quei pochi i dati esistenti che erano a disposizione per iniziare a progettare la nuova componente in SolidWorks. Hanno quindi utilizzato una combinazione di stampa 3D e fusione di alluminio per portare il  componente ‘in vita.’

“I componenti  originali sono stati fabbricati a partire da modelli fatti a mano, non ci sono molte caratteristiche esatte all’interno del che possano essere previsti.”

“Inoltre, la nuova posizione ergonomica del cambio tramite il collegamento a distanza non era facile da prevedere, quindi non solo abbiamo dovuto fare del reverse engineering  , ma anche la sua installazione in auto con la paratia del cruscotto e il volante è stata complessa al fine di ottenere il corretto posizionamento. ”

Non è esattamente chiaro il motivo per cui lacomponente è stata utilizzato nel progetto originale dell’auto francese, ma gli ingegneri ipotizzano che fosse una personalizzazione fatta a suo tempo per offrire un maggiore comfort nella guida.

“Questo è stato un progetto unico che ha richiesto non solo know-how tecnico delle più recenti tecniche AM, ma anche creatività e l’intuizione”, ha spiegato Salter. “Con l’ Utilizzo dell’ AM (addittive manuacturing) invece dei metodi di produzione tradizionali, i nostri ingegneri sono stati in grado di progettare e realizzare le parti in modo rapido e conveniente grazie alla tecnologia di stampa 3D. Questo approccio ci ha permesso di montare un prototipo stampato nella macchina  reale che si inseriva perfettamente nell’abitacolo e ha anche ottenuto l’approvazione del proprietario. ”

Il cielo è l’unico limite,  questo significa che nessuna macchina dovrà mai andare al cimitero automobilistico .  Potranno essere resuscitate grazie alla stampa 3d.

Be the first to comment on "Una nuova scatola del cambio stampato in 3d per la Amilcar C6 una macchina da corsa francese del 1927 il tutto grazie a KW"

Leave a comment